Cosa vi siete persi? - 16/2013 7

Una settimana ricca di recensioni e anteprime

RUBRICA di Matteo Santicchia   —   21/04/2013

Eccoci di nuovo, dopo un pò di pausa causa press tour e impegnative review session con la nostra rubrica settimanale. Con quali articoli vi abbiamo intrattenuto questa settimana?

Quali video hanno fatto alzare pericolosamente il vostro livello di hype? Quali notizie vi hanno confortato, o magari fatto accendere flame con commenti irripetibili? Insomma vi siete persi qualcosa della nostra copertura in questa settimana finalmente primaverile? Sette giorni davvero interessanti, in cui abbiamo recensito un paio di titoli di primo piano e dove vi abbiamo detto tutto su diversi giochi che verosimilmente saranno campioni d'incasso nel prossimo autunno. Stiamo ovviamente parlando, delle preview di FIFA 14 e The Legend of Zelda 3DS, mentre il nostro giudizio si è concentrato su Defiance e Injustice: Gods Among Us. Senza dimenticare la bellissima sorpresa di Guacamelee!

Cosa vi siete persi? - 16/2013

Iniziamo proprio con Guacamelee!, l'avventura platform nel più classico e godibile stile Metroidvania in salsa messicana, che arriva forte di un bel 9 su PlayStation 3 e PS Vita. Guacamelee! è insomma un esplosivo omaggio alla terra dei luchador e delle pignatte, dei gruppi mariachi e dei nachos, ma soprattutto del Día de Muertos, il tradizionale giorno dei morti che in questo titolo è alla base della trama e di tante idee di gameplay. Il titolo è una frenesia di colori, citazioni, personaggi fuori di testa e ceffoni dritti in faccia, ma nella sua autoreferenzialità è anche un gioco assolutamente unico, ricco di trovate, guizzi, meccaniche originali e divertenti, per un mix di generi che davvero funziona e diverte. Peccato solo per una durata non proprio monumentale, "solo" cinque ore, ma dal grande ritmo, tanto belle tecnicamente quanto realizzate con uno stile invidiabile.

Che cos'è Defiance? Sviluppato da Trion Worlds il titolo è la metà di un progetto di cui fa parte anche un'inedita serie tv da poco in onda sul canale SyFy dell'emittente statunitense NBC. Gli esordi narrati nella serie televisiva vanno a interessare lo stesso mondo di gioco che, trattandosi di un MMO, vedrà modificarsi la narrazione seguendo gli sviluppi degli episodi che saranno messi in onda. Purtroppo però Defiance rimane un interessante esperimento cross-media che però non si rivela così granitico pad alla mano. I problemi di Defiance risiedono in un gameplay che alla lunga tende a essere ripetitivo anche a causa di una struttura delle missioni che non inventa nulla. Si tratta di un MMO atipico che può essere affrontato in solitaria, caratterizzato da un'azione veloce e dalla quasi completa assenza di tempi morti. Anche la parte tecnica ci mette il carico nel penalizzare il titolo, un 6.7 che la dice lunga sulla qualità globale di questo comunque interessante esperimento. In definitiva il gioco è consigliato a chi non sopporta troppo l'idea di dipendere da un clan, mentre i giocatori abituati alla stretta cooperazione tipica degli MMORPG potrebbero rimanere delusi da questa impostazione ibrida.

Injustice: Gods Among Us è un vero sogno ad occhi aperti per gli appassionati degli eroi DC Comics, un fan service di gran classe messo in piedi dai ragazzi di NetherRealm Studios, il team di Mortal Kombat. Insomma, gente capace e infatti la qualità c'è. Un 8 meritatissimo, grande importanza è stata posta sulla qualità e sulla quantità dell'esperienza single player, con decine di sfide, battaglie e una Storia molto lunga ma a tratti risibile, il tutto innestato su un sistema di esperienza a sblocchi progressivi. Un titolo insomma capace di attrarre tanto i giocatori occasionali, grazie all'immediatezza e la spettacolarità degli attacchi, quanto quelli più smaliziati e tecnici, che potranno godere di meccaniche per certi versi raffinate e complete. Non tutto va a segno, i filmati della modalità Storia cozzano terribilmente con la pregevole grafica in game e il bilanciamento del pirotecnico roster non è esente da difetti. Dal nulla Nintendo ha sganciato la bomba. No, non stiamo parlando di un nuovo Mario per Wii U, bensì di un nuovo Zelda, e che Zelda!, per 3DS. A fine anno torneremo a giocare con il capitolo più importante per il franchise, quel a The Legend of Zelda: A Link to the Past che di fatto quando uscì nel 1991 su Super Famicom codificò molte delle meccaniche che giochiamo ad ogni iterazione.

Ma non stiamo parlando di un semplice remake, ma di un seguito a tutti gli effetti, in cui il mondo di gioco è lo stesso, anche l'impostazione top down della telecamera è la medesima, il tutto quindi attualizzato ai tempi odierni. Ma non senza alcune interessanti novità, da ascrivere nel meglio della famosa "Nintendo Difference". Ci riferiamo alla capacità di Link di trasformarsi in uno disegno, per muoversi orizzontalmente lungo i muri e attraverso ostacoli altrimenti invalicabili. Sembra un'aggiunta da poco ma Nintendo fa di tutto per metterla in pratica con intelligenza, applicandola a giochi di piattaforme e aggiungendo varietà a idee ben note. Insomma, hype alle stelle, qui in redazione sono già partiti gli ordini per il 3DS, la data di uscita è purtroppo ancora molto lontana! Chiudiamo con un'altro titolo che vedremo dopo l'estate, ovvero FIFA 14, presentato pochi giorni fa in quel di Milano. Molte sono le novità aggiunte in questa nuova edizione di "fine gen", messe in piedi per rendere le partite ancor più credibili, con un'intelligenza artificiale più reattiva in tutte le zone del campo, con l'ovvio focus posto come sempre sulla totale libertà data al giocatore. Il centrocampo aumenterà la sua importanza nell'economia di gioco, e non sarà solo una zona di passaggio per l'area, mentre sul versante del possesso palla il cosiddetto sprint dribble turn darà la possibilità al giocatore di girarsi velocemente anche quando si sta portando palla ed effettuando nel contempo uno scatto, mentre il variable dribble touch aggiungerà una sorta di touch control utile per gestire l'"allungamento" della palla da parte del portatore durante uno scatto. Ovviamente le nuove feature non finiscono qui, c'è un corposo articolo di Andrea Porta tutto da leggere.

Cosa vi siete persi? - 16/2013

Quali informazioni sono uscite dal Nintendo Direct della scorsa settimana? Tante, tanti giochi sono stati mostrati, in tal senso abbiamo parlato di Zelda poco sopra, ma senza dubbio anche la notizia dell'uscita di Shin Megami Tensei IV dalle nostre parti è di quelle che non possono che farci piacere.

Tanto bella da vedere fu la campagna di Battlefield 3, quanto poco stimolante da giocare. Questa volta con Battlefield 4 i ragazzi svedesi sembra abbiano capito la lezione, la campagna includerà infatti compagni da comandare, distruzione e ambientazioni immense. Dopo l'estate quindi verificheremo le promesse fatte da DICE. Maggior attenzione al single player anche da parte Capcom. Sembra quindi che nel futuro non solo il multiplayer godrà di grande importanza da parte Capcom. Insomma Capcom vuole più contenuti single player e di maggiore qualità. Sempre rimanendo in tema di dichiarazione di intenti David Cage ha spiegato come in Beyond: Two Souls la varietà sarà davvero altissima, ogni momento di gioco è unico. Ci crediamo? Chiudiamo con la serie TV Heroes. No, non stiamo scrivendo di un tie in fuori tempo massimo, bensì di una nuova stagione che potrebbe tornare in vita e diventare un'esclusiva Xbox. Dopo le esclusive videoludiche arrivano anche quelle televisive.

Cosa vi siete persi? - 16/2013

Le nostre produzioni video hanno seguito i nostri articoli, ma non sono mancati anche trailer e preview di titoli che vedremo nei prossimi mesi. Ben tre videoanteprime abbiamo pubblicato, FIFA 14, Company of Heroes 2 e Thief, mentre il nostro giudizio a video si è posato su Injustice: Gods Among Us e Defiance. Senza dimenticare ovviamente la Superdiretta.

Tra i video top della settimana segnaliamo il trailer live action di Far Cry 3: Blood Dragon, ovvero lo spin off retro futuristico anni 80 di Far Cry 3. Un concentrato di laser, armature alla Capitan Power e esplosioni nucleari.

E poi c'è il reveal del mese, The Evil Within, il nuovo progetto di Tango Gameworks, lo studio di sviluppo voluto dal venerabile Shinji Mikami, papà di Resident Evil, God Hand, Vanquish e figura chiave in tanti altri titoli come Viewtiful Joe, Devil May Cry, Dino Crisis.