Guerre comiche 12

Una valida alternativa Freemium ai grandi classici del genere?

RECENSIONE di Michele Maria Lamberti   —   13/11/2015

Indice

Sui dispositivi mobili esistono apposite versioni di SRPG estremamente blasonati: basti pensare a The Banner Saga o Final Fantasy Tactics (che il qui presente Fantasy War Tactics richiama molto, chissà perché, nel nome), ma si sa, gli utenti iOS e Android non sempre sono disposti a sborsare il dovuto per un titolo Premium. Ecco quindi il proliferare di Freemium per un genere che, c'è da dirlo, si presta particolarmente bene alle caratteristiche delle macchine in questione: la coreana Nexon dice la sua lanciando finalmente in tutto il mondo un gioco già da tempo diffuso e apprezzato in Estremo Oriente. Come può considerarsi l'operazione? Riuscita o meno?

Dalla Corea arriva una valida alternativa Freemium ai grandi classici dell'SRPG: Fantasy War Tactics!

Tante cose da fare

Passando subito al sodo dell'azione, le varie arene sono proposte nella maniera più classica possibile, la canonica griglia isometrica, sulla quale giocatore e CPU muovono a turno i singoli elementi delle proprie squadre.

Non c'è veramente nulla di nuovo e originale nella formula di gioco, manca anzi un elemento quasi fondamentale quale il poter decidere autonomamente l'ordine nel quale muovere i propri eroi, ma ciò non dev'essere per forza considerato un punto a sfavore soprattutto considerando quanti sono gli elementi in gioco, presi da questo o da quel titolo e che insieme costituiscono un panorama molto ricco. Ogni eroe ha per esempio una "mossa" della morra cinese che lo caratterizza, e di conseguenza è più potente contro certi avversari, un tipo di terreno che lo avvantaggia, gli attacchi dai fianchi e da dietro sono più efficaci, piazzando due o più unità vicine tra loro si effettuano attacchi combo devastanti; e poi ancora, tutte le varie abilità che si devono apprendere e migliorare nel corso del tempo, la presenza di un Lord non giocabile ma che può intervenire come supporto... Tutte caratteristiche che delineano un quadro tipico dei Freemium e della loro pletora di oggetti da collezionare, qui presenti in numero tale da rendere difficile la loro enumerazione. E con tutti questi oggetti le cose da fare tra una battaglia e l'altra sono ugualmente numerose: aumentare di livello i personaggi e il loro equipaggiamento, partecipare agli eventi extra (anche PvP) che regolarmente Nexon mette a disposizione, organizzare spedizioni durante le quali il personaggio scelto non può essere utilizzato ma che fruttano numerose ricompense... Avrete già capito dove si vuole andare a parare: le microtransazioni, ovviamente presenti in abbondanza, rovinano un'esperienza di gioco regolare ma certamente divertente?

Alla conquista del mondo

La risposta è sì e no, tendendo però all'opzione negativa se solo avete un minimo di pazienza. Il gioco, col suo sistema di achievement e ricompense, sembra essere all'inizio molto generoso, tanto che nelle prime ore di gioco sarà tranquillamente possibile tenere il party all'altezza, e oltre, della forza dei nemici.

Poco oltre il primo grande boss, però, notiamo il solito incremento innaturale della difficoltà fatto apposta per farci accedere, carta di credito alla mano, al negozio online: fortunatamente a parte alcuni oggetti veramente speciali, tutto il resto è acquisibile in-game, e vi verrà incontro la possibilità di rigiocare i livelli già affrontati, usufruendo peraltro anche di una praticissima opzione che automatizza completamente il combattimento - opzione di cui si potrebbe anche abusare togliendo però lo sfizio di affrontare la battaglia - con l'intelligenza artificiale che dimostra un buon livello. Se volete evitare le microtransazioni, insomma, il segreto sta come sempre nel grind. Questo richiede, come dicevamo e come sa chi frequenta la scena mobile, una certa dose di pazienza, soprattutto considerando che gli elementi che ci hanno convinto di più di Fantasy War Tactics sono trama e personaggi. La storia vi vede nei panni di un mago, che se non possiamo definire cattivo certamente è molto, molto ambizioso, impegnato nella conquista del classico mondo fantasy, e si mette subito sui binari di un umorismo molto gradevole, coi personaggi fortemente caratterizzati, dialoghi che riusciranno a strappare ben più di una risata e alcune situazioni decisamente sui generis e divertenti. La stessa cura è stata riservata alla presentazione del pacchetto: la grafica interamente 3D è colorata, fluida e molto pulita, pur essendo appesantita spesso e volentieri da tutta una serie di effetti visivi spettacolari, e soprattutto ha il grande pregio di risultare visibile anche su schermi piccoli. Lo stile usato è totalmente anime, molto gradevole e ben fatto, e non manca la dose standard di fanservice, senza mai trascendere i limiti di un prodotto destinato anche a un pubblico molto giovane. Poco da dire invece sul sonoro, ricco come si deve di effetti vari, ma con musichette che non si distinguono assolutamente in nulla nel panorama odierno.

Versione testata
Android
Digital Delivery
App Store, Google Play
Prezzo
0,00 €
Multiplayer.it

7.2

Lettori

S.V.

Il tuo voto

Il genere non è esattamente sottorappresentato su iOS e Android: perché dovreste dare una chance a Fantasy War Tactics? Il sistema di gioco non presenta elementi di originalità, ma prendendo spunto un po' qui e un po' lì riesce ad essere sorprendentemente ricco e addirittura a volte confusionario, comunque mai meno che divertente. Soprattutto però ci preme di sottolineare la grande cura riposta nella presentazione a tutti i livelli, da quello tecnico a quello estetico fino a trama, scrittura e personaggi che sono molto caratterizzati e intelligentemente comici. Le microtransazioni diventano un po' invadenti solo da un certo punto in poi, questo vi dà adito a scaricare e cominciare a giocare tranquillamente, e chissà, potrebbe anche scattare la scintilla!

PRO

  • Non originale, ma ricco e completo
  • Ottime tecnica ed estetica
  • Storia, dialoghi e personaggi molto divertenti

CONTRO

  • A volte troppo confusionario
  • L'ordine nel quale muovere i personaggi non può essere alterato
  • All'inizio permissivo, ma prima o poi o si sborsa, o si "grinda"