Le migliori schede video per giocare - Gennaio 2018  48

Passiamo in rassegna i migliori chip grafici che è possibile recuperare sul mercato questo mese

SPECIALE di Mattia Armani —   14/01/2018

Pur denso di novità, il CES 2018 è stato purtroppo parco di novelle specifiche dedicate alle GPU che sono le regine indiscusse dell'hardware quando si parla di videogiochi. Certo, abbiamo accolto con interesse il possibile arrivo di un refresh di Vega che con il passaggio ai 7 nanometri potrebbe sorprendere, ma tra il rinvio al 2019 di Navi e la totale assenza di novità legate alle schede video NVIDIA Ampere non abbiamo avuto molto di cui gioire. Anzi, nel passaggio dal 2017 al 2018 abbiamo dovuto constatare come i prezzi di diverse schede siano tornati a crescere, riducendo le opzioni almeno per quanto riguarda la grande distribuzione. Spulciando però, possiamo ancora trovare offerte interessanti e capaci di garantire prestazioni piuttosto buone, tenendo ovviamente conto delle specifiche necessità e del fatto che probabilmente sia le schede Pascal che quelle Polaris lasceranno presto il posto a nuove e più potenti alternative.

Le migliori schede video budget

ZOTAC GeForce GTX 1050 Ti Mini - Prezzo: 165 euro
Gli effetti delle feste, dell'ennesimo ritorno di fiamma delle criptovalute e della tempesta che ha colpito il mercato delle memorie si sono fatti sentire sui prezzi delle schede video che sono tornati a salire, con le classiche opzioni della fascia budget divenute d'improvviso più care anche di venti e più euro. Un balzo di prezzo che si fa senza dubbio sentire in un segmento che punta tutto al risparmio, ma che non cambia gli equilibri. La GeForce GTX 1050 Ti resta l'opzione più allettante e persiste una golosa offerta targata MSI che sembra resistere al tumulto dei prezzi. Purtroppo però, il modello Aero ITX in questione non risulta disponibile, cosa che ci porta al cospetto della buona vecchia ZOTAC Mini da 4 GB che strappa la corona della convenienza con circa 165€ di prezzo.

Pur minuto per dimensioni, questo modello non ha nulla da invidiare a quelli della concorrenza e può essere overcloccato garantendo incrementi prestazionali superiori al 10%. In quanto a potenza bruta, con le frequenze stock, siamo al di sopra della GeForce GTX 960, sebbene di poco, per una scheda che permette di giocare senza problemi in 1080p, anche grazie alla maggiore ottimizzazione, con framerate abbondantemente superiori alle 30 immagini per secondo. Certo, l'agognato traguardo dei 60 FPS è spesso molto lontano, ma con qualche compromesso può essere avvicinato con parecchi giochi di recente uscita. Accettando invece di girare intorno ai 30 frame per secondo, con alcuni titoli, non è impossibile giocare decentemente anche in 1440p.

Le alternative budget

Con la Radeon RX 560 da 4 GB reperibile allo stesso prezzo della GeForce GTX 1050 da 2 GB, la scheda AMD la spunta con pochi dubbi, grazie a un quantitativo di memoria sufficiente a scongiurare problemi potenzialmente pesanti. E troviamo un'altra Radeon come seconda alternativa, vista la mancanza di opzioni NVIDIA di ultima generazione reperibili a meno di cento euro. Parliamo, ovviamente, della Radeon RX 550 da 2 GB che viste le inevitabili limitazioni è consigliabile solo per chi si diletta con eSport e titoli tecnicamente modesti.

Le migliori schede video gaming

Gigabyte AORUS GeForce GTX 1060 Xtreme Edition - Prezzo: 310 euro
La Radeon RX 570 è tornata a essere appetibile per qualche giorno, ma è stata rapidamente eclissata dall'agitarsi dei prezzi che tornando a salire hanno reso decisamente meno conveniente anche la Radeon RX 580. Con i modelli da 4 GB di quest'ultima venduti a oltre 300 euro, siamo praticamente costretti a rivolgerci alla GeForce GTX 1060 da 6 GB che comunque risulta un'ottima scheda, soprattutto con i titoli DirectX 11. Tra l'altro la Gigabyte AORUS GeForce GTX 1060 Xtreme Edition vanta anche la memoria spinta a 9 Gbps, l'illuminazione RGB personalizzabile e margini di overclock niente male.

Tutto questo è reperibile a un prezzo molto vicino a quello consigliato, cosa rara di questi tempi, e rende la AORUS ben più interessante di quanto non facciano le frequenze aumentate. D'altronde l'aumento del clock comporta incrementi prestazionali piuttosto contenuti, per quanto qualche frame in più possa rivelarsi importante quando l'obiettivo dei 30 o dei 60 frame per secondo è a un tiro di schioppo. In ogni caso il chip GP106 a piena potenza permette di giocare in 1080p a ogni titolo in circolazione e permette anche di giocare in 1440p a 60 e più FPS con giococome L'Ombra di Mordor e Tomb Raider. Persino Metro: Last Light, con qualche piccolo tweak, può toccare le sessanta immagini per secondo, ma in questo caso è lecito aspettarsi corposi crolli di framerate. Risulta invece piuttosto stabile il framerate in 4K con titoli più leggeri, a patto però di accontentarsi di 30 frame per secondo.

Le alternative gaming

Trovare alternative nella fascia media è piuttosto complicato visti i prezzi altalenanti e la difficile reperibilità di quasi ogni modello. La Radeon RX 580 ha toccato cifre vertiginose e persino la GeForce GTX 1060 da 3 GB risulta complicata da ordinare. Ma nel caso di quest'ultima ci sono alcuni modelli disponibili, con spedizione entro fine mese, che possono essere acquistati per meno di 250 euro. Certo, il quantitativo di memoria atipico potrebbe creare qualche problema, ma chi cerca framerate estremi per titoli che non gravano sulla memoria video potrebbe trovare questa opzione molto interessante.

Le migliori schede video enthusiast

Gigabyte AORUS GeForce GTX 1080 TI Waterforce WB Xtreme Edition - Prezzo: 870 euro
Nella fascia estrema la GeForce GTX 1080 Ti corre da sola ed è inevitabilmente la scelta consigliata per chi cerca le prestazioni massime. Ma c'è anche chi preferisce AMD e questo ci mette voglia di proporre un'opzione aggiuntiva. Ed è un'alternativa che può risultare particolarmente interessante considerando che le Radeon RX Vega mettono in campo prestazioni notevoli con i titoli DirectX 12 e Vulkan. Certo, il rialzo del prezzo rispetto a quello consigliato ci porta nel campo delle GeForce GTX 1080 overcloccate, laddove la Radeon RX Vega 64 fa parecchia fatica a distinguersi anche nei titoli più vicini alle GPU AMD.

Ma come per le Radeon uscite in passato, c'è da prendere in considerazione il potenziale a lungo termine di schede video che sono spesso assimilabili ai vini da invecchiamento. AMD ci ha abituato a un supporto che garantisce miglioramenti nel tempo e, sull'onda degli annunci Ubisoft circa l'ottimizzazione per le Radeon di Far Cry 5, ci aspettiamo lo stesso approccio per un'architettura che non è ancora stata sfruttata a dovere. Il problema, più che altro, riguarda la reperibilità praticamente nulla di qualsiasi modello reference e il ritardo nell'arrivo sul mercato dei modelli custom. Trovare una Radeon RX Vega 64 nella grande distribuzione è praticamente impossibile e questo ci rispedisce con la coda tra le gambe al cospetto della GeForce GTX 1080 Ti, indiscussa regina delle schede video consumer.

Le alternative enthusiast

La GeForce GTX 1080 non può che essere la prima e unica alternativa per chi brama framerate estremamente elevati a risoluzioni intermedie o vuole prendersi qualche soddisfazione in 4K. Certo, in UltraHD la scheda NVIDIA pretende compromessi visibili per digerire alcuni motori di gioco, ma ci sono anche titoli che pur non raggiungendo i 60 FPS stabili viaggiano alla grande come L'Ombra di Mordor, Dirt Rally, Hitman e Tomb Raider.