Summer Game Fest, L'E3 inizia tra Hideo Kojima ed Elden Ring!

Geoff Keighley anticipa l'E3 con il suo Summer Game Fest: tantissimi giochi, pochissime sorprese e una bomba atomica di nome Elden Ring.

SPECIALE di Francesco Serino —   11/06/2021
6

Non è stata male questa Summer Game Fest firmata Geoff Keighley. Il ritmo è stato molto buono, anche se forse i segmenti meno interessanti, più lenti, andrebbero spalmati meglio, o quantomeno infilati nella prima ora, quando l'attenzione degli spettatori è ancora alta. Ma comunque c'è poco di cui lamentarsi, specialmente dopo il gran finale dedicato a uno dei giochi più attesi di tutto l'E3 2021: Elden Ring di From Software, prodotto da Bandai Namco.

Metal Slug e Wonderlands

L'inizio è di quelli scoppiettanti. Si parte con Tiny Tina's Wonderlands, un Borderlands che non è davvero un Boderlands e che strizza chiaramente l'occhio all'Alice nel Paese delle meraviglie di Lewis Carroll, per trasformarla in un viaggio pieno d'azione in un contesto fantasy e stracolorato (non è però cel shading: a delineare i contorni in quel modo è il meno conosciuto "Sobel Filter"). Prodotto interessante, di cui speriamo di saperne di più il prima possibile.

A seguire, l'ultima fatica di una software house francese che sta davvero facendo sognare il pubblico, o almeno un certo tipo di pubblico, tra restauri e classici reimmaginati: parliamo naturalmente di Dotemu e del nuovo Metal Slug Tactics. Il piccolo grande ritorno di Metal Slug, sviluppato in collaborazione con SNK, è un gioiello isometrico che sfrutta l'art direction degli action originali per declinarli in formato strategico. Impossibile non volerne una copia, magari su Switch.

Piccoli grandi giochi

Un altro titolo molto interessante presentato al Summer Game Fest è Planet of Lana, avventura ricca di puzzle ma non solo ambientata in un idilliaco mondo minacciato da un improvvisa catastrofe spaziale, il tutto disegnato interamente a mano. Un indie al 100% con un gameplay potenzialmente vincente e un art direction che attira gli sguardi. In linea con Planet of Lana anche Tunic, lo Zelda con una volpe come protagonista che avevamo già provato a un E3 di diversi anni fa, anche questo molto interessante ma il cui sviluppo sta andando davvero troppo per le lunghe. Fa piacere comunque rivederlo in azione, conferma che il progetto è tutt'altro che morto. Altri titoli degni di menzione sono Salt and Sacrifice, seguito di Salt and Sanctuary, e The Anacrusis, gioco coop per il Gamepass che da a una parte sfoggia una grafica molto interessante, ma dall'altra un gameplay che di certo non brilla per idee ed esecuzione.

Kojima mon amour

Hideo Kojima: una nuova visione del futuro per il leggendario designer.
Hideo Kojima: una nuova visione del futuro per il leggendario designer.

In parte inutile e in parte interessante il segmento dedicato a Hideo Kojima che si mostra in pubblico per alcune toccanti riflessioni sul suo approccio al game design e alle tematiche scelte che, dopo la pandemia, potrebbero portarlo più verso la gioia che verso il dolore e la distopia. Di idee luminose, è proprio il caso di dire "più solari", come per esempio Boktai, il buon Kojima ne ha avute tante, e non sarebbe affatto male rivederlo all'opera su qualcosa di simile se non altrettanto sorprendente. Nel frattempo, sarà un piacere accontentarci di Death Stranding Director's Cut per PlayStation 5, il cui trailer richiamava in modo potente le atmosfere e le meccaniche del classico Metal Gear.

Strategici e coop

Two Point Campus: Sega ci porta all'università attraverso un gestionale potenzialmente divertentissimo.
Two Point Campus: Sega ci porta all'università attraverso un gestionale potenzialmente divertentissimo.

Al Summer Game Fest fa il suo debutto pubblico Two Point Campus, Dagli stessi autori del delizioso Two Point Hospital. Ancora una volta si parla di un gestionale che richiama gli anni d'oro della Bullfrog di Peter Molyneux. Questa volta non dovremo vedercela con un ospedale, bensì con un campus universitario, tra rigore quotidiano e follie notturne. L'ambientazione è peculiare, per certi versi rischiosa, ma il gioco sembra una bomba di divertimento. Simile a Two Point Campus ecco Jurassic World: Evolution 2, seguito del gestionale per tutti firmato Frontier Development.

Anche durante la nottata della Summer Game Fest hanno fatto la loro comparsa diversi giochi PVE pensatti per la coop, abbiamo rivisto il promettente Left 4 Blood, dagli stessi autori di Left 4 Dead, e una sorpresa che non ci aspettavamo: Evil Dead. Basato naturalmente sull'horror di Sam Raimi, Evil Dead ha stupito per la sua grafica appariscente e un gameplay iterativo ma comunque molto convincente. Sarà che una volta visto il logo ci siamo tutti aspettati il peggio?

Finalmente Elden Ring

Elden Ring: Hidetaka Miyazaki torna e si autoproclama stella indiscussa della serata. L'emozione dei fan era palpabile!
Elden Ring: Hidetaka Miyazaki torna e si autoproclama stella indiscussa della serata. L'emozione dei fan era palpabile!

Saltando il resto, arriviamo al piatto forte che ha concluso la serata. Elden Ring è bello, molto bello. Non sappiamo ancora come il gameplay che ha portato al successo mondiale From Software potrà funzionare in un open world, ma non c'è un attimo del trailer mostrato che non fosse pervaso da un fascino a dir poco straordinario. Più che a una struttura alla Zelda Breath of the Wild, quel poco che abbiamo visto ci ha spinto ad immaginare un mondo di gioco più segmentato, tipico dei "metroidvania". Dubbi anche sul coinvolgimento di George Martin, nulla di quanto visto eccetto il nome dello scrittore sembrava proporre stilemi che riconducessero alle sue opere. Tecnicamente ci si poteva aspettare di più, ma stilisticamente non c'è davvero nulla di cui lamentarsi, se non questo legame con Dark Souls che alcuni avrebbero voluto meno appariscente in favore di un approccio più originale. Di certo, nessuno si aspettava già una data di uscita: Elden Ring uscirà su Pc e per tutte le console di vecchia e nuova generazione, escluso Switch, il 21 gennaio del 2022, diversi mesi di quanto preventivato.