Xbox Series X punta ad eliminare i tempi di caricamento, dice Microsoft

Il director of program management di Microsoft, Jason Ronald, ha spiegato come Xbox Series X punti ad eliminare virtualmente i tempi di caricamento e ridurre fortemente la latenza nei giochi.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   19/12/2019
66

Tra le evoluzioni di Xbox Series X c'è anche il nuovo hard disk SSD che dovrebbe portare a un notevole abbattimento dei tempi di caricamento, addirittura alla loro virtuale eliminazione, secondo quanto riferito da Microsoft.

Intervistato da Gamespot, il director of program management di Microsoft, Jason Ronald, ha parlato dei vantaggi apportati dal nuovo sistema di archiviazione a stato solido di Xbox Series X: "Si tratta di dare agli sviluppatori gli strumenti e le capacità di utilizzare l'hardware nella maniera più efficiente possibile", ha detto Ronald, "un buon esempio di questo è visibile sul fronte dei drive a stato solido, visto che abbiamo raggiunto il limite di cosa sia possibile fare con un drive tradizionale", ha spiegato l'uomo Microsoft.

Allora si è reso necessario il passaggio alla nuova tecnologia: "Abbiamo investo sugli SSD NVME e con questi stiamo dando agli sviluppatori nuove possibilità per provare a eliminare virtualmente i tempi di caricamento", ha affermato ancora Ronald.

Insomma, anche Microsoft insiste alquanto sull'aspetto dei nuovi hard drive SSD e sull'abbattimento dei tempi di caricamento, con Ronald che ha spiegato le possibili applicazioni di questa tecnologia: "Che si tratti di un gioco suddiviso in livelli e dunque del passaggio tra un livello e l'altro o di un gioco con un grosso open world, non dovremmo avere queste attese per i caricamenti che rovinano l'immersione e questo è possibile con alcuni degli investimenti che abbiamo fatto sul fronte dell'input-output".

In maniera simile, Xbox Series X si concentra particolarmente anche nella riduzione netta della latenza, che dovrebbe avere ottime ripercussioni nei giochi competitivi: "Abbiamo collaborato con HDMI Forum per portare nuove caratteristiche a base videoludica", ha affermato Ronald, "Cose come il supporto per i 120Hz, il refresh rate variabile, che è disponibile da tempo su PC ma non sulle console, anche il supporto per l'8K".