Nintendo prova il colpo della Gru

La Grande N si fa scaltra e coccolosa come un coniglio rosa

SPECIALE di Lorenzo Fantoni   —   23/11/2015
16

Colori, musichette ossessive, un coniglio rosa che ci offre il primo giro gratis e dopo chiede costantemente soldi. Detta così potrebbe sembrare il seguito di Paura e Delirio a Las Vegas e invece stiamo parlando di Nintendo Badge Arcade, un nuovo progetto Nintendo che punta ad appassionare i maniaci del collezionismo e della decorazione con un gioco sviluppato sulla falsariga di quelli per i Luna Park. L'obiettivo è abbellire il menù del nostro Nintendo 3DS grazie a spillette ispirate ai moltissimi marchi della Grande N, da Super Mario a Splatoon, passando per Animal Crossing o Kirby. Dunque vediamo assieme come funziona questa interessante mossa di Nintendo nel mondo del free-to-play.

Vediamo assieme Nintendo Badge Arcade, strano ma affascinante free to play per Nintendo 3DS

Ciao bambino, vuoi giocare?

Il primo impatto è un'esperienza decisamente elementare. Una volta scaricato il gioco gratuitamente dall'E-Shop veniamo accolti da un coniglietto rosa dai modi estremamente gentili che ci spiega come funziona il tutto.

Nintendo prova il colpo della Gru

La meccanica è quella delle gru per i peluche che possiamo trovare nelle sale giochi e nei Luna Park, solo che al posto di qualche orsacchiotto ci sono queste spillette di varie dimensioni con cui decorare il menù del 3DS o le cartelle dei giochi. Le prime cinque partite sono gratis, dopo però dovremo pagare un euro per cinque tentativi utilizzando il collegamento diretto con lo store. L'acquisto non è particolarmente veloce, ma se siamo in vena di shopping potremo portarci avanti comprando pacchetti da 3, 4, 5 euro e così via. Una volta al giorno potremo esercitarci con la gru di prova, grazie alla quale avremo altri cinque "pescate" per afferrare dei tappi sotto cui potrebbero nascondersi partite gratuite. Quest'ultime potrebbero anche essere elargite in occasioni particolari, ad esempio quando viene reso disponibile un nuovo set di spillette. Tuttavia, una volta finite le partite gratuite, dovremo sborsare un euro per continuare a giocare e il coniglietto rosa è molto chiaro e insistente nel ricordarcelo. D'altronde lui è stato messo là da Nintendo per vendere, non per diventare il nostro migliore amico... anche se tutto è ovviamente visto attraverso la lente carina e coccolosa di un gioco allegro e divertente, pensato per un pubblico di giovanissimi o di bambini troppo cresciuti.

Venghino siori venghino!

Di solito le gru dei Luna Park non godono di una fama particolarmente positiva, anzi, sono furbe macchinette succhiasoldi in cui il braccio meccanico nove volte su dieci non è assolutamente in grado di afferrare i premi.

Nintendo prova il colpo della Gru

Fortunatamente le gru del Nintendo Badge Arcade sono decisamente più oneste, anche se questo non vuol dire che ogni tanto non ci abbiano fatto imprecare perché non hanno trattenuto la spilletta di Bowser che avevamo puntato o quando l'inerzia ci ha fatto sbagliare nel posizionarla. Comandare la gru è decisamente semplice: basta tenere premuto A finché non si trova dove vogliamo, a quel punto la gru scenderà automaticamente verso il basso e si chiuderà sul primo oggetto che incontrerà. In alcuni livelli la gru viene sostituita da una palla da demolizione o da un braccio meccanico che sgancia bombe, una gradita alternativa che però non sempre è facile da pilotare e in cui si rischia di sprecare molti tentativi perché non se ne conosce bene il funzionamento. Per ottenere le spille, la gru deve ovviamente afferrare saldamente l'oggetto e trasportarlo sopra un punto di raccolta. Alcuni livelli sono inoltre strutturati in modo da avere più zone in cui le spille possono cadere e starà a noi massimizzare il risultato e fare in modo che toccando o spostando il pezzo giusto più spille cadano verso di noi. Sono ovviamente previsti pezzi speciali che vengono regalati se viene investita una certa somma, se si completa un determinato set o raggiunto un tot di pezzi nella nostra collezione.

Ma… perché?

Dobbiamo ammetterlo, dopo aver esaurito le partite gratuite a nostra disposizione e aver ignorato le parole melliflue del coniglietto venditore, abbiamo iniziato a chiederci "perché tutto questo?". Il gioco in sé è abbastanza semplice, i premi non sono niente di eccezionale e avere la possibilità di ottenere oggetti virtuali con cui decorare il menù del nostro Nintendo 3DS non ci sembrava un motivo sufficiente per spenderci un euro. Poi il gioco ci ha regalato un altro paio di partite gratuite e ci siamo fiondati subito a vedere se riuscivamo ad ottenere la spilla di Toad, subito dopo abbiamo sfruttato la gru di prova per sbloccare un'altra partita, l'abbiamo utilizzata ma ci è andata male. A quel punto l'ormai familiare Giorgio Mastrota mascherato da coniglio rosa ci ha chiesto se volevamo fare una partita a pagamento e un pensiero perverso si è insinuato nel nostro cervello: "E se spendessimo un misero euro per altri cinque tentativi? Tanto che vuoi che sia, un euro va e viene, che ce ne frega?"

Nintendo prova il colpo della Gru

Moltiplicate questa domanda per tutti quelli che hanno un Nintendo 3DS e potete iniziare a comprendere il potenziale di quello che inizialmente può sembrare solo un giochetto. Considerando che noi non siamo maniaci della decorazione né collezionisti particolarmente accaniti, possiamo solo immaginare l'effetto che Nintendo Badge Arcade potrà avere su chiunque cederà con maggiore facilità alle lusinghe di quel roseo leporide con la mano sempre tesa. Vi ricordate con quanta decisione avete cercato di completare i puzzle via StreetPass? Ecco. Lo stesso ragionamento vale per i più piccoli che senza dubbio assilleranno i genitori con continue richieste di poter fare un'altra partitina, esattamente come facevamo noi nelle sale giochi, che tra l'altro non ci ricompensavano con oggetti virtuali, ma solo con l'imperitura gloria di poter scrivere tre lettere nella schermata dei record. Possiamo solo immaginare il giro di affari di un gioco del genere se e quando Nintendo deciderà di farne una versione mobile. Nintendo Badge Arcade è un prodotto decisamente astuto: la dinamica del giochetto con la gru è carina, l'elemento puzzle aggiunge quel pizzico di sfida in più e la possibilità di collezionare le varie spillette può rappresentare per molti una potente spinta alla spesa. Inoltre, la Grande N è stata molto lungimirante da garantirci quasi sempre una partita gratis al giorno, tanto per farci venire la voglia. Molti forse si dimenticheranno presto di Badge Arcade, ma con un tale bombardamento a tappeto basta che uno su dieci decida di investire qualche euro e il successo è servito.