Ninja: passaggio da Twitch a Mixer dovuto a contratto restrittivo e tossicità dell'ambiente 58

La manager e moglie di Ninja, Jessica Goch, ha riferito alcuni retroscena che hanno portato allo storico cambio di piattaforma streaming per il suo marito/assistito verso Mixer, menzionando contratti restrittivi e tossicità dell'ambiente.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   04/10/2019

La manager di Tyler "Ninja" Blevins, nonché moglie del celebre streamer, Jessica Goch, ha riferito chiaramente i motivi che hanno spinto il suo marito/assistito a cambiare drasticamente aria, passando da Twitch a Mixer, parlando anche delle restrizioni imposte dal contratto con Twitch e della tossicità di parte dell'ambiente.

L'abbandono di Twitch per passare a Mixer è stata una mossa dal notevole impatto per quello che è considerato attualmente il maggiore streamer del mondo e l'idea emersa da subito era che ci fossero in ballo veramente molti soldi. In effetti, il fatto che possa avere ricevuto qualcosa come 50 milioni di dollari (cifra non confermata) da Microsoft per effettuare il passaggio sulla propria piattaforma streaming, potrebbe sembrare già una ragione più che sufficiente, ma la Signora Blevins tiene a specificare che ci sono dietro anche altre ragioni.

Una di queste sarebbe stato il contratto imposto da Twitch, considerato troppo restrittivo. Secondo la manager di Ninja, l'accordo avrebbe limitato la libertà creativa dello streamer, mettendo anche in difficoltà possibili partnership con sponsor esterni e non necessariamente legati ai videogiochi, mentre Microsoft avrebbe consentito una libertà d'azione molto maggiore.

Un altro motivo per il cambio, tuttavia, sembrerebbe essere giunto dalla community di Twitch: la manager sostiene infatti che parte dell'ambiente della piattaforma è tossico, a un livello che avrebbe influito anche sulla serenità mentale di Ninja, spingendolo a cambiare aria verso Mixer.