Schede madri Z490, come orientarsi tra le opzioni MSI

Con le schede madri Z490 per processori Intel di decima generazione, MSI punta su specifiche elevate già a partire dalla fascia bassa

SPECIALE di Mattia Armani —   13/05/2020
4

La decima generazione di processori Intel Core punta sulla velocità, spingendo quasi al limite l'ottimizzazione del processo produttivo a 14 nanometri per toccare frequenze utili nell'ottica di un PC da gioco. Ma la nuova serie non manca di novità rilevanti tra le quali spicca il Core i9-10900K che arriva a 10 core e 20 thread svettando comunque sugli altri modelli in quanto a clock con 5,3GHz in modalità Thermal Velocity Boost. Ed è proprio da qui che deriva la necessità di un'evoluzione nel campo delle schede madri che si traduce nel chipset Z490, nel socket LGA 1200 e in sistemi di raffreddamento migliori che sono necessari per spremere a fondo CPU che arrivano a un TDP di ben 125W.

Ma le novità delle nuove schede madri Z490 vanno oltre il singolo modello e l'aumento di frequenze per tutti i modelli. Con la decima generazione troviamo anche l'Hyper-Threading esteso all'intera lineup Intel Core, il supporto nativo per memorie a 2933MHz nel caso dei modelli di fascia medio-alta, connettività LAN fino a 10Gb, Wi-Fi 6 integrato nel chipset, Thunderbolt 3 di serie e la possibilità di implementgare un controller USB 3,2 Gen 2x2 con velocità fino a 20Gbps. Da notare inoltre che le schede Z490 sono già predisposte per l'interfaccia PCIe 4.0, garantendo il pieno supporto per l'undicesima generazione di processori Core basata su architettura Rocket Lake. Non è un caso che i produttori di schede madri abbiano abbracciato senza riserve il nuovo chipset presentando oltre 40 varianti che includono un'intera flotta targata MSI interamente pensata per rispettare standard minimi elevati.

Msi Meg Z490 Godlike Bp

MSI Z490: diverse opzioni ma standard minimi elevati in ogni segmento

Elevare ulteriormente le frequenze e puntare al contempo ai 10 core si traduce anche in un maggiore impegno per la scheda madre, almeno dal punto di vista dell'alimentazione. Per questo MSI ha deciso di dotare tutti i modelli Z490, esclusa l'unica soluzione mini-ITX, di un VRM da 12 fasi, partendo da un PCB minimo da sei strati. E per i modelli di punta, pensando all'overclock, si è spinta fino a un VRM da 16 fasi con MOSFET da 90A per le varianti premium MSI MEG Z490 GODLIKE, ACE e UNIFY che puntano ovviamente a spremere al massimo anche un modello come il Core i9-10900K, capace di arrivare almeno temporaneamente fino a un consumo di 250W che devono essere ovviamente sostenuti dal VRM della scheda madre, che nel caso delle MSI MEG include ventole per il raffreddamento attivo.

Ma gli stessi MOSFET di alta qualità li troviamo anche sulla Z490I UNIFY mini-ITX che, nonostante le sole 8 fasi di alimentazione, promette un'alimentazione di qualità anche con una soluzione non certo pensata per l'overclock estremo. Non è però una soluzione budget e compensa gli inevitabili compromessi dettati dalle dimensioni spingendo la memoria al massimo possibile, con un picco di 5000MHz in overclock per la RAM che la accomuna, da questo punto di vista, con la MSI MEG Z490 GODLIKE, un prodotto che punta al massimo in ogni comparto. Tutti i modelli, comunque, godono di un incremento nelle frequenze di overclock della memoria che non è legato all'aumento del supporto nativo per la RAM a 2933MHz. Il merito è della tecnologia tabbed routing di Intel che mantenendo il segnale più pulito garantisce un incremento che va dai 200MHz ai 300MHz rispetto alla generazione precedente.

Msi Meg Z490 Ace

Come anticipato le novità della decima generazione di processori Intel e delle schede madri Z490 vanno al di la delle frequenze della CPU, del numero di core o dell'arrivo dell'Hyper-Threading su modelli che prima ne erano sprovvisti. Una di queste, ovvero il supporto per l'interfaccia PCIe 4.0 che è presente su tutti i modelli MSI e su diversi di altri costruttori, potrà essere sfruttata solo con i processori Rocket Lake, ma le altre peculiarità sono tutte a disposizione delle CPU Intel in arrivo nei prossimi giorni. Le linee PCIe restano complessivamente 40, ma il nuovo chipset porta con se anche la connettività LAN fino 10GB che nella lineup MSI si traduce in almeno una porta 2.5GbE su tutti modelli della famiglia Z490. Figura quindi anche tra le specifiche della MSI Z490 A-PRO che pur essendo la più modesta della nuova offerta MSI parte da specifiche base niente male, distinguendosi dai modelli più economici di altri costruttori con un PCB a 6 strati, VRM con 12 fasi di alimentazione e un picco di overclock della memoria di 4800MHz. Manca invece di connettività Wi-Fi 6, ma questa la troviamo su buona parte degli altri modelli della lineup MSI, compresa la MPG Z490M GAMING EDGE WIFI che, a differenza della MGP Z490 GAMING EDGE WIFI, appartiene al segmento entry-level.

Nella fascia media, parlando di Wi-Fi 6, fa eccezione solo la MSI MAG Z490 TOMAHAWK che alla rinuncia contrappone però una doppia porta LAN 2.5G. Quasi nessun compromesso, invece, per i modelli di lusso capitanati dalla MEG Z490 GODLIKE che sfoggia una porta LAN 2.5GbE, una porta LAN 10GbE, la connettività Wi-Fi 6 e persino due porte Thunderbolt 3 onboard, già pronte all'utilizzo. Gode inoltre di supporto per lo standard USB 3.2 Gen 2x2, non supportato direttamente dalle Z490 ma implementato su alcune schede di MSI, ASUS e ASRock grazie a un controller ASMedia che permette quindi di arrivare a velocità di trasmissione di 20Gbps, raddoppiando le capacità dello standard USB 3.2 Gen 2. Ma si tratta di un lusso che troviamo anche sulle MPG GAMING CARBON WIFI, Z490 GAMING EDGE WIFI e TOMAHAWK, che invece, tornando al supporto per la connessione Thunderbolt 3 si accontentano dell'header sulla motherboard o si limitano a un solo connettore come nel caso della UNIFY mini-ITX che non rinuncia a una dotazione completa ma al contempo deve fare i conti con le dimensioni ridotte. Non c'è invece un solo modello della linea Z490 di MSI privo di un ingresso USB Type-C che diventa quindi uno standard per l'offerta della compagnia dedicata ai processori Intel di decima generazione.

Msi Meg Raffreddamento

MSI Z490, le opzioni entry-level

La scelta della scheda madre dipende inevitabilmente dallo scopo della configurazione di cui sarà l'inevitabile perno. Se per l'overclock estremo sono consigliate soluzioni top di gamma, sia per in quanto a processore che scheda madre, si preferisce invece il rapporto tra prezzo e offerta quando si parla di PC da gioco o da lavoro per l'utilizzo quotidiano, senza che questo comporti la rinuncia a vizi o overclock moderati. D'altronde come abbiamo anticipato anche i modelli entry-level della serie MSI Z490 godono di standard minimi elevati che si traducono in un PCB da 6 strati, overclock della memoria fino a 4800MHz e VRM a 12 fasi che nel caso della Z490M GAMING EDGE WiFi sono addirittura da 60A, per un totale di 720A che si fanno notare in questa fascia.

Manca però di header Thunderbolt 3, ma si tratta di un sacrificio funzionale al Wi-Fi 6 che contribuisce a distinguere questo modello dal resto della fascia media. Per questo ci aspettiamo un prezzo più elevato di quello della MSI MPG Z490 GAMING PLUS e della Z490 A-PRO che offrono comunque connettività 2.5GbE, porta USB Type-C e connettore sulla motherboard per lo standard ibrido Thunderbolt 3. Si candidano quindi come le soluzioni più equilibrate, in ottica di rapporto tra prezzo e qualità, sebbene a spuntarla come soluzione più appetibile sia la MSI MPG Z490 GAMING PLUS, considerando che la Z490 A-PRO mette in chiaro il suo ruolo di opzione più economica rinunciando alla mascherina per il backpanel preinstallata.

Msi Mpg Z490 Gaming Plus Box

MSI Z490, le opzioni di fascia media/gaming

Salendo di livello troviamo una serie di schede pensate per piazzarsi tra i 200 e i 300 euro di prezzo, guardando a configurazioni da gioco di buon livello. Anche in questa fascia MSI offre gli standard più elevati riscontrabili nella categoria, garantendo su tutti i modelli di questo segmento un connettore Thunderbolt 3, una porta USB Type-C, l'overclock per la memoria fino a 4800MHz e il supporto per l'USB 3.2 Gen2x2 da 20Gbps che nel caso della MPG Z490 GAMING EDGE WIFI e della MPG Gaming Carbon WIFI è combinato, come si intuisce dai nomi, con la connettività Wi-Fi 6.

Niente wireless integrato, invece, per la MAG Z490 TOMAHAWK che preferisce una doppia porta LAN puntando sull'accopiata tra una porta 2.5GbE e una classica porta Gigabit. Si accontenta inoltre di MOSFET da 55 ampere, comunque superiori alla media delle soluzioni concorrenti di questa fascia che viaggiano tra i 45 e i 50 ampere. Vanta inoltre un VRM a12 fasi come le due soluzioni superiori che si distinguono però adottando MOSFET 60A con cui si impongono sulle Z490 di fascia media di cui conosciamo attualmente le specifiche. In ogni caso si parla di specifiche elevate pensate per garantire il pieno sfruttamento delle CPU Intel di decima generazione, compresi modelli di fascia alta. Il tutto condito da una connettività da soluzioni premium anche nel caso della MAG Z490 TOMAHAWK che alla rinuncia del Wi-Fi, comunque compensata con la già menzionata porta LAN secondaria, contrappone la ricerca di un maggior rapporto tra prezzo e qualità dei modelli superiori. Si candida quindi come best buy di questa fascia, in attesa ovviamente di vedere le effettive differenze di prezzo rispetto ai due modelli MSI MPG che si trovano nel medesimo segmento.

Msi Mag Z490 Tomahawk Box

MSI Z490, le opzioni premium/enthusiast

Anche nella fascia alta le soluzioni MSI si piazzano tra quelle più accessoriate in assoluto con VRM a 16 fasi, MOSFET da 90 ampere e soluzioni a raffreddamento attivo per tutte schede madri, con due ventole nascoste nel backpanel della lineup MEG. Un trittico che promette la possibilità di sfruttare a fondo anche un processore affamato di energia come il Core i9-10900K che come abbiamo detto parte da consumi pressoché identici al TDP da 125W, per arrivare anche in zona 250W per determinati periodi di tempo. Va da se che possa diventare difficile da gestire per schede madri non attrezzate una volta superate le frequenze stock e spinti i consumi verso vette ancora più elevate.

Ma benché l'intera serie si attenga agli standard più elevati in circolazione, almeno parlando delle Z490 presentate fino ad ora, le differenze non mancano e si riflettono su prezzi che superano quota 700 euro con la MSI MEG Z490 GODLIKE che domina indubbiamente la fascia alta. D'altronde è l'unica ad avere una porta LAN 10GbE e una doppia porta Thunderbolt 3 sul backpanel, senza per questo rinunciare alla porta 2.5GbE o al Wi-Fi 6. Inoltre è l'unica soluzione esistente, tra tutti i modelli Z490 fin'ora presentati dai vari costruttori, a combinare l'overclock estremo della CPU permesso da un VRM a 16 fasi con MOSFET 90A, con la possibilità di raggiungere i 5000mHz con la memoria. Lo stesso valore raggiungibile con la versione mini-ITX della MEG Z490I UNIFY che guarda comunque al lusso, garantendo anche una porta Thunderbolt 3 già pronta all'uso a differenza della ACE e della UNIFY standard, ma che risulta inevitabilmente condizionata dalle dimensioni ridotte, cosa che si riflette anche nel VRM da sole 8 fasi.

Torniamo invece al massimo, parlando di power delivery, con le Z490 ACE e Z490 UNIFY che godono sempre di VRM da 16 fasi con MOSFET 90A, ma cercano un maggior compromesso tra prezzo e offerta della GODLIKE, pur risultando comunque opzioni premium. In questo caso il Thunderbolt 3 è implementato attraverso un connettore sulla scheda madre, come per le soluzioni inferiori, ma per il retro troviamo una connettività completa che include porta 2.5GbE, Wi-Fi 6 e anche il modulo USB 3.2 Gen 2x2 da 20Gbps, assente invece sia sulla GODLIKE che sulla MEG Z490 UNIFY mini-itx. La MEG ACE, inoltre, gode di una seconda porta LAN, anche se si tratta di una Gigabit standard.

Msi Meg Z490 Godlike Box