Super Mario Maker 2 e la creazione di nuovi livelli 4

Si avvicina la pubblicazione di Super Mario Maker 2: i migliori motivi per creare livelli col nuovo episodio!

SPECIALE di Alessandro Bacchetta   —   15/06/2019

L'uscita di Super Mario Maker 2 si sta avvicinando: dopo un'obbligata presenza all'E3, il gioco arriverà entro fine mese sugli scaffali dei negozi, precisamente venerdì 28 giugno. Chiunque abbia giocato il primo capitolo sa cosa attendersi: un editor del DNA regale per antonomasia, quello di Super Mario Bros. (e seguiti). Stavolta Nintendo pare essersi impegnata a fondo per ampliare a dismisura la propria creatura, così che nessuno possa lamentarsi di qualche elemento assente: fin da subito troverete check point, obbiettivi secondari (slegati dal raggiungimento della bandierina, insomma), salite e discese (assenti nel primo episodio), livelli notturni e innevati, è stato anche aggiunto il multiplayer locale.

Switch Smm2 Nd0213 Scrn10

Un'introduzione del tutto inattesa è rappresentata dalla nuova skin dedicata a Super Mario 3D World; inattesa perché, per quanto bello e lineare sia il gioco Wii U, si tratta di un titolo tridimensionale. Infatti in Super Mario Maker 2 è stato "relegato" - per così dire - ai soli assi X e Y. In attesa di verificarne l'efficacia, non possiamo che ribadire quanto siano grandi le possibilità offerte ai giocatori: gli stage si possono allungare sia in orizzontale che in verticale, si potranno aggiungere sezioni acquatiche, gli stessi liquidi (lava compresa) potranno essere resi mobili, in ascesa e discesa, magari in combinazione con lo scorrimento forzato dello schermo, anch'esso poi modulabile in velocità e accelerazione. E stavolta, come anticipato, sarà possibile architettare le proprie creazioni in ottica multiplayer, con vari puzzle e/o enigmi; forse è proprio questa l'introduzione più importante di questo seguito, e cioè l'aver inserito tante sotto-missioni. Nel primo Super Mario Maker era possibile forzare degli obbiettivi che esulassero dal "raggiungi la bandierina", ma non era così semplice introdurli. Stavolta i livelli invece, anche nelle descrizioni online, saranno più schematizzati. La loro tematica sarà evidente fin dalla descrizione.

Nuove funzionalità

Sappiamo che Super Mario Maker 2 avrà al suo interno una ricca - così pare - avventura single-player: declinata in modo differente rispetto a un classico Super Mario bidimensionale, con obbiettivi più strampalati e bizzarri, ma comunque presenterà tanti livelli ideati da Nintendo. Una sorta di unione tra Super Mario Maker 3DS e Wii U, in pratica. Inutile sottolineare tuttavia quanto il cuore del gioco risieda ancora nell'editor. Con un dubbio e una certezza. La certezza è che stavolta si potranno creare - e testare - gli stage in multiplayer, così da unire gli sforzi creativi e velocizzare le operazioni. Il dubbio è che, inserendo Switch nel Dock, non sarà semplice costruire i propri livelli: in questo campo è troppo più comoda la coppia touch screen e stylus, e qualcuno sicuramente, nonostante la portabilità dell'ultima console Nintendo, rimpiangerà la semplicità dell'interfaccia Wii U.

Switch Smm2 Nd0213 Scrn01

Dettagli a parte, sembra che con Super Mario Maker 2 i giocatori avranno l'imbarazzo della scelta. E forse, ma questa è solamente una nostra impressione, sarà addirittura più ingaggiante costruire livelli apprezzabili. Perché un numero maggiore di elementi incrementa le potenzialità dell'editor, ma amplifica anche le possibilità di scegliere un approccio a volte dispersivo. Se nella prima versione in assoluto di Super Mario Maker era quasi obbligatorio creare degli stage (tendenzialmente) brevi e focalizzati sul raggiungimento di fine percorso, stavolta, fin dall'inizio, sarà concesso di spaziare grandemente. Per Nintendo, più che una scelta, è stato un adeguamento alla realtà: dopo le prime settimane tanti utenti di Super Mario Maker (su Wii U) utilizzavano l'editor non per creare nuovi livelli della serie, ma per originare, da quelle meccaniche così ben conosciute, nuovi modi di giocare. Con livelli automatizzati, livelli totalmente incentrati sul puzzle, sulla raccolta di monete rosse, con stage a mo' di shooter (attraverso la navicella di Baby Bowser). Ecco, visto che gli utenti avevano intrapreso quella strada, sia per istrionismo che per semplicità, sarebbe stato strano non assecondarli. Proprio perché, in questo singolo titolo, i giocatori sono anch'essi creatori.

Creare e giocare

Super Mario Maker è stato un successo: ha venduto quattro milioni di copie su Wii U, il che significa che (quasi) un possessore della console su tre lo ha acquistato. Non citiamo questo dato per rendere omaggio al gioco, ma perché con questo genere di prodotti la diffusione dell'opera è determinante per la sua longevità: sia che si vogliano esperire creazioni altrui, sia che si vogliano osservare i feedback riguardanti i propri stage. In questa ottica, le ottime vendite di Nintendo Switch - ormai arrivato a trentacinque milioni di unità - dovrebbero aiutare la vitalità di Super Mario Maker. Con un piccolo dubbio: Wii U ha venduto un terzo dell'attuale piattaforma, ma aveva l'online gratuito. Switch ha già piazzato il triplo delle copie del predecessore - e non c'è motivo per cui debba arrestarsi a breve - però ha Nintendo Switch Online, servizio d'abbonamento senza il quale è impossibile far parte della Community di Super Mario Maker.

Super Mario Maker 2 3

Comunque vadano le cose, siamo pronti a scommettere che l'online di questo titolo sarà estremamente vitale fin da subito: sia perché dei nuovi livelli di Super Mario, per quanto atipici, sono richiesti da una vasta platea; sia perché tanti utenti - con l'episodio precedente - hanno scoperto i piaceri dell'essere game designer. Il merito principale di Super Mario Maker, e questo successore non farà eccezione, è proprio quello di assecondare la creatività naïf, coniugandola con delle basi estremamente note e qualitativamente eccezionali. Originare nuovi livelli di Super Mario Bros. è piuttosto semplice, e basta una buona idea per dar vita a qualcosa di piacevole: comporre gli stage è un processo intuitivo. Questo dal lato creativo. Dal lato esperienziale, viceversa, stavolta sarà più facile - attraverso dei filtri perfezionati - cercare solamente le creazioni di proprio gusto: che siano quelle basate sui puzzle, sulla raccolta di oggetti, quelle multiplayer o quelle in cui bisogna correre come forsennati. Super Mario Maker 2 sembra quindi la sintesi perfetta tra creatività e gameplay, un prodotto adatto tanto per gli appassionati del fai-da-te quanto per il più pigro esecutore di opere altrui. In attesa di recensire il gioco, le possibilità sembrano davvero ampie.