Zombie da giardino  19

Gli zombi bussano alla vostra porta? Cosa c'è di meglio di piante spara piselli e funghetti esplosivi?

RECENSIONE di Umberto Moioli   —   04/05/2009

Non capita molto spesso che i titoli di PopCap Games arrivino a smuovere gli entusiasmi dei giocatori più appassionati: è successo con i due Bejeweled e Zuma, succede nuovamente ora con questo Plants vs Zombies, esponente pregevolissimo dell'oramai quasi dimenticato genere Tower Defence che negli ultimi mesi pare aver ripreso colore con alcune altre interessanti uscite, GeoDefence per iPhone su tutti.Si tratta in breve di difendere la propria base dagli attacchi nemici, sfruttando gli strumenti progressivamente messi a disposizione per contrastare avversari dotati di sempre più temibili armi; questa volta, però, il campo di battaglia sarà il prato antistante la propria casa, i nemici degli zombie affamati dei cervelli di chi abita la villetta e i potenti mezzi di distruzione nelle mani dell'utente, comuni vegetali.

Gioiello di coerenza e varietà

I primi livelli di Plants vs Zombies sono un perfetto tutorial per la semplicissima struttura di gioco scelta: sfruttando il sole e ponendo sul terreno i girasoli si guadagnano punti da utilizzare per richiamare le piante d'attacco che, in grado di sparare dei proiettili, colpiscono e quindi uccidono gli zombie. Con il passare dei livelli si aggiungono nuove varietà di entrambi e si sperimentano inedite soluzioni e alcuni livelli speciali, dove ad esempio usare dei massi come fossero palle da bowling o scegliere tra una serie di strumenti d'attacco predefiniti. Ma cosa succede quando cala la notte e la luce solare non è più disponibile, o quando gli attacchi si spostano sull'altro lato della casa, dotato di piscina?

Plants vs Zombies, partendo da una premessa banale, costruisce una serie di situazioni tanto bizzarre quanto coerenti all'universo di gioco, aggiungendo elementi strategici sempre più complessi, cambiando le carte in tavola in continuazione e non facendo altro che dare nuovi strumenti per risolvere versioni modificate di vecchi problemi, ma bilanciando in modo perfetto la difficoltà e senza rallentare mai i ritmi dell'azione. Dopo decine di livelli spesi tra piante carnivore e altre in grado di lanciare palle congelanti, funghi cecchini e altri bomba, perfetti per uccidere i temibili zombie Michael Jackson e i loro adepti ballerini o per abbattere i velocissimi non morti in stile giocatore di football americano, si aprono nuove possibilità, arrivano i puzzle e i minigame, molto spesso fatti in modo tale da fruttare l'ironia che ammanta tutta la produzione per rielaborare idee espresse in altri giochi, anche di PopCap. Una mole di contenuti notevolissima, immediata e praticamente accessibile a tutti; certo, resta un prodotto basato su un gameplay non affine a tutti i gusti e digeribile dagli amanti dell'azione pura, ma fatta eccezione per alcune mancanze, come una modalità multiplayer che si sarebbe con un po' fantasia potuta realizzare, i 9.90 euro richiesti per il download, anche via Steam, sono un affarone.

2D per tutti

Esteticamente Plants vs. Zombies non sconvolge, proponendo una grafica bidimensionale colorata e piacevole, ricca di spunti umoristici ma non particolarmente spettacolare, anche a causa di animazioni decisamente limitate. Nulla di grave, ben inteso, l'aspetto è funzionale al gameplay e nessuno si lamenterà che una produzione a così basso budget - e prezzo - non sia dotata di un lavoro tecnicamente brillante, ma un po' di varietà in più in tal senso non avrebbe guastato.

Un discorso simile vale per la musica, le poche decine di mega dell'eseguibile comprendono poco più di un tema musicale e per quanto non invasivo, dopo un po' si finisce per soffrirne la ripetitività.
Se tecnicamente non c'è di che impazzire, i possessori di computer più vecchi non avranno problemi a farlo girare fluidamente e i requisiti minimi riportati anche sotto sembrano esagerati, con ogni probabilità segnalati per eccesso. Proprio l'estrema leggerezza del titolo suggerisce, in caso di successo commerciale, una possibile futura conversione su altre piattaforme; incrociamo le dita.

Multiplayer.it

9.0

Lettori (148)

9.0

Il tuo voto

Divertente, longevo e immediato, Plants vs. Zombies è un piccolo gioiello di mini-strategia in tempo reale capace di coinvolgere un'utenza trasversale, magari restando aperto in finestra in attesa di essere usato durante qualche pausa lavorativa. L'acquisto è più che consigliato, impossibile pentirsene per chiunque non viva di sole sparatorie.

PRO

  • Gameplay ben costruito e bilanciato
  • Vario e mai noioso
  • 9.90 euro sono pochi sempre, quando poi ci si mette anche la qualità...

CONTRO

  • Tecnicamente limitato

PC - Requisiti di Sistema


Requisiti Minimi

  • Processore: 1.2 GHz
  • RAM: 512 MB
  • Scheda Video: 128 MB
  • Spazio su disco: 65 MB
Configurazione di Prova
  • Processore: Intel Core 2 Duo E6400
  • RAM: 2 GB
  • Scheda Video: NVIDIA 8800 320 MB