Capcom decide di fare in casa, per i nuovi IP  23

In occidente solo seguiti

NOTIZIA di Giorgio Melani   —  17 Maggio 2010

L'apertura ad occidente va bene, ma entro certi limiti, pare pensare Capcom in questi giorni. Dopo aver dimostrato una grande spinta verso Europa e nord America, sia per quanto riguarda la vendita che per lo stesso sviluppo dei titoli, il publisher di Osaka ha poi precisato la sua politica al riguardo.

Come precedentemente affermato, l'idea della compagnia è di continuare ad affidarsi all'outsourcing per quanto riguarda i seguiti e le serie non appartenenti al "core" della produzione, mentre i nuovi IP e le produzioni di spessore massimo continueranno ad essere sviluppati dagli studi interni in Giappone.

La decisione, già precedentemente programmata, è maturata in seguito ai risultati non eccellenti fatti registrare, sul piano economico, da giochi come Dark Void e Bionic Commando. In ogni caso, questo non sminuisce il valore del lavoro affidato all'esterno, come testimonia (per menzionarne uno) Dead Rising 2 affidato a Blue Castle.