Rockstar Games continuerà a fare grandi giochi single player e multiplayer

Take Two ha confermato che, nonostante il successo di GTA Online e Red Dead Online, Rockstar Games continuerà a sviluppare grandi giochi single player.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   16/02/2021
31

Rockstar Games continuerà a realizzare grandi giochi single player e multiplayer. Quindi, nonostante il successo di GTA Online e Red Dead Online, è certo che per i titoli futuri sia ripetuta la formula vista in GTA 5 e Red Dead Redemption 2, ossia con la presenza contemporanea di una grossa campagna single player e di una modalità online staccata e giocabile autonomamente.

Ad affermare la dedizione di Rockstar Games verso il single player è stato il publisher Take-Two per voce del CEO Strauss Zelnick. Evidentemente una modalità non esclude l'altra e il traino del single player è troppo forte per poterci rinunciare.

D'altro canto negli ultimi anni Rockstar Games ha lanciato davvero pochissimi giochi. Nell'ultima generazione, quella PS4 e Xbox One, ha pubblicato soltanto un nuovo titolo, il già citato Red Dead Redemption 2, limitandosi poi a gestire GTA Online e a realizzare dei port. Chissà se nella generazione PS5 / Xbox Series X e S Rockstar tornerà a essere più presente.

Comunque sia Zelnick si è schierato apertamente in difesa del single player, che per Take-Two non è ancora finito, come vorrebbero alcuni: "Giusto un paio di anni fa si è affermato, non da noi ma negli uffici dei nostri concorrenti, che il single player è morto e che il futuro è multiplayer. Per noi non è così. Dico chiaro e tondo davanti a tutti che per noi non è così e che la nostra etichetta crede il contrario."

Sicuramente il multiplayer ha assunto un'importanza capitale sul mercato, ma il successo di titoli single player come God of War, The Witcher 3, Horizon Zero Dawn e The Legend of Zelda: Breath of the Wild, tanto per fare qualche nome, dovrebbe far riflettere su quanto ci siano ancora tante persone che vogliono vivere le loro esperienze solitarie senza dover necessariamente lanciarsi in titoli competitivi.