Denuvo svela: ingenti perdite per un titolo sportivo tripla A non protetto da tecnologia anti-tamper 89

Il rapporto proviene da Irdeto, la società che all'inizio di quest'anno ha acquisito Denuvo Software Solutions. Il titolo del gioco non è stato comunicato

NOTIZIA di Davide Spotti —   09/11/2018

Irdeto, la società proprietaria di Denuvo, ha condiviso alcuni dati riguardanti un non meglio precisato titolo sportivo tripla A non protetto dalla tecnologia anti-tamper.

L'azienda dice di aver tenuto traccia dei download di questo gioco nelle due settimane successive al lancio, rilevando che quelli illegali sono stati 355.664. Considerando il prezzo di vendita del prodotto, la perdita potenziale è stata stimata in oltre 21 milioni di dollari.

"La parte più critica del periodo di rilascio sono i primi 14 giorni in cui si verifica la maggior parte degli accessi. Per titoli attesi, questa fase potrebbe includere fino all'80% delle vendite, il 50% delle quali si verifica nei primi quattro giorni", si legge nel rapporto.

"Irdeto ha rintracciato i download di un importante titolo sportivo sulle reti P2P visto che il gioco, che non includeva la protezione anti-manomissione, era stato craccato lo stesso giorno della sua uscita. Durante le prime due settimane, Irdeto ha rilevato 355.664 download torrent della copia illegale. Considerato il prezzo al dettaglio del gioco, la perdita totale potenziale provocata dai download P2P ammonta a $ 21,336,283".

"La ricerca ha scoperto inoltre che il primo giorno di rilascio è cruciale per la protezione di un titolo tripla A, dato che il 12% dei download illegale si è verificato il primo giorno in cui la copia craccata è comparsa sulle reti P2P (e un numero considerevole nella prima ora)", aggiunge il documento.

Quest'estate il sales director di Denuvo Software Solutions, Elmar Fischer, aveva dichiarato che non esiste un gioco non craccabile, sebbene l'obiettivo principale del DRM rimanga quello di proteggere le vendite iniziali del prodotto.