Mortal Kombat 11, il sistema di progressione favorisce le microtransazioni: è polemica 60

A quanto pare il sistema di progressione di Mortal Kombat 11 sarebbe stato pensato per favorire le microtransazioni, scontentando alcuni giocatori.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   23/04/2019

Il sistema di progressione di Mortal Kombat 11 sarebbe stato pensato per favorire le microtransazioni, fatto che sta scontentando non poco i giocatori che hanno acquistato il gioco a prezzo pieno.

Nonostante il riscontro positivo da parte della critica, che ha lodato il sistema di gioco, sono molte le recensioni di Mortal Kombat 11 che hanno penalizzato il voto proprio a causa del sistema di progressione. Il problema? Sostanzialmente per sbloccare tutti gli oggetti di gioco bisogna grindare in modo selvaggio per ore e ore. L'accusa è chiara: NetherRealm avrebbe reso noiose alcune parti del gioco, in particolare la Cripta, in cui i giocatori passeranno la maggior parte del tempo, per spingere verso l'acquisto dei Time Crystal, che possono essere utilizzati come alternativa per ottenere gli oggetti desiderati. Inoltre alcune sezioni delle Torri sarebbero state rese più difficili del dovuto per spingere all'uso di consumabili.

Alcuni hanno arguito che le microtransazioni di Mortal Kombat 11 sono facoltative, ma altri hanno fatto notare che non è giusto peggiorare gli equilibri di un gioco per spingere i giocatori a fare acquisti, soprattutto in titoli dal prezzo Premium. NetherRealm di suo ha promesso che modificherà il sistema per rendere più frequenti le ricompense, anche se non ha specificato quando.

Nel frattempo vi ricordiamo che Mortal Kombat 11 è disponibile da oggi per PC, Xbox One e PS4.