John McAfee trovato morto in carcere dopo l'approvazione dell'estradizione, probabile il suicidio

John McAfee, il padre del noto software antivirus, è stato trovato morto in carcere dopo l'approvazione dell'estradizione, probabilmente suicida.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri —   23/06/2021
100

John McAfee, il padre fondatore dell'omonimo software antivirus e grande promotore delle cripto monete, è stato trovato morto in carcere in Spagna, probabilmente suicida, dove era in attesa dell'estradizione per gli Stati Uniti, dopo che la corte spagnola l'aveva accettata proprio oggi, mercoledì 23 giugno 2021. In patria sarebbe stato processato per evasione fiscale, rischiando più di trent'anni di carcere.

Dopo il ritrovamento, il personale del carcere ha provato a rianimarlo, ma senza alcun successo. La causa della morte non è stata ancora confermata ufficialmente, ma più fonti parlano di probabile suicidio. McAfee aveva settantacinque anni. McAfee era stato arrestato lo scorso ottobre all'aeroporto di Barcellona, mentre era diretto a Istanbul usando un passaporto britannico. Le accuse nei suoi confronti riguardavano il periodo che va dal 2016 al 2018 ed erano di evasione fiscale e mancata compilazione delle dichiarazioni dei redditi. La IRS (Internal Revenue Service) americana lo aveva accusato anche di mancata dichiarazione di utili per 23 milioni di dollari fatti grazie alle criptovalute. Il tribunale spagnolo però aveva autorizzato l'estradizione solo per le accuse di evasione fiscale.

McAfee si è sempre dichiarato innocente, non cambiando mai la sua versione. Secondo lui le accuse ricevute avevano una motivazione squisitamente politica.