Oculus Quest 2, le caratteristiche del nuovo visore

Il visore Oculus Quest 2 si propone come nuova soluzione virtuale a tutto tondo, capace di offrire un'esperienza migliore sia in modalità stand alone che su PC

ANTEPRIMA di Mattia Armani —   20/09/2020
69

Con la presentazione ufficiale di Oculus Quest 2, in arrivo il 13 ottobre 2020, si rinnova l'impegno di Facebook per la realtà virtuale, con un'evoluzione che punta a garantire un'esperienza più matura sia in versione stand alone che con un PC, senza alzare i costi. Anzi, li abbassa, con qualche compromesso come nel caso della fascia di sostegno, portando il prezzo a 349 euro per la versione da 64GB e a 449 euro per la ben più capiente versione da 256GB.

Oculus Quest 2 01

Un hardware tutto nuovo

L'Oculus Quest 2 è un erede a tutto tondo del mondo Oculus, come il suo diretto predecessore pensato per funzionare sia senza un PC, sia con un PC che, se abbastanza potente, permette di accedere all'intera libreria dei visori Rift. Un piccolo universo virtuale insomma , valorizzato da una potenza doppia grazie al processore Qualcomm Snapdragon XR2 che, affiancato da 6GB di memoria, sostituisce lo Snapdragon 835 da 4GB del modello precedente.

L'evoluzione dell'hardware comprende tra l'altro miglioramenti più importanti all'incremento di potenza per quanto riguarda il pixel fillrate effettivo, eventuali fotocamere accessorie supportate e prestazioni legate all'intelligenza artificiale, aumentate di 11 volte. Tutto quello che serve, insomma, per reggere il passaggio da una risoluzione di 1600x1440 pixel per ogni occhio alla risoluzione di 1832x1920, sempre per ogni occhio, che dovrebbe garantire un'immagine decisamente più compatta e più fluida. Al lancio il refresh nei giochi sarà di 72Hz, come per il primo Quest, ma nell'interfaccia arriva già a 90Hz che saranno disponibili per gli sviluppatori successivamente. Il tutto presumibilmente anche in chiave retroattiva, con possibili upgrade anche dal punto di vista della risoluzione. D'altronde il Quest 2 è completamente retrocompatibile con il primo, cosa che mette a disposizione dei nuovi acquirenti una libreria di oltre 200 giochi. Ovviamente senza contare quelli dell'offerta Rift.

Oculus Quest 2 04

I dettagli

Aumentano le capacità ma il pannello passa dalla tecnologia OLED a quella LCD a bassa latenza, in funzione della reattività ma anche del prezzo che si riflette anche su una headband in stile zaino, decisamente più spartana e scomoda di quella del primo Quest. Diminuisce inoltre, ma questo è un bene, il peso che risulta inferiore del 10% rispetto al Quest, per un totale di 503 grammi. Ne pesano 126 invece i controller, escluse le due batterie AA necessarie, che, pur ridisegnati per aumentarne l'ergonomia, non saranno l'unico modo di interagire con il visore. Oculus ha infatti mantenuto l'hand tracking migliorandolo, in modo da consentirci di usare le mani in modo ancora più efficace per navigare nei menù così come nelle applicazioni e nei giochi che supportano questa funzionalità.

Torna inoltre il Passthrough+ che permette di vedere quello che succede al di fuori dei giochi sfruttando sia le fotocamere, sempre quattro ma di qualità presumibilmente superiore, sia la rappresentazione virtuale dei confini dell'ambiente in cui viene utilizzato il visore. Un qualcosa di utile volendo sfruttare la modalità Roomscale che riproduce gli spostamenti del giocatore all'interno del mondo di gioco, ma richiede uno spazio di almeno 2x2 metri per essere utilizzabile. Non ci sono ovviamente limiti, invece, per il microfono e altoparlanti integrati, sostituibili però con una cuffia grazie al jack audio da 3.5 millimetri. Da notare infine il ritorno del meccanismo di regolazione della distanza interpupillare, anche se non più libero ma vincolato a tre impostazioni che vanno da 58 a 68 millimetri, e una batteria interna che garantisce un'autonomia non eccezionale ma accettabile. Parliamo infatti di un paio di ore in gioco e di tre ore nel caso dei video.

Oculus Quest 2 03

Le prospettive

Il problema è che ci serviranno 2,5 ore per una ricarica completa attraverso il cavo USB-C. Non poco anche se, come anticipato, potremo collegare l'Oculus Quest 2 al PC e potremo acquistare una batteria aggiuntiva per raddoppiare l'autonomia e continuare a giocare durante la ricarica. Il primo però ci costerà 99 Euro mentre il pacchetto con cinturino elite e batteria aggiuntiva ci chiederà un esborso di 139 Euro. Ma potremo sostituire il cavo con varianti terze parti, più pesanti ma più economiche, mentre il cinturino speciale potrà essere acquistato a parte per 49 Euro. Dovremo quindi sborsare tra i 450 e i 550 Euro per poter godere appieno della maggiore definizione del visore, ottenibile solo attraverso il PC che può contare su titoli spettacolari come Half Life: Alyx.

Anche in versione stand alone, comunque, il Quest 2 ci darà modo di godere di un'immagine più definita, maggiore potenza, peso ridotto e nuovi controller, rilanciando l'immagine di uno dei dispositivi per la realtà virtuale più gettonati che sarà accompagnato da nuovi titoli appartenenti a brand di spicco come The Walking Dead, Warhammer 40,000, Myst, Assassin's Creed, Jurassic World, Medal of Honor e Splinter Cell, un titolo che riportando in vita il celebre brand Xbox potrebbe anticiparne il ritorno in grande stile nella next-gen. Un bel bagaglio che potrebbe dare un'ulteriore spinta alla realtà virtuale, sperando che i compromessi non rendano l'esperienza troppo faticosa e che i giochi in questione siano all'altezza dei nomi che portano.