Gordian Quest, recensione di un GDR con le carte che si può trasformare in un roguelike

La nostra recensione di Gordian Quest, un GDR con le carte che si può trasformare in un roguelike: cosa pensiamo del gioco di Mixed Realms.

RECENSIONE di Nicola Armondi   —   17/06/2022
11

Dopo due anni di sviluppo in versione Accesso Anticipato è quasi arrivato il momento di mettere le mani sulla versione definitiva di Gordian Quest, il gioco di ruolo deckbulding con elementi rogue-like di Mixed Realms e Swag Soft Holdings.

La data da segnarsi sul calendario è il 23 giugno 2022 e ci permetterà di mettere le mani su un nuovo eroe, il quarto e ultimo atto della campagna principale e modalità aggiuntive per continuare l'avventura. Prima di arrivare a tutto questo, però, è meglio ritornare alle basi del gioco e cercare di capire esattamente di cosa stiamo parlando. Ecco quindi la nostra recensione di Gordian Quest.

D&D

Gli eroi protagonisti di Gordian Quest
Gli eroi protagonisti di Gordian Quest

Gordian Quest propone varie modalità, ma la principale e più massiccia è la Campagna. Divisa in quattro atti, da almeno cinque ore l'uno, la modalità campagna ci mette nei panni di un gruppo di eroi che devono fare fronte a un'invasione di non morti, chiaramente evocati da negromanti.

Tramite una mappa del mondo di gioco, dovremo muoverci da un punto all'altro della regione, completando battaglie ed eventi narrativi con occasionali "skill check" in stile D&D, durante i quali sarà richiesto un lancio di un dado che si sommerà alla statistica del momento. Non aspettatevi però la profondità di D&D in quanto tutto è ridotto a tre statistiche legate agli archetipi di eroi (forza, destrezza, magia).

Sì potrà potenziare ogni personaggio in vari modi, in ogni caso, sia salendo di livello sia tramite equipaggiamenti. C'è poi un ampio sistema di alberi di abilità, che permettono di ottenere nuove carte, potenziare quelle che possediamo e aumentare i valori d'attacco e di difesa del personaggio. Ci sono anche vari elementi da gioco di ruolo all'interno di Gordian Quest, ma ai livelli di difficoltà più bassi non tutti sono realmente importanti per poter proseguire con successo.

Spada e magia

I combattimenti di Gordian Quest
I combattimenti di Gordian Quest

Il fulcro del gioco sono gli scontri, che si eseguono a turni con un mazzo di carte, le quali determinano le capacità di ogni eroe.

La struttura è classica e ben nota ai fan del genere deckbuilding: ogni mazzo include carte d'attacco, di difesa e altre in grado di applicare potenziamenti o indebolire i nemici. Ogni eroe ha un numero di mosse eseguibili ogni turno e, oltre a infliggere danno, deve aumentare la propria armatura per parare i colpi degli avversari. Non stupirà nessuno sapere che i nemici segnalano l'attacco in arrivo, così da permetterci di organizzarci.

A differenza di giochi più diretti come Slay the Spire, le battaglie avvengono in una arena divisa in file e colonne: la posizione e il raggio d'attacco sono importanti e dovremo spesso spostare i nostri eroi per avere la meglio sui mostri. A farla da padrone sono anche gli status secondari, come il veleno, gli indebolimenti e vari effetti elementali: ciò che conta è che combattere è sempre divertente, grazie alle variabili alle quali fare caso.

Le meccaniche di gioco non sono troppo complesse da comprendere e, soprattutto, vi sono molteplici livelli di difficoltà che permettono di puntare a una partita rilassata oppure a una seriamente impegnativa a seconda del proprio gusto.

Roguelite oppure no

Il sistema di abilità di Gordian Quest
Il sistema di abilità di Gordian Quest

La personalizzazione dell'esperienza è anche legata al modo in cui vorremo affrontare il gioco. La campagna può essere affrontata anche in modalità roguelike, nella quale la morte è definitiva e non è possibile far risorgere gli eroi sconfitti.

Ancora più importante, però, è la modalità aggiuntiva Reame, che rende Gordian Quest un vero roguelike. Invece di avere una campagna narrativa e una mappa da esplorare liberamente, il gioco riprende la struttura di Slay the Spire e, scelti tre eroi, ci chiede di completare una serie di sfide, con muovendoci verso un boss fine livello, passando attraverso battaglie, aree sicure dove curarci, mercanti per acquistare oggetti e via dicendo.

L'hub della prima regione di Gordian Quest
L'hub della prima regione di Gordian Quest

Si tratta di un modo alternativo per giocare a Gordian Quest, nel caso in cui vi interessi solo il cuore del gameplay e non abbiate voglia di (ri)giocare la campagna narrativa. Considerate anche che ogni singolo eroe dispone di quattro mazzi diversi, che cambiano il suo modo di combattere: i contenuti non mancano e si può andare avanti per decine di ore.

Infine, è disponibile anche una modalità PvP 1vs1 nella quale si può comporre un deck per ogni eroe e affrontare altri giocatori online.

Commento

Versione testata PC Windows
Digital Delivery Steam
Prezzo 16,79 €
Multiplayer.it

8.0

Lettori (2)

9.0

Il tuo voto

Gordian Quest prende le meccaniche classiche da deckbulding, propone molteplici contenuti e diversi tipi di modalità. Uno dei suoi punti di forza è la varietà, sia in termini di meccaniche, sia per quanto riguarda eroi e deck da utilizzare. Non è un titolo rivoluzionario, ma è di certo un gioco che sa divertire a lungo.

PRO

  • Varie modalità, tra roguelike e campagne narrative alla D&D
  • Tanti contenuti
  • Rigiocabile
CONTRO
  • La trama non è appassionante
  • Derivativo