Fantasia infinita  52

Un nuovo avvistamento al TGS 2011 per Final Fantasy XIII-2

ANTEPRIMA di Marco Perri —   15/09/2011

Per quanto snaturata, cambiata e modernizzata che sia, la saga di Final Fantasy è stata una delle poche a sapersi costruire intorno un vero e proprio circolo di irriducibili appassionati che hanno amato, amano e ameranno per sempre quello che ad oggi è il brand JRPG più famoso. Ogni volta che si prende in mano un nuovo capitolo ufficiale è incredibile come la mente torni al passato, rievocando di riflesso pensieri e ricordi dei bei giorni andati, sprazzi di giovinezza trascorsi ad evocare Summon, cercare di abbattere le Weapon o anche solo semplicemente gareggiare tra amici per chi riusciva a raggiungere il punteggio più alto nel supporto ad Ifrit, il Guardian Force per definizione. Tutto è ovviamente cambiato, alle mappe con frequenti incontri casuali e la nostra libertà di pensiero a decidere il percorso da seguire si sono affiancate meccaniche di gameplay più attuali e più in linea con le richieste di buona parte della generazione di videogiocatori odierna.

Che il cambiamento generale sia stato apprezzato purtroppo sono proprio i volumi di vendita a non poterlo confermare, ciò naturalmente non implica che la qualità sia drasticamente scesa, semplicemente la saga non ha più l'impatto dirompente di una volta, complici principali una concorrenza accesa e una crescita irrefrenabile dei giochi di ruolo online. Riflessioni e sentimentalismi a parte, Final Fantasy sta comunque tornando di prepotenza, con un nuovo capitolo ufficiale, seguito (qualcuno ricorda il X-2?) di quel XIII che ha acceso non poche discussioni con il suo impianto ludico-narrativo forse troppo "al passo" con i tempi odierni. Questo TGS ci regala una demo che riprende quanto visto alla GamesCon, con un build leggermente più aggiornata, trasportandoci ancora una volta nella splendida ambientazione del XIII, con alcune novità degne di nota.

Nuovo aiutante, nuovo sistema?

E' proprio destino che la famiglia Farron non riesca a trovare un po' di pace. Sono passati tre anni dagli eventi del XIII, e Lightning è scomparsa. Protagonista (per ora) indiscussa di questo nuovo capitolo è infatti la sorellina Serah: personaggio cardine che potrà finalmente mostrare lati del suo carattere purtroppo tralasciati per dare più spazio alla sorella e al fidanzato Snow Villiers. Ma la ragazza non è sola. Ad aiutarla vi sarà un ragazzo di nome Noel Kriss, personaggio dal background ancora avvolto nel mistero, ignoriamo infatti qualche sia il suo legame con la famiglia di Serah e perché abbia scelto di prestare le proprie spade alla causa: la demo non ci ha purtroppo aiutati a chiarire questo dilemma.

Poco importa, il ragazzo ci sa fare eccome: è nella prima scena di gioco che il nostro party viene attaccato da una gigantesca creatura umanoide trasparente ma dal braccio cristallizzato, e solo dopo aver ridotto il nemico in fin di vita i nostri riflessi testano con dei Quick Time Event la sua capacità di saltare e arrampicarsi in cima al titano colpendolo, previa una giusta pressione dei tasti, con attacchi altamente spettacolari e mirati. L'introduzione degli eventi di pressione veloce (definiti Cinematic Actions) è la vera novità visto che il sistema Paradigm Shift è ancora presente. La nostra abilità, anche in Final Fantasy XIII-2, risiederà nel cambiare al momento giusto in relazione all'andamento delle battaglia le classi dei nostri personaggi, così da avere un party di gioco sempre pronto e capace di affrontare con i giusti mezzi determinati nemici. Torna la barra Combo, questa volta affiancata da quella Synchro Drive, che se caricata colpendo i nemici mentre è presente uno dei nostri mostri catturati (si, si potranno catturare i mostri) ci permetterà di scatenare un attacco del mostriciattolo in questione. Comodo, no?

Scarica il Video

E i nemici dove sono?

Non ci sono, semplice. O meglio, scordatevi la presenza di creature a schermo a darci la possibilità di scegliere se combattere o meno. Avventurandoci fuori dalle mura della città devastata dall'attacco del gigante di cristallo abbiamo testato il nuovo metodo di ingaggio dei combattimenti, denominato Mog Clock System.

Sarà proprio il piccolo Moogle a darci il tempo di azione una volta che dal nulla saranno comparsi i nemici, permettendoci di godere di bonus o malus in base al nostro tempo di reazione nel colpirli e combatterli così nelle battaglie in tempo reale. Un'aggiunta simpatica che se da una parte torna ai vecchi combattimenti casuali, rendendo così ovvio l'equilibrio dei nemici a schermo (cosa che non sempre era sperimentabile nel XIII) dall'altra preme sull'acceleratore action, costringendoci ad agire fisicamente nel minor tempo possibile. Anche se non particolarmente presente nella demo, ricordiamo che, grazie al sistema di conversazione ad albero Live Trigger, le risposte che daremo ai bentornati Personaggi Non Giocanti influiranno sullo svolgersi della storia, in quanto è stata confermata la presenza di finali multipli, dando così la sicurezza che un playtrough non sarà mai identico al precedente. La nuova Fantasia si preannuncia interessante, e per ora sembra che il fardello del primo episodio stia venendo trasportato con estrema dignità. Siamo già pronti a tornare su Coocon con Final Fantasy XIII-2.

CERTEZZE

  • Final Fantasy XIII rivisto e migliorato
  • Nuovi e vecchi personaggi
  • Evoluzione del Paradigm Shift
  • Comparto sonoro di primo livello

DUBBI

  • Ancora binari
  • Per ora solo due personaggi
  • Non un finale definito come nel XIII