Nvidia RTX e AMD Navi, tra presente e futuro

NVIDIA ha completato la gamma di fascia alta RTX, lasciando la palla a una AMD che speriamo sia pronta a rilanciare anche nel campo delle schede grafiche

RUBRICA di Mattia Armani   —   22/12/2018
16

Assembla che ti Passa è una rubrica settimanale che raccoglie le principali novità legate all'hardware da gioco PC e propone tre configurazioni, divise per fasce di prezzo, pensate per chi desidera assemblare o aggiornare la propria macchina. Come al solito i suggerimenti e le correzioni sono ben accette a patto che i toni siano adeguati. Un ulteriore consiglio è quello di leggere i paragrafi che presentano le configurazioni prima di dare battaglia nei commenti.

Natale è dietro l'angolo e quale modo migliore di celebrarlo se non parlando del successo del PC come macchina da gioco capace di combinare potenza grafica, gaming competitivo, retrocompatibilità, gioco in mobilità e prezzi convenienti? Con un bagaglio del genere non stupisce che quel computer dato per morto innumerevoli volte riesca, almeno secondo i dati di GamesIndustry, a muovere acquisti legati ai giochi per un ammontare quasi uguale a quello di PlayStation, Xbox e Switch messe assieme. Va detto che con la spinta della nuova console Nintendo le vendite su console sono cresciute di più del 15%, mentre quelle PC sono aumentate del solo tre 3.2%, ma nelle nostre considerazioni dobbiamo metterci anche i rincari estivi delle schede video e il calo netto della popolarità dei giochi da browser. Ciononostante il PC ha mantenuto un margine di crescita e vale il 25% del mercato dei videogiochi che, sommato al 28% delle console, consente al gaming classico di tenere a banda quello mobile, che tra tablet e smartphone occupa il 47% del mercato. Anche questo, però, è in netta crescita e con un incremento vicino al 13% rispetto allo scorso anno che ci aspettiamo che cresca ancora, soprattutto con l'arrivo di servizi di cloud gaming sempre più funzionali che consentiranno di spingere l'hardware di ogni dispositivo, ma è bene tenere in considerazione che l'incremento del gaming su dispositivi smart è inferiore a quello, combinata, del gioco classico da console e PC che, nonostante qualche profezia nefasta sulla dissoluzione del gioco da divano o da scrivania, non ha nulla da temere per il futuro. E non sarà certo merito di soluzioni come la Titan RTX, anche se un araldo potente fa sempre bene all'immagine. Ma si tratta di un araldo da 2,699 euro, un lusso pensato non solo per gli enthusiast dalle tasche profonde, ma per soddisfare esigenze produttive che possono trarre vantaggio dalle ottimizzazioni volte al deep learning, dai 6MB di cache L2 e dal generoso quantitativo di 24GB di memoria GDDR6. Per il resto, lo sappiamo, la scheda mette in campo il chip TU102 pienamente sbloccato, con 4608 CUDA core contro i 4352 della RTX 2080 Ti, spingendolo a frequenze subito elevate, con 1770MHz di boost. Resta invece invariata la velocità della memoria, con 14Gbps, mentre cresce il bus, da 352 a 384-bit, e di conseguenza aumenta la banda, arrivando a 672GB/s.

Nvidia Titan Rtx 1

Non cambia invece il numero di porte, con tre DP e una HDMI affiancate dal VirtualLink, mentre aumentano gli RT core e i Tensor Core, ma di una frazione, non abbastanza da garantire enormi vantaggi rispetto alla 2080 Ti in quanto a Ray tracing in tempo reale e upscaling DLSS. Ma d'altronde, lo abbiamo detto, non è una scheda che guarda direttamente ai giocatori, anche se il balzo prestazionale, in alcuni casi intorno al 10%, consente alla Titan RTX, almeno secondo quanto riportano i benchmark pubblicati dalle personalità del mondo enthusiast che hanno già la scheda tra le mani, di agguantare finalmente i 60fps in 4K, e nello specifico i 61, con l'ostico Shadow of the Tomb Raider. Non sappiamo se il traguardo del 4K assoluto possa valere per qualcuno un prezzo del genere, ma per qualcuno è importante essere in vetta e la Titan RTX è quella vetta che, raffreddata a liquido dall'overclocker sudcoreano jbn1010, ha raggiunto quota 41.109 punti in 3DMark Fire Strike, sotto alla specifica voce della grafica. Ma sembra che nemmeno un calibro del genere possa puntare ai 60fps con il nuovo test 3DMark Port Royal, che ha come peculiarità quella di verificare anche le capacità Ray tracing di una scheda. Non a caso la stazione volante protagonista del benchmark è piena zeppa di riflessi che hanno visto una GeForce 2080 Ti, affiancata da un Core i9-9900K e portata fino a 2640MHz sotto azoto liquido dall'overclocker Rauf, fermarsi a 51 immagini per secondo. Dovremo quindi aspettare e dovremo probabilmente aspettare una nuova RTX, visto che la lineup basata sull'architettura AMD Navi potrebbe non avere nulla di dedicato al Ray tracing, puntando invece alla combinazione tra prezzo basso e potenza bruta. Le indiscrezioni in merito, va detto, ci appaiono poco verosimili, visto che si parla di prezzi da fascia media per una presunta Radeon RX 3080 in grado di fronteggiare una RTX 2080, ma ci aspettiamo comunque una mossa aggressiva da una compagnia che ha ristrutturato il reparto GPU guardando inevitabilmente a quello CPU. D'altronde per quest'ultimo stiamo parlando di un gruppo che ha portato AMD dal rischio di bancarotta a competere direttamente con Intel, arrivando nel contempo a un valore di mercato delle azioni sufficiente a finire nell'indice NASDAQ 100. Proprio per questo ci aspettiamo un approccio aggressivo anche nel campo delle schede video, un settore in cui AMD ha perso parecchio terreno a causa di problemi di ottimizzazione che l'hanno quasi tagliata fuori dalla fascia alta. E ci auguriamo che AMD sia in grado di compiere al più presto la prima mossa in tal senso, capitalizzando l'attenzione dei riflettori del mercato PC che in questo momento, grazie a Ryzen, sono puntati quasi tutti su AMD.

Amd Rx 590

Configurazione Budget

La configurazione budget è quella orientata al risparmio ma non è necessariamente detto che non ci sia spazio per l'upgrade laddove si presentino prospettive interessanti. Le proposte di questa fascia includono soluzioni pensate per i giochi a basso profilo tecnico e build orientate al 1080p.

Le opzioni per la fascia bassa le conosciamo ormai a menadito, con il Ryzen 5 1400 che pur soffrendo di un pizzico di rincaro prenatalizio, rappresenta comunque la scelta preferibile per chi pensa a una soluzione incentrata su una GPU discreta e sul rapporto tra prezzo e prestazioni.

Purtroppo anche la SAPPHIRE PULSE Radeon RX 570 da 4GB è andata incontro a un piccolo rincaro, ma questo ci da l'occasione di risparmiare qualcosa, puntando sulla versione XFX che è senza dubbio più modesta di altre 570, ma ha dalla sua un prezzo davvero basso.

COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 125.00
AMD Ryzen 5 1400 3.2-3.4GHz
SCHEDA MADRE € 75.00
ASRock AB350M Pro4
SCHEDA VIDEO € 150.00
XFX Radeon RX 570 RS 4GB
RAM € 65.00
G.Skill Aegis 1x8GB DDR4 3000MHz CL16
ALIMENTATORE € 50.00
EVGA BT 450W 80+ Bronze
HARD DISK € 55.00
Seagate Barracuda 1TB
CASE € 35.00
Thermaltake Versa H15 Mini Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 00.00
-
TOTALE: € 555.00

Configurazione Gaming

Nella fascia gaming di solito si trovano quelle componenti che consentono di affrontare il gioco su PC senza paura e di tenere duro per qualche tempo. La resa dei conti con il frame rate è dietro l'angolo ma, con una buona base, è sempre possibile vendere la GPU vecchia prima che si svaluti troppo in modo da acquistarne una nuova giusto in tempo per affrontare il prossimo kolossal videoludico spacca hardware.

Anche nella fascia media risulta davvero difficile cambiare radicalmente impostazione, con il Ryzen 2600 che garantisce un rapporto tra prezzo e prestazioni eccellente, riuscendo a gestire schede video discretamente potenti. Unico requisito una memoria con clock elevato, purtroppo ancora costosa e come le altre componenti soggetta a fastidiosi rincari natalizi.

Dopo aver celebrato l'arrivo della Radeon RX 590, torniamo alla RX 580 che costa sensibilmente meno e ha miracolosamente resistito ai rincari delle festività almeno nel caso della versione SAPPHIRE PULSE da 8GB, attualmente reperibile a circa 225 euro. Non male per una GPU che garantisce prestazioni eccellenti in 1080p, garantendo una marcia in più in molti titoli basati su librerie di ultima generazione.

COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 175.00
AMD Ryzen 5 2600 3.4-3.9GHz
SCHEDA MADRE € 90.00
ASRock B450 Pro4
SCHEDA VIDEO € 225.00
SAPPHIRE PULSE Radeon RX 580 8GB
RAM € 175.00
G.Skill Sniper X 2x8GB DDR4 3200MHz CL16
ALIMENTATORE € 70.00
Corsair CX550M 80+ Bronze
HARD DISK € 75.00
Samsung 860 Evo 500GB SATA III
CASE € 60.00
Corsair 200R Mid Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
LG GH24NSD1
TOTALE: € 885.00

Configurazione Extra

La configurazione spinta ha un senso compiuto solo per chi punta a risoluzioni elevate, consapevole che il lusso spesso non va a braccetto con la razionalità. D'altronde, diciamocelo, a chi non piace avere un bel motore sotto il cofano anche se c'è da rispettare il limite di velocità?

Il nuovo e netto rincaro dell'Intel Core i9-9900K ci porta ancora una volta a preferire una configurazione più modesta, sebbene la perdita di framerate in 4K sia di al massimo uno o due frame per secondo di fronte a un risparmio enorme. Torniamo infatti al Ryzen 2700X, inadatto per chi vuole il massimo framerate in 1080p, ma perfetto per risparmiare con le risoluzioni superiori.

Tra l'altro parliamo comunque di un otto core che può essere sfruttato a pieno con una buona ventola e che, sempre nell'ottica delle alte risoluzioni, può dare tutto il sostegno a una scheda come la GeForce RTX 2080 Ti. Il problema è che il rincaro natalizio per la potente scheda NVIDIA è un po' più elevato rispetto ad altri prodotti, ma la versione ZOTAC si mantiene comunque al di sotto dei 1300 euro.

COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 420.00
AMD Ryzen 7 2700X 3.7-4.3GHz / Noctua NH-D15
SCHEDA MADRE € 185.00
ASUS PRIME X470-PRO
SCHEDA VIDEO € 1290.00
ZOTAC GAMING GeForce RTX 2080 Ti AMP
RAM € 230.00
G.Skill Flare X 16GB DDR4 3200MHz CL14
ALIMENTATORE € 125.00
EVGA SuperNOVA 850 G3 80+ Gold
HARD DISK € 250.00
Samsung 970 EVO 1TB M.2
CASE € 150.00
Fractal Design Define R5 Blackout Edition Window Mid Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 00.00
-
TOTALE: € 2650.00