L'ultimo fendente

La saga action RPG di Neocore Games torna con un'edizione migliorata, gratuita per chi già possiede la trilogia

RECENSIONE di Tommaso Pugliese   —   18/11/2015
16

Quando ha fatto il proprio debutto su Steam, nel 2013, The Incredible Adventures of Van Helsing si è trovato cronologicamente in una posizione di vantaggio rispetto al genere degli action RPG, ed è riuscito a sfruttare tale situazione al meglio, ottenendo un grande successo a dispetto della sua natura di progetto indipendente. Da una parte il prezzo accessibile, dall'altra la ricchezza della campagna, unitamente a uno script divertente e affascinante, hanno posto le basi per una trilogia che solo con l'ultimo capitolo ha un po' deluso le aspettative, dando la sensazione che qualcosa fosse andato storto in fase di sviluppo e che gli autori avessero voluto chiudere tutto frettolosamente. L'uscita di questo Final Cut, che include tutti e tre gli episodi in un'unica edizione, migliorata sotto vari aspetti, rappresenta dunque una sorta di ammenda nei confronti degli utenti che hanno dato fiducia alla serie fin dalle origini, e che non a caso verranno ripagati con la possibilità di scaricare gratuitamente il pacchetto nel caso possiedano già i tre capitoli.

The Incredible Adventures of Van Helsing: Final Cut è una lunga avventura che impegna e appassiona

La leggenda del cacciatore

L'ultimo fendente

Nella visione di Neocore Games, The Incredible Adventures of Van Helsing: Final Cut si pone come un'unica, lunga avventura che include appunto i tre episodi pubblicati fra il 2013 e il 2015. Per concretizzare questo tipo di soluzione, gli sviluppatori hanno introdotto sei differenti classi selezionabili fin da subito per il nostro personaggio, modificato il sistema di potenziamento, la gestione dell'inventario e dello sfaccettato sistema di loot e crafting per donargli coerenza, anche a discapito dell'immediatezza e della praticità. Nella storia, Van Helsing è il figlio dell'omonimo cacciatore di vampiri, determinato a tenere alto il buon nome di famiglia e impegnato ad affrontare le più disparate creature della notte: dagli uomini-ratto agli spiriti, dai troll alle arpie, passando per tutta una serie di avversari più o meno imponenti, più o meno pericolosi e dotati di un repertorio unico. Accompagnato dall'inseparabile Lady Katarina, una dama spettrale dai lunghi artigli, eccellente compagno di battaglia, Van Helsing si trova ad avere a che fare con una città assediata dai mostri e decide di aiutarne gli abitanti, per poi unirsi a un piccolo esercito di ribelli unito sotto la stessa causa: estirpare il male dal regno di Borgovia. Si tratta però solo di una porzione della storia, che procede cercando di coinvolgere gli utenti grazie a uno script a tratti brillante fra citazioni e battute, recitato in maniera convincente da Alex Warner, Michelle Sparks e Tim Simmons.

La classe non è acqua

Come accennato in precedenza, fin dall'inizio del gioco è possibile creare il proprio Van Helsing scegliendo fra sei differenti classi, che sono in effetti quelle viste nel terzo capitolo della serie. Il Cacciatore, una figura agile e letale, equipaggiata con armi a lunga gittata e con un sistema di proiezioni che possono distrarre i nemici e farli cadere in trappola. Il Costruttore, armato fino ai denti e capace di controllare torrette d'assalto che lo seguono in battaglia per dare vita a raffiche di fuoco devastanti per i nemici.

L'ultimo fendente

L'Elementalista, un mago che riesce a sfruttare il potere degli elementi per colpire i suoi bersagli dalla distanza, ma dotato di una limitata resistenza fisica. Il Protettore, un imponente cavaliere in armatura che con la sua spada e il suo scudo riesce a fare a pezzi decine e decine di mostri, rappresentando un po' il tank della situazione. Il Flogistonista, che si muove all'interno di un esoscheletro ed è specializzato nell'uso di granate e armi chimiche. E infine l'Ombralista, che può celarsi alla vista dei nemici finché per loro non è troppo tardi, attaccandoli con una coppia di lame di ghiaccio e con tutta una serie di abilità speciali. Abbiamo avuto delle perplessità circa il bilanciamento e dunque la maggiore o minore efficacia di una classe o dell'altra, ma il nuovo level cap fissato a cento implica in tutti i casi una progressione più lenta e qualche difficoltà extra laddove si arrivi alle fasi avanzate di ogni capitolo senza aver sfruttato al meglio l'equipaggiamento. L'albero delle abilità risulta facilmente accessibile e consente di assegnare tutta una serie di manovre ai vari tasti (persino del controller, perfettamente supportato), ma anche qui non è sempre facile comprendere quale percorso intraprendere e quali aspetti invece possono essere trascurati a seconda della tipologia di personaggio di cui disponiamo. Per fortuna, dopo qualche missione, diventa possibile effettuare un reset delle statistiche e operare dunque gli eventuali accorgimenti.

Variazioni sul tema

Oltre alle classi, al level cap aumentato e alle modifiche apportate all'albero delle abilità, The Incredible Adventures of Van Helsing: Final Cut introduce anche altre novità, alcune delle quali completamente inedite.

L'ultimo fendente

Qualcuno avrà già visto la modalità tower defense, che torna in questo caso fin dal primo capitolo e ci permette di affrontare mappe che vengono prese d'assalto da interminabili ondate di nemici, da eliminare piazzando trappole e torrette, ma anche agendo in prima persona contro la loro avanzata. Ci sono poi le modalità multiplayer, in primo luogo quella cooperativa per quattro partecipanti, che consente di godere dell'esperienza in modo più coinvolgente e di coordinare le proprie azioni per sbaragliare anche gli assembramenti più consistenti di mostri; ma anche quelle competitive per un massimo di otto partecipanti, forse non riuscitissime ma certamente in grado di offrire qualche ora extra di intrattenimento per chi desidera sperimentarne le meccaniche. Non ultima, alle tantissime missioni della campagna in single player è stata aggiunta una sezione inedita con quest casuali, sfide giornaliere ed eventi, ideale per effettuare un po' di grinding e far salire rapidamente il livello del nostro personaggio, così da poter affrontare al meglio le minacce delle fasi avanzate, quando i nemici sono davvero tanti e dannatamente coriacei, e a livelli di esperienza bassi sembra che le nostre armi gli facciano il solletico.

Requisiti di Sistema PC

Configurazione di Prova

  • Processore: AMD FX 8320
  • Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 970 Jetstream
  • Memoria: 8 GB di RAM
  • Sistema operativo: Windows 10

Requisiti minimi

  • Processore: dual core da 2 GHz
  • Scheda video: NVIDIA GeForce 8800, AMD Radeon HD 4000, Intel HD 4000
  • Memoria: 2 GB di RAM
  • Hard disk: 40 GB di spazio richiesto
  • Sistema operativo: Windows XP SP3, Windows 7, Windows 8

Requisiti consigliati

  • Processore: quad core da 2,5 GHz
  • Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 560, AMD Radeon HD 5800
  • Memoria: 4 GB di RAM
  • Hard disk: 40 GB di spazio richiesto
  • Sistema operativo: Windows 7, Windows 8 - 64 bit

Lungo e impegnativo

A seconda che si proceda spediti o ci si lasci affascinare dai segreti presenti in ogni location, esplorandone ogni anfratto alla ricerca di forzieri nascosti ed eventuali minacce da debellare, The Incredible Adventures of Van Helsing: Final Cut può durare da trenta a quarantacinque ore. Fra i punti di forza di questa edizione onnicomprensiva c'è sicuramente l'evoluzione, pur marginale, che si osserva nel passare da un capitolo all'altro, in particolare con l'introduzione di nuove tipologie di mostri da affrontare.

L'ultimo fendente

Sul fronte del gameplay la presenza delle sei classi disponibili fin da subito offre un'interessante reinterpretazione dell'avventura, in particolare delle prime due parti, e apre a un certo grado di rigiocabilità, consentita anche dalla possibilità di creare e portare avanti diverse classi contemporaneamente, visto che ci sono quest specifiche per ognuna di esse. È un peccato che in alcuni frangenti l'azione finisca per rivelare in modo un po' troppo palese la semplicità della sua formula, ma abbiamo apprezzato anche stavolta la scelta di limitare il numero di avversari per scenario: se li ammazzate tutti, non li ritroverete poi ad attendervi nella visita successiva. A tal proposito, l'inevitabile backtracking fa il paio con un avvertibile riciclo di stage nell'ottica della trilogia, ma si tratta di un fattore da tenere in conto quanto ci si confronta con questo tipo di produzioni. Diverso è il discorso del combat system e della resa degli impatti, che sono purtroppo rimasti invariati e tendono a dare poca soddisfazione, se non nelle manifestazioni più eclatanti e spettacolari dei nostri poteri. Tecnicamente il gioco sente il peso degli anni, ma alcune incertezze sono state risolte (il gioco gira sempre fluidissimo, a 1080p e con tutti gli effetti al massimo) e gli sviluppatori sono quantomeno riusciti a utilizzare gli asset in modo intelligente, così da evitare di proporci scenari anonimi, spogli o eccessivamente ripetitivi. Peccato per l'accompagnamento musicale, ben fatto e d'atmosfera, ma che dopo qualche ora diventa monotono.

Commento

Digital Delivery
Steam
Prezzo
41,99 €
Multiplayer.it

7.8

Lettori (7)

7.0

Il tuo voto

The Incredible Adventures of Van Helsing: Final Cut è un pacchetto estremamente corposo, una lunga avventura resa coerente nelle sue meccaniche da un ottimo lavoro di rifinitura e ribilanciamento. L'introduzione delle sei classi differenti fin da principio, il level cap aumentato, le quest casuali, la modalità tower defense e il multiplayer vanno ad aggiungersi a una campagna intensa e impegnativa, caratterizzata da un ottimo script e da situazioni interessanti, anche se talvolta inevitabilmente ripetitive e viziate da un combat system spettacolare ma spesso inconsistente. A voler trovare il pelo nell'uovo, magari sarebbe stato il caso di tenere il prezzo finale un pochino più basso, proporzionalmente a quanto fatto per i singoli capitoli, così da convincere eventuali nuovi utenti a procedere all'acquisto senza remore.

PRO

  • Una lunga avventura, coinvolgente e impegnativa
  • Ricco contorno oltre alla campagna
  • Nuove classi, sistema di abilità sfaccettato
CONTRO
  • Prezzo un po' troppo alto: è pur sempre una riedizione
  • Sistema di combattimento poco incisivo
  • Qualche dubbio sul bilanciamento nelle fasi avanzate