La recensione dell'ASUS GL502VS  65

ASUS rinnova la sua linea di notebook gaming

RECENSIONE di Mattia Comba   —  5 mesi fa

La via seguita da ASUS è quella di riuscire a coniugare con sempre maggiore efficacia alte prestazioni e trasportabilità, con l'obiettivo di incastonare sempre più potenza di calcolo e qualità dell'immagine in un notebook che sia davvero compatto e maneggevole, lontano anni luce da quei titani molto pesanti che occupavano il mercato solo qualche anno fa. In tal senso ha aiutato la sempre maggiore innovazione portata da NVIDIA: il produttore di Santa Clara con la sua ultima famiglia di schede video con architettura Pascal ha finalmente fatto cadere la barriera prestazionale che divideva le schede video desktop da quelle notebook, portando sui portatili performance mai viste. Sull'altro fronte, la qualità dell'immagine non si esprime solamente attraverso la definizione delle texture e gli effetti di post processing, ma anche attraverso la tipologia di pannello utilizzato per il monitor, con soluzioni quale il G-Sync che aiutano ad evitare fastidiosi artefatti. Con il nuovo GL502, ASUS migliora la generazione precedente sotto molteplici punti di vista, puntando sulla GTX 1070 e su un monitor Full HD IPS da 120 Hz dalla notevole resa visiva.

Compatto e potente

Il GL502VS migliora il suo predecessore adottando processori Intel di settima generazione e, come detto, la scheda video GTX 1070 appartenente all'ultima famiglia di GPU NVIDIA. Tuttavia, oltre ai cambi sotto il cofano, è soprattutto a livello estetico che il notebook ASUS stacca il suo predecessore presentandosi sul mercato più sottile e leggero: il peso del prodotto si ferma a 2,2 Kg facendone uno dei più leggeri presenti sul mercato con queste caratteristiche hardware, mentre lo spessore rimane ancorato a 23,5 mm, entrambe caratteristiche che lo rendono facilmente trasportabile. Lo spessore contenuto è accompagnato da linee semplici e spigoli arrotondati che ne addolciscono le forme.

La scelta dei materiali è come sempre ottima, con plastiche rigide di qualità che donano grande solidità al portatile. Di livree ce ne sono di diversi tipologie, dalla più classica nera alla più ricercata in titanium gold, come nel caso del modello che ci è giunto in redazione da testare. Rimane invariato invece il logo ROG (Republic of Gamers) che campeggia sulla parte frontale, affiancato da due strisce rosse che danno un tocco di colore alla scocca. Il pannello IPS con risoluzione Full HD, diagonale da 15,6 pollici e frequenza di aggiornamento fino a 120Hz ha un'ampio angolo di visuale e un'ottima resa cromatica, i neri sono profondi e il contrasto accurato anche se per dare il meglio necessita di un po' di calibrazione rispetto ai valori predefiniti. È presente il modulo G-Sync che permette di avere una costante sincronizzazione tra scheda video e monitor evitando fastidiosi fenomeni di teating e stuttering, un plus più che gradito soprattutto considerando che tali artefatti diventano più frequenti una volta che si alza il refresh rate dello schermo. Nella parte superiore trova posto la webcam con microfono digitale integrato dotato di filtro anti rumore per registrare filmati fino a 1080p e 30 frame al secondo. La tastiera sviluppata ovviamente da ASUS ha layout in italiano e tastierino numerico, facendo del GL502VS non solo un portatile per giocare, ma anche un ottima soluzione per coloro che sono alla ricerca di un compagno di studio o di lavoro veloce e potente, con cui potersi anche rilassare con sessioni di gaming di alto livello. I tasti ad isola sono ampi e silenziosi, hanno un ottimo feedback grazie alla corsa di soli 1,6 mm per un'ottima reattività, mentre la retroilluminazione rimane un'aggiunta sempre gradita. Sui lati trovano posto le porte USB 3.1 e Type-C, ingressi per microfono e cuffie, una porta HDMI e una Mini DisplayPort. È presente la connessione Wi-Fi 802.11ac e standard Bluetooth 4.0.

GTX 1070 a 120Hz

Sotto la tastiera, ASUS non si risparmia e prende per il suo GL502VS le migliori soluzioni presenti sul mercato migliorandosi rispetto alla generazione precedente. Il GL502VS si dimostra pronto a fronteggiare tutto ciò che il panorama videoludico odierno ha da offrire grazie al processore Intel Core i7-7700HQ lanciato all'inizio di quest'anno con la nuova architettura Kaby Lake. Si tratta di un quad core con Hyperthreading da 2,8 GHz (in grado di raggiungere i 3,8 GHz grazie alla tecnologia Turbo Boost di Intel) che troviamo in accoppiata con la GeForce GTX 1070. La GPU di NVIDIA porta il chip grafico GP104 su notebook con 2048 CUDA Cores, frequenza di base fissata a 1443 MHz che arriva fino a 1645 MHz e 8GB di memoria video GDDR5. A completare il pacchetto troviamo 16 GB di memorie RAM DDR4, un SSD da 256 GB sul quale è installato il sistema operativo Windows 10 e un ulteriore hard disk tradizionale da 1TB a 7200 rpm.

Sul fronte del raffreddamento ASUS propone l'Hyper Cool Duo-Copper, un sistema di dissipazione del calore molto efficace che riesce a mantenere sempre sotto controllo le temperature della componentistica grazie a un sistema a doppia ventola che garantisce un flusso di aria indipendente sia al processore che alla scheda video. Mettendo il sistema sotto stress con i benchmark non abbiamo mai riscontrato temperature superiori a 80 gradi e, anche dopo lunghe sessioni di gioco, le ventole alla massima velocità non sono mai diventate troppo rumorose, confermando la bontà del lavoro fatto da ASUS. Niente di nuovo sotto il sole per quanto riguarda la batteria, che nonostante l'impiego di processore Kaby Lake e scheda video Pascal si dimostra ancora inadeguata ad accompagnarci durante una sessione di gaming più corposa. Qui, si sa, tocca adattarsi e giocare sempre con una presa di corrente nelle vicinanze, ma l'esperienza ludica proposta dal GL502VS è di assoluto livello. L'accoppiata GTX 1070 e monitor Full HD G-Sync permette di giocare fluidamente senza avere problemi di tearing o stuttering.

La scheda video di NVIDIA è una scelta eccellente per un portatile che non può andare oltre alla risoluzione di 1080p, superando la fatidica soglia dei 60 fotogrammi al secondo con parecchi titoli: da The Division a GTA V a dettaglio Ultra, passando per l'ultimo arrivato Prey e fino ad attivare a The Witcher 3, che rimane attorno al valore soglia delle sessanta immagini al secondo anche a dettaglio ultra, per poi salire tranquillamente verso i novanta una volta ridotte le impostazioni ad High. In tal senso, l'unico rammarico è dato proprio dal refresh rate dello schermo che a 120Hz potrà essere sfruttato a dovere solamente con alcuni titoli più leggeri e performanti, mentre con quelli più pesanti come appunto The Witcher 3 o Watch Dogs 2 richiederà grossi compromessi grafici per permettere alla GTX 1070 di raggiungere i 120 fps e sfruttare al meglio il G-Sync e le caratteristiche del pannello. Se siete amanti di titoli online multiplayer dove la fluidità è tutto come i frenetici sparatutto del calibro di Counter Strike o Overwatch, oppure MOBA o RTS, la presenza di un monitor a 120Hz fa davvero la differenza in termini di fluidità dell'immagine.

Nel complesso non possiamo che ritenerci soddisfatti dell'ultimo arrivato in casa ASUS, un notebook potente, ma soprattutto leggero e trasportabile che permette di giocare in mobilità senza troppi grattacapi.

PRO

  • Schermo IPS da 15,6 pollici con G-Sync a 120 Hz...
  • La GTX 1070 è ottima per il Full HD
  • Ottima scelta dei materiali

CONTRO

  • ...sfruttato al meglio solo con alcuni titoli
  • Prezzo elevato