Firefighter FD 18  0

Chi di voi non ha mai sognato da piccolo di diventare un vigile del fuoco?? Adesso quel sogno potrà realizzarsi...

RECENSIONE di La Redazione  —   21/06/2004

Never ever say casualties!

FFD18 è un action game dal concept piuttosto semplice, ma che riesce allo stesso tempo ad essere molto originale grazie ad una realizzazione che esce fuori dai soliti canoni imposti da questo tipo di gioco, in cui a prevalere è quasi esclusivamente l’uso di armi da fuoco e da taglio. L'alter ego che impersoneremo è un pompiere di nome Dean McGregor, che si troverà armato esclusivamente di ascia e di pompa dell’acqua per raggiungere il suo unico obiettivo: salvare tutti i civili intrappolati nel fuoco. Tutto ciò che dovremo fare quindi sarà usufruire di queste due armi per spegnere gli incendi e per liberare il passaggio di eventuali ostacoli che ci impediscono il raggiungimento delle vittime dell’incendio, ma soprattutto dovremo evitare una marea di pericoli. FFD18 però non si limita alla sola azione, le nostre imprese sono contornate da una trama a stampo cinematografico che risponderà a domande del tipo: cosa si cela dietro il passato di McGregor? Chi è la causa di tutti questi incendi? Da un punto di vista delle "idee" quindi, FFD18 si pone agli occhi del videogiocatore come un titolo interessante e promettente, e fortunatamente molte delle aspettative non verranno deluse, pur non essendo un gioco privo di difetti.

Help me! I'm suffocating!

Il sistema di controllo è piuttosto semplice e immediato, e ricorda molto da vicino quello usato per i First Person Shooters (anche se questo è in terza persona): la levetta sinistra è usata per muovere il personaggio nelle varie direzioni, mentre quella destra è usata per guardarsi intorno; con il tasto R1 si spara invece un getto d’acqua con l’idrante (oppure si usa l’accetta e altri oggetti) e nel mentre che si spara, possiamo indirizzare lo spruzzo con la levetta destra e muoverci con quella sinistra. Gli altri tasti funzione ci permetteranno di compiere altre mosse come accovacciarsi, fare piccole schivate, cambiare il tipo di getto d’acqua e chiamare un nostro compagno per aiutarci momentaneamente nelle situazioni più difficili (gli aiuti sono limitati però). Se tutto ciò risultasse eccessivamente complicato, avremo l’opportunità di scegliere altri due tipi di controlli leggermente semplificati per i principianti, ed inoltre un tutorial a inizio partita spiegherà i comandi principali. Come ho già accennato prima, il gioco consiste prevalentemente nel salvare i civili intrappolati tra le fiamme, quindi dovrete seguire l’indicazione sul radar e raggiungerli nel minor tempo possibile, prima che la loro energia arrivi a zero. Usufruendo dell’idrante e dell’accetta, dovrete spegnere le fiamme e distruggere ostacoli (come casse o barili) per crearvi un percorso sicuro che vi permetta di raggiungere il vostro obbiettivo senza subire un danno eccessivo. Ovviamente però le cose non sono così facili come sembrano, infatti dovrete stare molto attenti a scansare i molteplici pericoli che minacciano costantemente ad ogni singolo movimento: fili elettrici che intralciano la strada, soffitti che crollano, pavimenti che cedono, esplosioni e soprattutto i boss di fine livello! Avete capito bene, anche un gioco del genere ha i famigerati “mostri di fine livello”, fiamme possedute dal male il cui unico scopo è ostacolarvi. Per quanto riguarda la giocabilità, FFD18 si attesta su ottimi livelli: il personaggio si controlla in maniera molto semplice e intuitiva, inoltre la struttura di gioco rende estremamente divertente e reale la vostra esperienza videoludica. Ciò che deve essere puntualizzato è che il tono del gioco è piuttosto pacato: i movimenti di McGregor sono lenti, così come è lento spegnere le fiamme. Se qualcuno di voi è in cerca di azione frenetica è meglio che cerchi altrove perché FFD18 simula quasi fedelmente l’azione di un pompiere alle prese con un incendio, quindi vi toccherà fermarvi spesso per tenere a bada le fiamme. Questo incide parecchio sulla longevità, infatti il divertimento iniziale si spegne dopo qualche ora di gioco per sfociare in una noia dovuta alla monotonia e lentezza dell’azione di gioco; se poi aggiungiamo il fatto che per terminarlo ci vogliono solo 7 ore e che il replay value è pressoché nullo per via della scarsa presenza di elementi aggiuntivi, si può ben dire che questo è un vero e proprio difetto che influisce negativamente sul valore globale di questo titolo.

Fire, fire, fire!

La realizzazione tecnica è piuttosto lodevole, soprattutto per quanto riguarda la grafica e gli effetti sonori. Le texture sono ben fattee e dettagliate, anche se come definizione siamo ben lungi dalle migliori realizzazioni su Ps2; i vari effetti grafici, tra cui le fiamme e le esplosioni, sono realistici e vengono affiancati da effetti sonori che ricreano perfettamente quelli reali, come ad esempio il suono dell’acqua, le grida dei civili, le comunicazioni via radio, il rumore dei muri che si rompono, lo scoppiettio del fuoco. Le musiche hanno per la maggior parte del tempo un lieve tono epico orchestrale, che tende a mettere in risalto le nostre gesta eroiche, per poi trasformarsi in melodie più inquietanti nelle situazioni di maggior pericolo come ad esempio gli scontri con i boss. Nessun merito per quanto riguarda la parte cinematografica del gioco che, sia come storia, sia come doppiaggio, non spicca per originalità, spettacolarità e tecnica.

<i>Commento</i>

FFD18 è un gioco molto particolare…niente sparatorie, niente colpi di spada, niente colpi di kung fu…niente di niente, quindi deve essere visto e giudicato con un’ottica diversa. Per quello che è il suo concept, questo titolo ha molto da offrire a quelli che amano il mondo dei vigili del fuoco, mentre potrebbe non soddisfare tutto il resto dei videogiocatori. Considerando inoltre la scarsa longevità, rimane il classico gioco da noleggiare il fine settimana, terminabile in un paio di giorni e che difficilmente vi verrà voglia di riprendere in mano.

    Pro:
  • Alto livello di realismo
  • Atmosfera pregna di suspance
  • Buona giocabilità
    Contro:
  • Poco longevo
  • Monotono

Qualche mese fa la Konami ha annunciato l’uscita di un titolo piuttosto singolare, un gioco dedicato ad una delle professioni più pericolose in circolazione, ma allo stesso tempo molto affascinante…il vigile del fuoco. Devo dire che la notizia mi ha subito lasciato perplesso poiché non riuscivo bene ad avere un’idea concreta che mi permettesse di capire come sarebbe stato sviluppato un gioco del genere. Effettivamente si contano sulle dita di una mano i giochi validi che hanno visto come protagonisti i vigili del fuoco, e FFD18, da questo punto di vista, porta una ventata di aria nuova nel mondo videoludico. Vediamo con ordine cosa ha da offrirci questo nuovo titolo Konami.