Superhot tra i Games with Gold di marzo

Stunt, manipolazioni temporali e altro nei Games with Gold di marzo

RUBRICA di Giorgio Melani   —   04/03/2018
6

Arriviamo da un mese piuttosto tranquillo, con i Games with Gold di febbraio 2018 che hanno portato alcuni titoli interessanti ma senza brillare particolarmente in nessun ambito, e proseguiamo con un marzo ancora privo di giochi di enorme richiamo ma in grado di fornire comunque almeno un titolo di grande interesse, ovvero l'ottimo SUPERHOT, sebbene un po' particolare. Per questo mese, lo scontro diretto con l'offerta PlayStation Plus vede il servizio Microsoft sicuramente perdente, visto che dall'altra parte Sony ha proposto ben due titoli tripla A di grosso calibro come Bloodborne e Ratchet and Clank.

Superhot tra i Games with Gold di marzo

La situazione sembra dunque essersi ribaltata da un po' di tempo a questa parte: dopo un lungo periodo in cui l'offerta dei Games with Gold è rimasta sempre superiore a quella del Plus, da alcuni mesi stiamo assistendo a una tendenza opposta, con Sony che evidentemente ha deciso di spingere particolarmente sul suo servizio in abbonamento e Microsoft che sta andando avanti un po' di rendita, vista anche la maggiore "istituzionalizzazione" del Gold tra gli utenti Xbox che rende forse meno necessaria una spinta costante sui titoli in offerta gratuita. Resta, inoltre, l'idea che la casa di Redmond abbia spostato alquanto l'attenzione e l'impegno maggiormente nel servizio Xbox Game Pass in quest'ultimo periodo, affidando a questo il compito di fornire un sostanzioso apporto di giochi gratuiti all'interno del sistema di servizi integrati su abbonamento, e lasciando i Games With Gold in secondo piano. D'altra parte, in un mese in cui prende l'avvio il nuovo corso del Game Pass con l'introduzione diretta dei titoli first party disponibili già dal lancio (a partire da Sea of Thieves il 20 marzo) non era facile pretendere anche un mese stellare sul fronte dei "vecchi" GwG.

Trials of the Blood Dragon - Xbox One (dal primo al 31 marzo)

Trials Fusion è stato messo a disposizione con i Games with Gold già nell'estate dell'anno scorso, dunque anche all'interno del servizio Microsoft abbiamo avuto modo di conoscere la particolare serie RedLynx che ha riscosso tanto successo negli anni scorsi. Torniamo sull'argomento con Trials of the Blood Dragon, nuova introduzione in questo marzo 2018 dei titoli gratuiti per Xbox Live, titolo più recente anche se non proprio nuovissimo. Il suo lancio risale infatti all'estate del 2016, peraltro combaciato proprio con il suo annuncio nel corso dell'E3 di quell'anno, cogliendo un po' tutti di sorpresa sia per la modalità di distribuzione, con il gioco disponibile praticamente senza preavviso, sia per l'essenza stessa del titolo in questione, ovvero un cross-over tra il bizzarro racing a base di stunt e le ambientazioni del celebre spin-off di Far Cry 3 intitolato Blood Dragon.

Superhot tra i Games with Gold di marzo

Come possa essere venuto in mente di mettere insieme l'action sparatutto ad ispirazione anni 80 di Ubisoft con la struttura tipica di Trials non è dato saperlo, ma visto il materiale di partenza pretendere una certa coerenza logica non era nemmeno in discussione, dunque va bene così: eccoci dunque a combattere la Quarta Guerra del Vietnam a bordo di BMX e motocicletta, utilizzando in maniera alternata i due protagonisti, Roxanne e Slayter, i figli del leggendario Rex "Power" Colt. Salvare il mondo libero facendo i salti con la motocicletta? Perché no, ma non solo: tanto per rendere tutto ancora più coerente, gli sviluppatori ci hanno ficcato dentro anche delle nuove fasi platform e shooter. Tutto questo porta a una rutilante esperienza sopra le righe nella quale si apprezzano i riferimenti all'action e allo sci-fi anni 80, anche se le nuove introduzioni in termini strutturali appaiono decisamente deboli rispetto alla meccanica classica di Trials.

SUPERHOT - Xbox One (dal 16 marzo al 15 aprile)

Partito come uno strano esperimento attraverso un breve prototipo di tre livelli nel corso di una game jam, SUPERHOT ha destato subito grande interesse per il concetto innovativo alla base del gioco, che ha portato presto all'evoluzione del progetto da piccolo browser game a vero e proprio titolo indie, grazie anche all'immancabile crowdfunding di successo su Kickstarter. A vederlo in immagini, sembra un semplice sparatutto in soggettiva, arricchito da una grafica molto minimalista e stilosa, ma in verità si tratta di un'interpretazione che modifica profondamente la meccanica di gioco dell'FPS. L'idea centrale è quella della manipolazione del tempo, che progredisce soltanto quando il giocatore si muove, cosa che consente di schivare proiettili e pianificare attentamente le mosse da fare decidendo come sparare, a chi, quando e come muoversi.

Superhot tra i Games with Gold di marzo

Lo scopo è avanzare tra i livelli eliminando i nemici, che sono generiche figure evidenziate di rosso e avanzando è possibile sbloccare ulteriori meccaniche del gameplay come la possibilità di trasferirsi da un corpo all'altro. Insomma, SUPERHOT è il classico gioco che non rende proprio se viene semplicemente descritto a parole, ma dev'essere provato per essere compreso e apprezzato, e con la sua inclusione nel Games with Gold di marzo vi invitiamo a non lasciarvelo sfuggire. Si tratta, in effetti, del titolo di maggior interesse in questa mandata di giochi gratuiti su Xbox Live, ma finché non vi troverete a sperimentare la sua particolare meccanica con il controller in mano potreste non capirne il potenziale. Ad arricchire ulteriormente l'esperienza c'è anche una particolare storia raccontata attraverso una sofisticata meta-narrazione.

Ribelle - The Brave: Il videogioco - Xbox One e Xbox 360 (dal primo al 15 marzo)

Per la serie "scelte poco comprensibili per compilare una lista di titoli Games with Gold", questo mese di presentiamo Ribelle - The Brave: Il videogioco. Non c'è molto da dire se non che si tratta di un ovvio tie-in dell'omonimo film d'animazione Disney Pixar, di quelli che andavano alla grande fino a un po' di tempo fa e poi sono misteriosamente (ma nemmeno più di tanto) scomparsi nel nulla, o sono stati relegati produzioni di livello minore (più di quanto non lo fossero già in precedenza) o su piattaforme meno pretenziose. In effetti potrebbe essere più interessante parlare della fine dei tie-in classici più che del titolo in questione, ma ci sarebbe bisogno di più spazio e tempo, probabilmente. In ogni caso, Ribelle (da non confondere con il ben più "blasonato" Gioventù Ribelle), è uscito nel lontano 2012 sulle console di scorsa generazione e ci viene riproposto oggi senza alcun motivo apparente. Il gioco è un action adventure in terza persona che ripercorre in forma videoludica varie situazioni ed eventi del film, proponendoli in una forma che può essere assimilata al buon vecchio multi-evento, ovvero con ogni livello che presenta caratteristiche peculiari e meccaniche di gioco variabili che vengono introdotte progredendo nella storia. Non mancano ovviamente tutte le classiche caratteristiche a corredo di questi titoli, come collezionabili da raccogliere, eventuali boss da sconfiggere, mini-game di vario tipo, scene d'intermezzo che riprendono le fasi del film e anche una modalità multiplayer con l'introduzione del personaggio di Wisp, la fiammellina azzurra.

Superhot tra i Games with Gold di marzo

Quantum Conundrum - Xbox One e Xbox 360 (dal 16 al 31 marzo)

Dal medesimo anno di Brave, ma di ben altra caratura, arriva anche il secondo titoli in retro-compatibilità di questi Games with Gold di marzo. Si tratta di Quantum Conundrum, un particolare puzzle game sviluppato da Airtight e pubblicato da Square Enix, ma la premessa più interessante è il fatto che sia stato diretto da Kim Swift, ex-personaggio di spicco in Valve dove ha coperto il ruolo di lead designer su Portal. Proprio il lavoro svolto sul celebre adventure-puzzle in soggettiva emerge chiaramente nella struttura di gioco di Quantum Conundrum, che fa della manipolazione dello spazio-tempo la sua caratteristica principale, con il protagonista che si ritrova ad agire su vari macchinari e trovare soluzioni varie implicanti anche la simulazione della fisica per sfuggire a innumerevoli trappole e pericoli disseminati in giro per i livelli. Il tutto rappresentato ancora una volta in soggettiva, tanto per sottolineare la vicinanza concettuale di questo gioco con l'illustre precedente targato Valve.

Superhot tra i Games with Gold di marzo

Forte di uno stile alquanto cartoonesco e scanzonato, Quantum Conundrum racconta la storia del nipote del Professor Fitz Quadwrangle costretto a risolvere il caos scatenato da un incauto esperimento dimensionale fatto dallo zio scienziato (pazzo), risolvendo enigmi all'interno dei vari e scombinati livelli in cui è stata suddivisa la casa di famiglia. I puzzle si basano sulla fisica e sull'interazione diversificata con gli oggetti degli scenari attraverso quattro dimensioni con caratteristiche specifiche: la dimensione Fluffy dove tutto è dieci volte più leggero, la Heavy dove tutto diventa più pesante, la Slow dove tutto è rallentato e la Reverse Gravity dove, chiaramente, la gravità funziona alla rovescia. Sebbene sia più semplice e generalmente meno geniale di Portal, Quantum Conundrum resta comunque un ottimo puzzle, da riscoprire con interesse in questi Games with Gold, nel caso non l'abbiate giocato all'epoca.