Buon compleanno

Pac-Man festeggia i 35 anni con un titolo per piattaforme mobile davvero notevole

RECENSIONE di Andrea Palmisano   —   25/08/2015
12

Pac-Man ha da poco compiuto 35 anni. Trentacinque. Pensare a quante cose sono cambiate in un periodo così lungo mette i brividi, eppure oggi ci sono ancora milioni di persone in tutto il mondo che stanno giocando al capolavoro di Tohru Iwatani. Il motivo è semplice: si tratta di un prodotto sospeso nel tempo, immortale, intramontabile, che non a caso è entrato nella cultura di massa trascendendo dai limiti del mondo dei videogiochi. Dal 1980 ad oggi il brand è stato inevitabilmente utilizzato per dar vita a seguiti diretti, platform, avventure 3D e via dicendo, con risultati spesso e volentieri discutibili, se non propriamente fallimentari. Eppure Namco non ha mai desistito dall'idea di sfruttarne la popolarità, ragion per cui l'ultimo tentativo in tal senso ha assunto le fattezze di un endless game freemium per piattaforme mobile. Prima di urlare al sacrilegio strappandovi le vesti di dosso, vi consigliamo di proseguire la lettura almeno un altro po'...

Pac-Man 256 è un ottimo modo per festeggiare i 35 anni di una autentica icona del mondo dei videogiochi

Happy pac-day

Buon compleanno

La prima lezione che Namco sembra aver compreso è che il nome, da solo, non basta. Ci vuole alle spalle un team che sappia il fatto suo, con idee valide e capacità concrete. Tale descrizione calza a pennello su Hipster Whale, team australiano composto da sole 4 persone che con alle spalle il gigantesco successo di Crossy Road, rivisitazione dell'idea di Frogger che ha fruttato qualcosa come 10 milioni di dollari nei primi 90 giorni di pubblicazione. Dalla collaborazione (col supporto anche di 3 Sprockets) è nato quindi questo Pac-Man 256, un gioco che già dal titolo sa come farsi amare: il 256 è infatti un riferimento al fantomatico livello legato ad un bug storico del primissimo Pac-Man, che causava l'apparizione sulla parte destra dello schermo di simboli casuali rendendo quasi impossibile la prosecuzione. L'omaggio però non è soltanto nel titolo, ma al contrario si estende alle fondamenta stesse del gameplay ideato da Hipster Whale a sostegno della formula endless: in pratica il labirinto infinito va affrontato senza esitazioni e rallentamenti proprio perché alle spalle del protagonista giallo è destinato ad apparire proprio il bug 256, da cui bisogna inevitabilmente cercare di fuggire il più a lungo possibile. Tutto questo attraverso uno scrolling dal basso verso l'alto ma con una prospettiva inclinata 3D che ricorda in maniera molto evidente quella adottata appunto in Crossy Road (e anche l'interfaccia è praticamente identica). Il risultato è un gameplay che, pur non potendosi definire certamente fresco o innovativo, appare pienamente riuscito: alla necessità di sopravvivenza si accompagna quella della ricerca del punteggio più alto, che passa attraverso la raccolta delle pillole (possibilmente senza interruzioni per aumentare il moltiplicatore), della frutta e l'eventuale eliminazione dei fantasmi. Questi ultimi mantengono il ruolo di assoluto rilievo che avevano anche nell'originale, rappresentando una minaccia costante per il giocatore. Il colore di ognuno di essi determina il suo comportamento, un fattore che ben presto andrà ben memorizzato per poter ambire a mantenersi in vita il più a lungo possibile.

Buon compleanno

Il punteggio finale si potrà poi condividere nelle classifiche online, così da confrontarlo con quello dei propri amici. Dove Pac-Man 256 offre il maggiore elemento di distacco rispetto al capostipite è però nella presenza dei power up, che si traducono in una serie di potenziamenti a tempo che si possono raccogliere, e quindi attivare, semplicemente passandoci sopra. Questi possono essere un laser che polverizza qualsiasi malcapitato fantasmino si ponga di fronte, o un congelamento capace di rallentarne i movimenti, o ancora un tornado, una bomba, un Pac-Man gigante, una striscia di fuoco, l'invisibilità e via dicendo: tutti oggetti che aumentano la varietà e l'aspetto strategico del gioco, rendendolo così interessante anche sulla lunga distanza e mitigandone almeno parzialmente l'inevitabile ripetitività. Per quanto riguarda la componente freemium, ormai vera e propria croce del mobile gaming, va detto che anche in questo caso Namco e Hipster Whale hanno compiuto scelte tutto sommato accettabili e non troppo invadenti. In pratica, se si accetta di non utilizzare i power-up, Pac-Man 256 non offre alcun limite alla sua fruizione. Per attivare tali vantaggi è invece necessario spendere un credito dei 6 disponibili, che vanno intesi più o meno come dei gettoni di un coin-op; ogni credito viene recuperato nel corso di 10 minuti, oppure bisogna mettere mano al portafogli al prezzo di 0,99€ per 12 "gettoni" o 7,99€ per averne illimitati. Ci sono poi le monete, da raccogliere sparse nei livelli o attraverso il raggiungimento di certi obiettivi, o ancora guardando video pubblicitari; queste consentono di migliorare i potenziamenti, amplificandone la durata e l'efficacia.

Versione testata
iPhone (1.0)
Prezzo
Gratis
Multiplayer.it

8.8

Lettori (5)

9.0

Il tuo voto

Pac-Man 256 è una rivisitazione del capolavoro di Namco che appare contemporaneamente fresca e rispettosa del materiale originale, dando così vita ad un titolo mobile estremamente piacevole e perfettamente a proprio agio sul touch screen. Tenendo anche in conto un elemento freemium tutt'altro che invasivo che consente di giocare all'interno di limiti del tutto sopportabili, il risultato è quindi un download praticamente obbligato.

PRO

  • Formula di gioco moderna ma rispettosa del materiale originale
  • Elemento freemium più che accettabile
  • Perfetto per l'ambiente mobile
  • Molto divertente

CONTRO

  • Come tutti gli endless, alla lunga risulta ripetitivo