PS5: altre 2.000 console in mano ai bagarini, gli onesti devono arrendersi?

Un gruppo di bagarini ha annunciato di aver ottenuto altre 2.000 unità di PS5 senza alcuna difficoltà: possibile che per i giocatori onesti non ci sia speranza?

NOTIZIA di Nicola Armondi   —   04/12/2020
172

Trovare una PS5 direttamente in una catena di elettronica o in un sito di e-commerce è praticamente impossibile in questo periodo. Chiunque non abbia effettuato una prelazione (con successiva prenotazione) con mesi di anticipo, è ancora in cerca e la colpa non è solo delle scorte limitate. Infatti, i bagarini (o "scalper", se preferite il termine inglese) sono estremamente attivi e stanno decimando le scorte. Un gruppo ha ora affermato di averne ottenute altre 2.000.

Parliamo di CrepChiefNotify che sembra utilizzi dei bot per acquistare le console più rapidamente di un essere umano, battendo quindi i consumatori sulla velocità. Il gruppo era già noto, in quanto aveva affermato di essere riuscito a ottenere 3.500 PS5 poi rivendute per profitto (ovviamente).

Dopo aver ottenuto 1.000 Xbox Series X, il gruppo di bagarini afferma di essere quindi riuscito a mettere le mani su altre 2.000 PS5. Addirittura, afferma che chiunque stia facendo fatica a trovare la console dovrebbe semplicemente unirsi al gruppo per ottenerne una più facilmente. Bisogna notare che per essere membro è richiesta una spesa mensile di 40 dollari.

VGC riporta però le parole di una fonte anonima che si è detta membro del gruppo, secondo il quale in realtà i numeri riportati da CrepChiefNotify sono esagerati. Inoltre, pare che il gruppo esageri il valore di rivendita delle console per convincere più persone a unirsi a loro.

Nessuno sembra quindi contento di quanto stia avvenendo, sia che si tratti di normali acquirenti che di membri del team di scalper. In ogni caso, in queste settimane ottenere una console in modo onesto sembra veramente difficile, bagarini o meno: anche chi è riuscito a prenotare una console si è visto l'ordine cancellato o rimandato. Speriamo che la situazione si normalizzi al più presto.