A spasso con Michonne 34

Telltale Games torna nel mondo di The Walking Dead per dedicare una nuova storia a Michonne

RECENSIONE di Rosario Salatiello   —   24/02/2016

Indice

Poche altre opere sono state abili nell'uscire al di fuori del loro genere d'intrattenimento d'origine come The Walking Dead. Al di là della sua indubbia qualità, il fumetto creato dalla matita di Robert Kirkman è diventato un successo planetario sfruttando anche il trampolino di lancio offerto dall'omonima serie televisiva, alla quale hanno fatto seguito diverse creazioni provenienti dal mondo videoludico. Come abbiamo ricordato in uno speciale pubblicato pochi giorni fa, le avventure di Rick Grimes e del suo gruppo si sono infatti prestate a più riprese in questo ambito, soprattutto grazie a Telltale Games che ne ha sfruttato l'ambientazione per metterci nei panni di Lee e della piccola Clementine. In attesa di pubblicare in questo stesso 2106 la Season 3 vera e propria di The Walking Dead, lo studio con base a San Rafael è tornato all'opera per dedicarsi a uno dei personaggi più amati dai fan sia dei fumetti che della serie TV: Michonne. Ecco quindi la nostra recensione di In Too Deep, primo dei tre episodi previsti fresco d'uscita.

Katana o machete il risultato non cambia: Michonne affetta zombie in The Walking Dead!

Zombie di mare

The Walking Dead: Michonne segna la prima volta in cui ci ritroviamo nei panni di uno dei protagonisti della storia principale in un videogioco targato Telltale. Nonostante in passato fosse capitato d'incontrare alcuni dei personaggi chiave, il nostro alter ego virtuale era infatti sempre stato un personaggio creato appositamente, la cui storia s'intrecciava con quella degli albi a fumetti in modo marginale.

La miniserie su Michonne va invece a inserirsi in un momento della narrazione ben preciso, vale a dire quello tra gli albi numero 126 e 139 del fumetto americano, in cui la donna famosa per la sua abilità con la katana esce fuori dal racconto riguardante Rick e compagnia. Si tratta in realtà di un punto in cui la serie trasmessa da AMC non è ancora arrivata, ma non preoccupatevi perché almeno in questo primo episodio non ci sono particolari spoiler. Pur raccontando quanto accaduto a Michonne nell'intervallo di tempo trascorso lontano dagli altri sopravvissuti, la miniserie di Telltale va infatti a focalizzarsi sul conflitto vissuto dal personaggio e sulla sua storia precedente all'invasione degli zombie, piuttosto che sugli eventi immediatamente precedenti alla separazione dal gruppo. Le cose sono messe piuttosto in chiaro durante la scena iniziale del gioco, in cui Michonne ci viene mostrata nel mezzo di una specie di sogno a occhi aperti, dove si ritrova a combattere contro alcuni zombie mentre viene assalita dai sensi di colpa per la scomparsa delle sue due figlie. Un elemento che porterà con sé per tutto il resto del primo episodio e immaginiamo anche oltre, dopo aver incontrato proprio in questa fase iniziale uno dei nuovi compagni d'avventura con cui intraprenderà un viaggio via mare.

Buona la prima?

Vista la natura fortemente improntata sulla narrazione delle produzioni Telltale non andremo oltre sui dettagli della trama, limitandoci a parlare del suo sviluppo in linea generale. Il primo episodio di The Walking Dead: Michonne svolge più che altro un compito introduttivo, comunque necessario nonostante esso sia dedicato a uno dei personaggi più noti di The Walking Dead. L'obiettivo è infatti quello di mostrarci i fantasmi provenienti dal passato della protagonista, tormentata ancora una volta dall'angoscia per aver perso quanto di più caro aveva nella sua vita.

Soprattutto nel corso della sua prima parte, In Too Deep non disdegna in realtà di metterci di fronte a una serie di scene d'azione con gli immancabili zombie, proposte al giocatore attraverso l'uso dei quick time event. Una componente di cui questo primo episodio di The Walking Dead: Michonne finisce però per abusare, scoprendo ancora una volta il fianco a chi critica l'aspetto ludico delle produzioni targate Telltale. Nel momento in cui la noia della ripetitività sta per prendere il sopravvento, per fortuna le cose iniziano a movimentarsi anche dal punto di vista emotivo: non a caso succede quando gli zombie si fanno da parte, per lasciare spazio ai rapporti tra gli esseri umani. La seconda parte di In Too Deep scivola via in modo nettamente migliore rispetto alla prima, coinvolgendo il giocatore in una serie di dialoghi che porta fino all'immancabile finale aperto con colpo di scena annesso. Complice anche la durata al di sotto delle due ore, bisogna comunque dire che non ci sono momenti particolarmente memorabili, ma la cosa fa almeno ben sperare per il secondo episodio. Prima di lasciarci, diamo una rapida occhiata all'aspetto tecnico: The Walking Dead: Michonne riprende dal punto di vista grafico lo stesso stile fumettoso conosciuto in occasione delle prime due stagioni realizzate da Telltale, mentre per quanto riguarda l'audio annotiamo la presenza di Samira Wiley (Orange is the New Black) nei panni di Michonne. Segnaliamo inoltre la totale assenza di supporto alla lingua italiana, anche per i sottotitoli. In conclusione, dopo questo primo incontro con The Walking Dead: Michonne ci sentiamo di consigliare In Too Deep solo ai fan più accaniti della sua protagonista e a chi non vuole perdersi neanche un'avventura di Telltale. Invitiamo invece tutti gli altri ad aspettare quantomeno le considerazioni sul secondo episodio, prima di procedere con l'acquisto anche perché in questo caso è possibile solo acquistare l'intero season pass a 14,99€ e non i singoli episodi.

Requisiti di Sistema PC

Configurazione di Prova
  • Sistema operativo: Windows 10
  • Processore: Intel i7 920 @ 4,2 GHz
  • Memoria: 16 GB RAM
  • Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 970
Requisiti minimi
  • Sistema operativo: Windows XP Service Pack 3
  • Processore: Core 2 Duo 2GHz
  • Memoria: 3 GB RAM
  • Scheda video: ATI o NVIDIA con 512 MB di RAM
  • DirectX: Versione 9.0
  • Spazio su disco: 3 GB
Versione testata
PC Windows
Digital Delivery
Steam, PlayStation Store, Xbox Store, App Store, Google Play
Prezzo
14,99 €
Multiplayer.it

Lettori (7)

7.4

Il tuo voto

PRO

  • Copre un pezzo di storia mancante nei fumetti
  • Michonne è sempre Michonne
  • Interessante verso la fine

CONTRO

  • Quick time event abusati e oltremodo semplici
  • Ci mette troppo a carburare
  • Valore narrativo tutto da verificare