Attacco agli dèi 16

Rhys e Fiona tornano dove tutto è cominciato

RECENSIONE di Andrea Rubbini   —   25/08/2015

Indice

Quella che segue è la recensione del quarto episodio di Tales from the Borderlands. La serie completa è composta da cinque episodi in lingua inglese.

Rhys, Fiona, Sasha e i due robot che li accompagnano puntano alle stelle nel penultimo episodio della serie. Il gruppo è infatti diretto verso Hyperion, sede della mega corporazione che nasconde la componente necessaria per aprire il Vault, una specie di caveau post apocalittico che dovrebbe contenere ogni sorta di tesoro. Alla fine dell'episodio i nostri eroi sono in posizione chiave per concludere la missione con successo, ma il loro antagonista principale fa una mossa decisiva e manda all'aria tutti i piani.

Purtroppo il colpo di mano di Handsome Jack avviene nel corso di un finale affrettato che non ci ha lasciato neanche un po' in apprensione per la sorte di Rhys e Fiona, anche perché li vediamo ricordare le loro gesta nel presente, perciò di sicuro non è su Hyperion che uno di loro morirà. Mettendo da parte la maldestra conclusione dell'episodio, sulla carta Escape Plan Bravo poteva essere l'episodio migliore della serie. C'è un piano folle da mettere in pratica, una serie di nuove ambientazioni da esplorare e finalmente qualche approfondimento serio sui personaggi che aspettava solo di essere messo in scena. Tante sequenze da ricamare come Telltale sa fare molto bene. Invece la spinta narrativa viene meno e la storia si perde in facezie fini a se stesse, accumulando scene che non ci raccontano nulla di nuovo sui protagonisti. L'abuso dell'ironia per coprire i vuoti finisce per toglierci anche il sorriso dalle labbra, lasciando così la serie senza più frecce al suo arco. Quando l'episodio si conclude, possiamo solo chiederci una volta di più se chi non ha una passione particolare per l'ambientazione di Borderlands possa davvero emozionarsi per le vicende di Rhys e Fiona.

Tales from the Borderlands Episodio 4 ha in serbo grandi piani che purtroppo realizza solo a metà

Alla deriva

Il primo capitolo dell'episodio riprende le fila della storia e spiega il piano che dovranno portare a termine i nostri eroi. Il giocatore può svelare o meno la presenza di Handsome Jack nella testa di Rhys e questo, indipendentemente dal fatto che cambi o no la storia, è un bivio importante.

Soprattutto se ricordiamo il breve flirt che c'è stato fra Rhys e Sasha, sul quale è bene soffermarci un momento. Di primo acchito avremmo detto che quella tra Fiona e Rhys sarebbe stata la storia d'amore del gioco. Qualcosa sul genere chi odia ama. Il fatto che invece sia scoccata un'intesa tra Rhys e Sasha, la sorella minore di Fiona, ha spalancato nuovi scenari. Magari un conflitto di gelosia? Potrebbe essere, ma anche solo l'inizio di una turbolenta unione basterebbe a dare spessore ai personaggi, che restano sempre troppo uguali a se stessi. Torniamo quindi al momento della rivelazione, che adesso vediamo sotto una luce diversa. Sasha cambierà atteggiamento nei nostri confronti? Meglio mentire? Be', ecco la grande delusione: del flirt tra Sasha e Rhsy non c'è più traccia in questo episodio. Qualunque cosa facciamo o diciamo, la questione per ora è stata messa da parte. Considerando però che questo è il penultimo episodio della serie, dubitiamo ci sia ancora spazio per chissà quali evoluzioni. Una bella occasione persa, insomma. Il secondo capitolo del gioco contiene un'altra scelta spiazzante che ci ha fatto sognare invano. Per la prima volta Tales from the Borderlands strappa una lacrima. L'evento è improvviso e viene frettolosamente accantonato, ma dimostra che è possibile lasciare un momento da parte gli scherzi per toccare qualche corda profonda. Ci aspettavamo quindi un proseguimento epico che mettesse a nudo i personaggi, invece l'esecuzione del piano è una sequenza di momenti privi di scelte significative che falliscono nell'accumulare la tensione necessaria a tenere in orbita la storia. Il passaggio in cui Fiona deve rubare un badge due volte prima dello scadere del tempo è uno dei momenti di gioco fra i più insulsi che Telltale abbia sfornato nella sua nuova serie di avventure. Ci sono ancora gag brillanti, e la finta battaglia fra account è di per sé un picco di ironia e immaginazione, ma la somma delle parti non ammonta a niente di importante. Quando Handsome Jack prende il potere e Rhys rimane seduto come un burattino sul trono del capo, ci rimane la netta sensazione che troppa storia sia rimasta tagliata fuori.

Requisiti di Sistema PC

Configurazione di Prova
  • Processore Intel Core i7 2600
  • 8 GB di RAM
  • Scheda video NVIDIA GeForce GTX 560 Ti
  • Sistema operativo Windows 7
Requisiti minimi
  • Processore Core 2 Duo 2 GHz o equivalente
  • RAM 3 GB
  • Scheda video ATI o NVIDIA con 512 MB RAM
  • Direct X 9.0c
  • Sistema operativo Windows XP SP3
Versione testata
PC Windows
Digital Delivery
Steam, GoG, PlayStation Store, Xbox Store, App Store, Google Play
Prezzo
29,99 €
Multiplayer.it

6.4

Lettori (9)

8.2

Il tuo voto

Il penultimo episodio comincia promettendo grandi emozioni ma dimentica proprio di approfondire le questioni più interessanti, accumulando scene poco significative che non portano i personaggi a un livello di consapevolezza superiore. Quando l'episodio finisce, la sensazione è che sia rimasta fuori la parte migliore della storia.

PRO

  • Qualche picco di immaginazione e ironia
  • Almeno una scena toccante

CONTRO

  • Momenti di gioco insulsi
  • Il potenziale dei personaggi rimane inespresso
  • Manca la spinta propulsiva degli episodi precedenti