Sim-Pokèmon 0

Kairosoft torna con un nuovo gestionale, stavolta con una spruzzata di Pokèmon...

RECENSIONE di Fabio Palmisano   —   14/02/2013

Divenuta una vera e propria istituzione in ambito mobile grazie allo stile unico dei suoi titoli gestionali, la software house nipponica Kairosoft ha cominciato da qualche tempo a sondare nuovi terreni, dopo aver spremuto fino all'ultima goccia della struttura ludica che ha fatto la fortuna di prodotti come Game Development Story e compagnia bella: il risultato di tale operazione è ben visibile nel qui presente Beastie Bay, prodotto che unisce una forte componente in stile Pokèmon agli immancabili marchi di fabbrica dello sviluppatore giapponese.

Soldi su un'isola deserta

Nella miglior tradizione Kairosoft, Beastie Bay offre poco o nulla per quanto riguarda lo storyline: l'utente deve guidare le azioni del proprio alter-ego digitale, finito su un'isola deserta assieme al proprio animale domestico, inizialmente occupandosi della loro sopravvivenza per poi aiutarli a gestire l'impero economico derivato dallo sfruttamento turistico del luogo.

L'impressione derivata dalle prime battute di gioco non sembra far trasparire un titolo rivoluzionario per gli standard Kairosoft, nel bene e nel male: se dunque è piacevole ritrovare anche qui l'impronta ironica tipica della software house nipponica unita ad uno stile grafico volutamente retro, d'altra parte risulta fastidioso notare come gli stessi sviluppatori non abbiano ancora imparato a realizzare un tutorial come Dio comanda, o a rendere di più facile consultazione i vari menu di gioco. Insomma, messa giù così la situazione non sembrerebbe così diversa dagli illustri precedenti, eppure si può dire che il focus stavolta sia stato spostato più verso un gameplay rpg in stile Pokèmon piuttosto che verso la classica struttura gestionale. Un aspetto tutt'altro che assente, sia ben chiaro: come accennato in apertura, a seguito di un'iniziale fase interlocutoria, l'utente si troverà ben presto impegnato a costruire e migliorare strutture ed edifici, ad accumulare denaro e risorse e ad attirare turisti nell'isola, servendosi di meccaniche che appariranno subito familiari a chiunque abbia già avuto a che fare con l'offerta di Kairosoft.

L'accento più forte è però posto su un'altra fase, quella che vede il giocatore impegnato a scoprire nuove zone dello scenario, operazione che va a braccetto con un sistema di combattimento a turni direttamente ereditato da Pikachu e compagnia bella. Esplorando un'area sconosciuta, si attiva un contatore a percentuale che viene intervallato in maniera casuale da scoperte di tesori o risorse e di scontri con le creature del luogo, durante i quali scendono in campo gli animali che si è riusciti ad addomesticare nel corso dell'avventura. Come nella serie di Pokèmon, ogni bestiolina dispone di abilità peculiari che possono essere potenziate all'aumentare dei livelli di esperienza, ed ogni nemico che si affronta può essere portato ad ingrossare le fila del proprio piccolo esercito tramite l'utilizzo di apposite esche. Si tratta di un'aggiunta indubbiamente corposa alla più classica attività gestionale, capace di rendere il gameplay di Beastie Bay più vario rispetto ad altri titoli Kairosoft, che però non risulta perfetta nella sua implementazione. Il sistema di combattimento può dimostrarsi infatti da subito ripetitivo per quanto è ancorato agli standard più vetusti degli rpg giapponesi: esiste un'opzione per fare in modo che le battaglie vengano gestite autonomamente dall'IA, ma così facendo si finisce per perdere una fetta davvero consistente dell'offerta ludica. Nota finale riguardo alla natura gratuita dell'applicazione: Beastie Bay si può giocare tranquillamente senza pagare nulla, a patto di tollerare un costante banner pubblicitario sul fondo dello schermo: sborsando 4,49 Euro, invece si possono eliminare completamente gli spot e si sblocca l'opzione di giocare anche in modalità landscape.

Versione testata: iOS (1.0.3) Terminale utilizzato: iPhone 4S Prezzo: Gratis Link App Store Link Google Play
Multiplayer.it

7.2

Lettori (11)

7.4

Il tuo voto

Beastie Bay ha il merito di rappresentare qualcosa di diverso rispetto alla canonica offerta di Kairosoft, grazie all'inserimento di elementi rpg in stile Pokèmon che vanno a braccetto con l'immancabile componente gestionale: un mix vincente sulla carta, ma che a conti fatti non convince al 100% a causa di lacune proprio del sistema di combattimento, un po' troppo old school e ripetitivo per riuscire a calamitare efficacemente l'attenzione per tutta la durata dell'esperienza. Uniamo al tutto un pesante effetto deja-vu causato dalla palese mancanza di volontà di Kairosoft di rinnovarsi nelle sue scelte stilistiche ed il risultato è un titolo che merita sicuramente di essere provato in quanto gratuito, ma che non rientra fra i migliori exploit dello sviluppatore nipponico.

PRO

  • Gratuito senza grosse limitazioni
  • Gameplay vario e profondo
  • Buona l'aggiunta dei combattimenti...

CONTRO

  • ...meno la loro realizzazione
  • Tanto deja-vu per chi ha giocato i precedenti
  • Menu e tutorial poco chiari