NIS America, la lineup 2022

Ecco quali giochi stanno per arrivare nel 2022 da parte di NIS America, tra alcune novità e il ritorno di vecchie glorie.

SPECIALE di Aligi Comandini   —   05/05/2022
39

L'ultimo biennio è stato difficile per parecchi publisher e sviluppatori, tanto che persino team abituati alle produzioni tripla A hanno avuto serissimi problemi produttivi. In un'era di rinvii e flop di blockbuster ben al di sotto delle aspettative, NIS America sembra aver deciso di giocare una partita più tranquilla e ponderata rispetto alla maggior parte dei concorrenti. Abbiamo infatti di recente visto la lineup 2022 della casa e, al di fuori di un paio di novità interessanti, si nota una tendenza piuttosto conservatrice a proporre titoli appartenenti quasi sempre allo stesso genere, o collection di vecchi classici.

Non necessariamente un male, comunque, perché nel gruppetto di giochi a noi presentati ci sono un paio di titoli che ci hanno a dir poco stuzzicato, senza contare che gli amanti dei GDR tattici a turni avranno di che leccarsi i baffi (specialmente chi adora le glorie passate).

Ecco cosa abbiamo visto, in un comodo e veloce riassunto dell'evento.

I due “big”: Disgaea 6 e Yuru Kill

Disgaea 6: un capitolo che ha fatto discutere molto i fan
Disgaea 6: un capitolo che ha fatto discutere molto i fan

Il primo "grosso" arrivo è quello di Disgaea 6: Complete Edition su PC, PS5, e PS4. Certo, non è una vera novità, trattandosi di un gioco del 2021, ma segna l'approdo su PlayStation 5 della storica saga di Nippon Ichi, in una versione (a prezzo curiosamente pieno) contenente tutti i DLC usciti fino a ora. Disgaea 6: Defiance of Destiny è stato ricevuto in modo altalenante dalla fanbase: da una parte è ricco di fanservice e permette di utilizzare praticamente tutti i personaggi più noti della saga in qualche modo, dall'altro viene però considerato anche il capitolo più semplificato in quanto a meccaniche, tanto da aver scontentato un buon numero di fan storici (specialmente se si considera che amano un marchio noto prevalentemente per le sue follie nei sistemi).

La Complete Edition dovrebbe vantare una migliore ottimizzazione - il nuovo motore che muove il tutto aveva dei chiari problemi da questo punto di vista al lancio - e chissà che non reintegri alcuni degli elementi persi per strada, seppur il gameplay visto non ci abbia dato risposte in tal senso. Resta uno strategico a turni solido e apprezzabile.

Yuru Kill è invece un videogioco di tutt'altro tipo e, con ogni probabilità, anche l'opera più interessante mostrata durante l'evento. Forte di una trama scritta dall'autore del manga Kakegurui, il gioco è infatti uno strano misto tra una sorta di "quiz investigativo" e un bullet hell a bordo di una navicella spaziale. Come potete ben immaginare la trama fa dei discreti salti mortali per giustificare questo tipo di fusione, ma vi basti sapere che affronterete il tutto nei panni di un prigioniero in un misterioso parco divertimenti, impegnato a dimostrare la sua innocenza in un caso di omicidi multipli a forza di confronti con gli accusatori e sparatorie a scorrimento.

Quello di Yuru Kill un concept completamente folle e siamo seriamente curiosi di vedere dove andrà a parare. Il gameplay, peraltro, ci è parso più che valido; d'altronde allo sviluppo ci sono i G.Rev, specialisti nella creazione di titoli di questa tipologia. In Europa arriverà l'otto luglio.

Ritorno al passato

NIS Classics Vol 2: la collection contiene un paio di titoli di valore per gli appassionati della strategia a turni
NIS Classics Vol 2: la collection contiene un paio di titoli di valore per gli appassionati della strategia a turni

Il resto della presentazione di NIS, come detto, è stato più contenuto e prevedibile, anche per via della presenza di ben due capitoli dei NIS Classics: collezioni (per modo di dire, visto che si tratta di giochi in coppia) di vecchie opere della casa, e per l'esattezza praticamente sempre di strategici a turni. La collection Volume 2 ci è sembrata particolarmente degna di attenzione, per via della presenza di Zettai Hero Project, un vecchio titolo per PSP che fonde la strategia a turni con marcati elementi da roguelite, ed è da molti considerato una piccola gemma nel genere conosciuta da pochissimi. Il secondo gioco, Makai Kingdom, è ancor più anzianotto - risale al lontano 2005 - e presenta una massa di caratteristiche in comune con i Disgaea (tra cui anche certi personaggi...), tuttavia mantiene alcuni sistemi unici, capaci di distinguerlo da quella serie. Questa collection arriverà il 13 maggio da noi.

Anche il Volume 3 non spariglia eccessivamente le carte, e contiene La Pucelle Ragnarok e Rhapsody: a Musical Adventure. E qui si parla proprio di giochi che per certi versi rappresentano il calco poi utilizzato per dar forma ai Disgaea e agli altri GDR tattici a turni NIS, anche se Rhapsody da noi è praticamente sconosciuto (in Giappone fu un mezzo cult, con ottime vendite e seguiti). L'età dei giochi li rende appetibili prevalentemente per i cultori del genere, seppur Ragnarok sia molto interessante in quanto riedizione dell'originale La Pucelle Tactics con parecchi nuovi contenuti, un nuovo scenario, e molti cambiamenti a interfaccia e meccaniche per svecchiare l'esperienza. Questi due giochi da noi faranno capolino il 2 settembre.

Trails from Zero: finalmente localizzato e in occidente anche questo tassello della saga
Trails from Zero: finalmente localizzato e in occidente anche questo tassello della saga

C'è anche un'altro ritorno illustre, ma stavolta in forma di remaster singola. Il 30 settembre infatti arriva su Switch e PC Trails from Zero: uno dei titoli della serie di JRPG nota col nome di The Legend of Heroes, e altro JRPG da PSP non particolarmente conosciuto per via della mancata localizzazione dalle nostre parti. La serie The Legend of Heroes è molto apprezzata da una nicchia di fan de GDR nipponici, e Trails from Zero rappresenta un tassello mancante a cui vorranno quasi certamente giocare.

Fallen Legion
Fallen Legion

Chiudiamo la lista con un'altra collection di sorta, contenente due capitoli della serie Fallen Legion, più precisamente Revenants e Rise to Glory. Si tratta di due JRPG indonesiani, anch'essi tutt'altro che mainstream, ma resi interessanti da un combat system che ricorda quello di Valkyrie Profile. L'inserimento di nuovi sistemi in questa riedizione potrebbe innalzare le già più che degne meccaniche, e rappresentare un balzo di qualità per due titoli che non sono considerati propriamente dei capolavori. Chissà che questa edizione non faccia guadagnare alla saga qualche fan aggiuntivo in occidente. Sono previsti da noi il 26 agosto.

Questo è quanto. Non una lineup in grado di lasciare a bocca aperta, ma se non altro una buona occasione per riscoprire la storia di Nippon Ichi e recuperare qualche titolo di valore da noi poco conosciuto. Inoltre, Yuru Kill ci sembra un progetto con del potenziale per gli amanti degli shoot em up.