Amazon, investitori contrari alla tecnologia di riconoscimento facciale 3

Gli azionisti di Amazon richiedono di sospendere l'uso di Rekognition, la tecnologia utilizzata da organi di polizia e altre istituzioni governative.

NOTIZIA di Davide Spotti —   15/04/2019

Gli investitori di Amazon hanno proposto di bloccare Rekognition, l'algoritmo di riconoscimento facciale che il rivenditore online mette a disposizione degli organi di polizia e delle altre istituzioni governative. Questo perché, in buona sostanza, si teme che possa essere utilizzato indebitamente.

Secondo gli azionisti, l'azienda dovrebbe interrompere la vendita del prodotto fino a quando un organo terzo confermerà che la tecnologia non può provocare potenziali violazioni dei diritti umani.

Il consiglio di amministrazione non ha supportato la mozione, ma l'eventuale approvazione avrebbe comunque poche conseguenze in concreto, dato che le richieste degli investitori non sono vincolanti e raramente vengono approvate. La votazione avrebbe dunque un peso soprattutto a livello politico.

Stando ai test eseguiti dalla American Civil Liberties Union (ACLU), Rekognition ha associato in modo errato i volti di 28 membri del congresso USA a quelli di criminali o sospettati. A quanto pare l'affidabilità della tecnologia si riduce ulteriormente per le persone di colore. Per contro i vertici di Amazon sostengono che la tecnologia sia stata utilizzata in modo errato e che dal 2017 ad oggi non ci sono mai stati casi di abuso.

L'azienda si limita a osservare che servono leggi per regolamentare la suddetta tecnologia, così da evitare eventuali effetti negativi.

Amazon

#Curiosità

Curiosità