Lumache che sgommano! 5

Dreamworks scalda i motori per invadere nuovamente i cinema di tutto il mondo... mentre c'è chi pensa al videogioco

PROVATO di Antonio Jodice   —   17/04/2013

Quando Dreamworks si muove, oramai, a prenderne nota non solo sono gli appassionati del cinema, ma pure i papà dei giovani divoratori di videogiochi, che sanno che prima o poi si troveranno in un centro commerciale a dover soddisfare la voglia dei propri pargoli di giocare anche a casa coi protagonisti del nuovo film del colosso statunitense. Ad agosto esordirà il nuovo film d'animazione, intitolato Turbo e che sembra fare un po' il verso a Cars della Disney con la sola differenza dei protagonisti che, in questo caso, invece che delle macchine sono delle lumache con la passione della velocità.

Turbo, soprannome del protagonista, è disperato, una povera lumaca che passa le nottate a guardare le auto sfrecciare sull'autostrada, quando, per un colpo di vento, finisce dentro il motore di un'auto truccata a nitro che ne sconvolge il DNA trasformandolo in una lumaca da corsa, alleata con un giovane cuoco messicano che porta avanti col fratello un piccolo chiosco che vende tacos. D3 Publishing, anche questa volta, si occupa della versione giocosa dell'operazione, producendo Turbo: Acroboazie in Pista che uscirà in versione PlayStation 3, Xbox 360 e per tutte le console Nintendo, dal 3DS al Wii e WiiU.

Due versioni completamente diverse

La presentazione di D3 Publishing al Global Gamers Day ha avuto ad oggetto sia le versioni per console da casa che quella per 3DS che sono completamente diverse. Turbo: Acroboazie in Pista su piattaforme casalinghe si inserisce nel filone, un po' orfano a dire il vero, delle simulazioni di skateboard come Tony Hawk, solo che a dover esplorare aree vastissime a suon di trick ed evoluzioni sono le lumache, piuttosto che ragazzi armati di skateboard. Nel film, infatti, oltre alle corse, svolge un ruolo fondamentale l'amicizia di Turbo con altre lumache normali, ma un po' fuori di testa, che vivono facendo evoluzioni incredibili e salti mortali per raggiungere i posti più assurdi.

Nel gioco sono state riprodotte le ambientazioni più suggestive della pellicola, come il chiosco dei tacos o l'area di rifornimento subito di fronte, che sono state disseminate di bonus, segreti da scoprire e punti in cui inanellare punti su punti per potenziare le abilità delle lumache e aumentare ulteriormente i punteggi. Combinazioni di salti e trick, effettuati prendendo rincorse, sfruttando elementi del fondale e intrecciandosi le dita tra leve analogiche e combo di tasti sono il succo del gioco che porta il giocatore ad esplorare ogni anfratto alla ricerca del punto migliore per far punti e per scoprire i tantissimi segreti nascosti in giro. Ogni lumaca ha i suoi punti di forza e le sue abilità speciali, così che la rigiocabilità sia elevatissima, tanto più che a suon di trick si sbloccano elementi grafici con cui potenziare le lumache e sentirsi ancora più parte della sinergia tra film e gioco. Turbo: Acroboazie in Pista sarà legato in maniera piuttosto vaga col film, visto che per una volta tanto non ci saranno le cut scene a ripercorrere la storia del film, quando il semplice sbloccare le diverse arene senza sciupare la sorpresa per chi al cinema debba ancora andarci.Discorso ancora diverso per la versione 3DS che sarà un vero e proprio racing in tre dimensioni, sulla falsa riga di classico gioco di Kart.

Le meccaniche non sono così banali, però, dato che i power up, piuttosto che essere raccolti da terra, si ottengono effettuando trick e stunt, ognuno dei quali conferisce uno specifico potenziamento da utilizzare per interferire con le gare degli avversari. Il back flip, ad esempio, conferisce un mucchietto di sale che può essere lasciato sulla pista per rallentare la lumaca che finisca sopra durante la gara. Le piste si sviluppano in tre dimensioni, sfruttando così la capacità delle lumache di correre in verticale e persino sotto sopra, e sono ben 32 (con in un più anche la versione specchiata). C'è il gioco online, laddove per la versione da casa ci sarà solo il gioco in locale in split screen. Le meccaniche sono sufficientemente complesse ed è innegabile che un gioco di corse sia immediatamente riconducibile all'idea della pellicola, anche perché, ci dice il team, le arene della versione da casa non erano riproducibili su 3DS. Entrambe le versioni non vantano certo una realizzazione tecnica eccezionale, tutt'altro, ma si vede che sono state ideate per un pubblico di piccolissimi che vuole soltanto interagire anche fuori dalle sale coi protagonisti della pellicola. Turbo: Acroboazie in Pista è un gioco che verrà acquistato d'impulso, non certo per i contenuti che sono niente più e niente meno che un richiamo a un nuovo universo che si sta per affacciare in centinaia di migliaia di famiglie in tutto il mondo.

CERTEZZE

  • Fare solo un racing sarebbe stato semplice
  • L'esperienza di D3 Publishing
  • Carina l'idea dei trick per ottenere i poteri della versione 3DS

DUBBI

  • Tecnicamente basilare
  • Divertimento da verificare sulla lunga distanza delle versioni da casa