Sotterranei di Roccianera

Facciamo il punto sulla prima ala della nuova espansione

SPECIALE di Marco Salemi —   06/04/2015
6

Proseguono le avventure per Hearthstone e questa volta entriamo nei Bastioni di Roccianera! Un anno fa avevamo sconfitto Kel'Thuzad nella necropoli di Naxxramas, teatro della prima avventura, ed eravamo rimasti piacevolmente sorpresi da quest'alternativa per aggiungere nuove carte alla nostra collezione, un sistema originale e completamente differente dall'acquisto delle bustine. Le avventure in Hearthstone infatti, sono una modalità di gioco a tema in cui affronteremo periodicamente dei mini-boss e un boss finale controllati dall'intelligenza artificiale. Ogni settimana, per cinque settimane, sfideremo a duello i nemici di una determinata ala e la loro sconfitta ci premierà con due copie di una nuova carta per ogni mini-boss e una carta leggendaria per il boss finale (che altro non è che il boss finale riprodotto in una carta giocabile per il giocatore). In aggiunta agli scontri con questi avversari di élite, ci sono due scontri riservati a due specifiche classi che come premio ci forniranno due copie di una carta adatta a una delle due classi in questione. Ciliegina sulla torta è la modalità eroica di ciascuna delle ali dove gli scontri diventano decisamente più impegnativi (talvolta i "poteri eroe" dei mini-boss li rendono a prima vista quasi impossibili da affrontare) e il completamento di questa ulteriore difficoltà ci darà la possibilità di sbloccare un dorso speciale per le nostre carte. Come lo scorso anno, è possibile acquistare ogni singola ala con le monete guadagnate in gioco o accaparrarsi l'intero pacchetto ali o ala singola con denaro reale.

Massiccio Roccianera apre la sua prima ala ai giocatori di HearthStone

C'è qualcosa per tutti

Dopo una simpatica introduzione in cui si assiste ad un battibecco tra Ragnaros e Lord Victor Nefarious, si accede ai primi boss della spedizione Sotterranei di Roccianera e il primo Coren Birranera, ci porta a rivivere la simpatica rissa da bar che potevamo scatenare durante la spedizione in World of Warcraft provocando uno dei nani della taverna presente in questo Dungeon. La modalità normale di questo boss non presenta particolari difficoltà in quanto il potere che Coren userà ogni turno sarà quello di mettere in gioco sia dal suo mazzo che dal vostro un servitore casuale.

Sotterranei di Roccianera

Lo batterete agevolmente con qualunque mazzo, tuttavia, creandone uno composto da servitori, dal costo di lancio alto, ne avrete in gioco uno gratis.... vi lasciamo il divertimento e la creatività. Il secondo mini-boss che affronteremo sarà il Gran Giudice Tetrapietra la cui abilità è apparentemente innocua, infatti al prezzo di un mana gli farà evocare un difensore 1/1. Ma il suo mazzo sarà formato solo di carte leggendarie che andrà a giocare pian piano presentandole come fosse un annunciatore. Questa sfida sarà lievemente più difficile ma un mazzo con molte creature veloci dovrebbe sbrigare la pratica abbastanza agevolmente. La sua versione eroica farà costare zero il suo "potere eroe" e renderà la battaglia decisamente più ostica. Il boss finale dell'ala è l'imperatore Thaurissan il cui "potere eroe" fa trenta danni all'avversario pur non venendo usato fino a che in gioco ci sarà la sua consorte Moira Barbabronzea, un servitore che attaccherà solo i servitori con difensore e il giocatore e che avrà uno in attacco e tre in difesa. Nella versione eroica di Thaurissan, sua moglie avrà invece 3 in attacco e 1 in difesa e sarà molto più vulnerabile. Imperativo è fare un mazzo senza difensori. Le sfide di classe sono decisamente divertenti, specialmente quella del mago. Affronterete infatti Tetrapietra ma solo con un mazzo esclusivamente composto di portali Instabili che, con 2 mana, vi metteranno in mano servitori casuali diminuendo il loro costo di tre mana. Ci è capitato Tetrapietra che ha giocato Milhouse Manalampo e nel turno successivo abbiamo giocato 5 portali a costo zero! Davvero divertente. L'altra sfida è contro Coren usando un mazzo Hunter che non ha nulla di particolarmente difficile.

Analizziamo, ora, le carte che diventano giocabili dopo aver completato quest'ala. Innanzitutto, Cliente Torvo è un 3/3 a cinque mana che quando subisce danno non letale evoca una copia di se stesso. Ci sembra molto forte per il mazzo del guerriero, che ha tantissime carte che possono infliggere un danno ai propri servitori dandovi la possibilità di riempire la tavola di gioco velocemente. Pensate a un Comandante crudele che trasforma il servitore in 5/2 e fa spuntare un altro 3/3 accanto; ottima anche la sua  possibilità di sopravvivere a magie ad area come "Consacrazione" o "Esplosione Sacra".

Sotterranei di Roccianera
Sotterranei di Roccianera

Crediamo che Cliente Torvo sarà molto giocata sia in arena che in partite classificate. Alleati Segreti, invece, è una magia che con 2 mana permette di copiare per tre volte un servitore presente sul tavolo e di mettere queste tre copie nel vostro mazzo. Ci sembra una carta abbastanza casuale che in alcune situazioni può essere devastante: pensate, ad esempio, che cosa succederà quando metterete tre copie di una leggendaria nel vostro mazzo. La vediamo decisamente più giocabile in arena piuttosto che in partite classificate. Altra magia è Resurrezione che, al costo di due mana, riporta in gioco un servitore scelto a caso tra quelli morti durante tutta la partita. Una carta che, quando ci sono ancora pochi servitori morti, può essere utile ma quando si arriva a fine partita è davvero troppo casuale per fare veramente la differenza. Thaurissan è la leggendaria della prima ala di Roccianera... e che leggendaria! Al costo di sei mana evocherete un 5/5 (nulla di non visto), la sua abilità però lascia aperte tantissime possibilità, infatti, alla fine di ogni proprio turno, diminuisce di 1 mana il costo di tutte le carte nella vostra mano. Davvero non male. Ci vengono in mente gli esempi di utilizzo più svariati: una banale Palla di Fuoco al costo di tre mana in un mago o la combo Forza della Natura più Ruggito Selvaggio al costo sette mana invece di nove in un drudo. Tiro Rapido è la prima delle carte per le classi specifiche, in questo caso del cacciatore, ed è una magia che per 2 mana fa tre danni ad un bersaglio e, se la vostra mano è vuota, pesca una carta. Un'ottima carta per il cacciatore che aggiunge un'altra freccia al suo arco con un utilissimo ulteriore effetto se non avete carte, sicuramente da giocare in arena e in ranked. Il Soffio del Drago, infine, è una carta per il Mago che con cinque mana fa quattro danni e costa un mana in meno per ogni servitore morto nel turno in cui la si gioca. Non sarà facile per questa carta trovare il proprio spazio in mezzo ad altri spari del mago che costano meno e il cui effetto è migliore. Una carta dall'uso occasionale che in arena può essere carina ma in ranked andrà e, comunque, non sarà facile rubare il posto alle tante magie di ghiaccio e fuoco di cui il mago è pieno. Questo è tutto per quanto riguarda la prima ala... pochi giorni e potremo esplorare (e raccontarvi) la seconda!