Esclusive, PlayStation "buona" e Xbox "cattiva"? Un giornalista non ci sta

Le recenti polemiche sulle possibili nuove esclusive di Xbox in confronto alle politiche PlayStation ha spinto un giornalista a chiarire le cose ed esporre la realtà dei fatti.

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —   22/01/2022
307

La questione delle esclusive è tornata a essere un tema centrale, e anche stavolta sui social sembra che il trend sia quello di definire Xbox la cattiva della situazione, mentre a quanto pare non c'è la stessa percezione nei confronti di PlayStation.

Le polemiche sono scoppiate naturalmente dopo l'annuncio dell'acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft e la diffusione di voci sempre più insistenti sulla possibilità che brand come Call of Duty diventino appunto esclusive Xbox.

Ebbene, il giornalista di IGN e youtuber Destin Legarie si è detto stanco di questa narrazione e ha voluto mettere le cose in chiaro, esponendo i fatti. "Sony rende Final Fantasy, Street Fighter, Spider-Man e Wolverine delle esclusive PlayStation, mentre Xbox rende The Elder Scrolls, Starfield e probabilmente alcuni giochi Activision delle esclusive Xbox."

"Alla fine della fiera Xbox viene vista come la cattiva della situazione, Sony come la buona. (...) Io non incolpo nessuna delle due aziende, ma implicare che una sia buona e l'altra cattiva quando entrambe stanno semmplicemente facendo i propri interessi è ridicolo."

In effetti la politica Sony sulle esclusive viene portata avanti già da diversi anni, vedi ad esempio il grande successo di Spider-Man, e non sembra che di volta in volta si siano levate grandi voci di dissenso.

Come giustamente ha sottolineato Destin Legarie, le due compagnie stanno perseguendo i rispettivi interessi ed è assolutamente legittimo che dopo un'acquisizione così costosa e impegnativa Microsoft decida di trarre il massimo dalle proprietà intellettuali ottenute.