Assembla che ti Passa #275

Le sorprese di fine anno non sono finite tra GeForce RTX 3060 Ti, Radeon RX 5700 e GeForce 3000 Mobility.

RUBRICA di Mattia Armani —   28/11/2020
52

Assembla che ti Passa è una rubrica settimanale che raccoglie le principali novità legate all'hardware da gioco PC e propone tre configurazioni, divise per fasce di prezzo, pensate per chi desidera assemblare o aggiornare la propria macchina. Come al solito i suggerimenti sono graditi e le correzioni ben accette, a patto che i toni siano adeguati. Un ulteriore consiglio è quello di leggere i paragrafi che presentano le configurazioni prima di dare battaglia nei commenti.

Geforce Rtx 3060 Ti

Il Natale si avvicina ma le scorte di schede video continuano a scarseggiare drammaticamente. La promessa di AMD di un lancio massiccio per le Radeon RX 6000 sembra essere stata largamente disattesa considerando che è più facile trovare una GeForce RTX 3080, ma in entrambi i casi a fermare molti sono sovrapprezzi astronomici, spesso nell'ordine dei 200 euro. Un analista ha dato la colpa alla vendita di GPU Ampere al settore mining, anche se pare strano visto che servono 233 giorni di lavoro per coprire il costo di una 3080 nel caso dell'Ethereum, e gli annunci svelano come molti dei primi modelli siano finiti nel segmento dei pre-assemblati, che garantisce margini di guadagno superiori, ma è chiaro che COVID-19 e affollamento delle linee produttive abbiano avuto un ruolo importante in questa carestia hardware.

Tra l'altro NVIDIA potrebbe aver già iniziato a produrre la serie GeForce RTX 3000 in versione mobile visto che si parla di un lancio dei primi prodotti già a Gennaio 2021, in modo da sfruttare l'efficienza migliorata per spingere ulteriormente il già profittevole settore dei laptop da gioco. Ma sulle prime, se non altro, dovrebbero esserci solo prodotti ASUS e MSI, mentre aziende come HP, Dell e Lenovo avrebbero deciso di aspettare aprile, forse per avere un volume maggiore di prodotti da immettere nel mercato. I primi modelli dovrebbero essere le RTX 3080, RTX 3070 e RTX 3060 Mobility e sarebbero costruiti ancora con i transistor a 8 nanometri di Samsung. I rumor menzionano però i transistor a 7 nanometri di TSMC che potrebbero entrare in campo nella produzione delle GeForce SUPER della serie mobile, secondo quanto riportato da Wccfech già previste sia per il settore desktop che per quello mobile.

Nel frattempo la speranza di chi brama una delle schede NVIDIA Ampere di punta per Natale è quella che la GeForce RTX 3060 Ti distragga chi alla fine non ha bisogno di troppa potenza, comunque notevole per una scheda che promette prestazioni superiori a una RTX 2080 Super per circa 400 euro, lasciando campo libero a chi vuole il massimo, ma è probabile che anche il nuovo modello di fascia media sia destinato a contare un numero limitato di pezzi, proprio in un anno in cui la richiesta per l'hardware da gioco è ai massimi livelli. D'altronde benché per molti la situazione economica sia molto difficile, per altri la rinuncia a vacanze e cene si è tradotta in una maggior disponibilità economica da spendere anche in tecnologia, piuttosto utile quando ci si ritrova chiusi in casa.

Radeon Rx 6800 6

Ma le nuove GPU e le nuove console non sono l'unica alternativa. C'è infatti una tecnologia emergente che, promuovendo un po' di sano movimento, potrebbe incontrare un certo successo durante le festività che probabilmente ci lasceranno un po' più liberi, ma ancora limitati da chiusure, coprifuoco notturni e vincoli dettati dalla necessità di evitare assembramenti. Stiamo ovviamente parlando della realtà virtuale che ha visto Oculus Quest 2, in combo con l'ottimo RPG Asgard's Wrath, anticipare il Vive, in alcuni mercati venduto con l'eccellente Half-Life: Alyx. In entrambi i casi una convenienza già maggiore rispetto ai precedenti visori aumenta ulteriormente e potrebbe spingere molti a investire il proprio budget in quelli che sono lampi di futuro. Non è un caso che i visori siano al centro di ingenti investimenti e che godano di un supporto crescente anche nel caso dei titoli dei grandi publisher, con EA che ha aggiornato Star Wars: Squadrons per affinare la già ottima esperienza VR e Microsoft Flight Simulator che si prepara a compiere un salto epocale con un aggiornamento VR che promette di rendere lo spettacolare simulatore la più realistica esperienza di realtà virtuale casalinga esistente.

La prospettiva è esaltate ed è ancora più esaltante immaginare che re potrebbe avere un titolo del genere con un visore di fascia alta, di quelli come lo StarVR One che rispetto ai visori standard gode di un campo visivo estremamente superiore a quello dei modelli consumer, con 210 gradi di ampiezza sull'asse orizzontale e 130 gradi su quello verticale. Copre, insomma, la quasi interezza della visuale, proiettando il giocatore nel mondo virtuale. Al momento, però, è riservato al mercato professionale e non può essere quindi acquistato dal normale acquirente. Inoltre ha un prezzo di 3200 dollari al quale va aggiunto quello della Steam Vr Base Station e di due controller. Ma le cose potrebbero essere in procinto di cambiare. Al momento infatti la disponibilità dello StarVR è stata estesa ai professionisti delle corse simulate, parallelamente all'arrivo del pieno supporto per il visore in titoli come iRacing and Assetto Corsa. Non sono quindi da escludersi ulteriori ampliamenti del bacino d'utenza che potrebbero culminare in una versione del visore più abbordabile e disponibile per tutti.

Starvr One

Certo, prima di arrivare a modelli abbordabili in grado di regalarci una vera esperienza a 360 gradi ci vorrà ancora un po', ma i passi in avanti sono costanti, le vendite salgono e l'evoluzione degli hub virtuali, per certi versi evoluti come nel caso delle sale cinematografiche 3D ma limitate nelle interazioni e nelle dinamiche, potrebbe dare un'ulteriore spinta a un ecosistema che fatica a imporsi anche a causa della scarsa maturità del software.

Configurazione Budget

La configurazione budget è quella orientata al risparmio ma non è detto che non ci sia spazio per l'upgrade laddove si presentino prospettive interessanti. Le proposte di questa fascia includono soluzioni pensate per i giochi a basso profilo tecnico e build orientate al 1080p.

L'intera filiera di AMD sembrerebbe soggetta a difficoltà produttive vista la scarsa reperibilità di tutte le CPU recenti, inclusi i Ryzen 3 basati su architettura Zen 2 lanciati non molto tempo fa. Da qui un aumento dei prezzi che però dipende probabilmente anche dalla congiunzione complicata e dall'avvicinarsi del Natale, visto che sono coinvolte anche le CPU Intel. Per questo ci rifugiamo sul Ryzen 5 2600, comunque notevole nel suo offrire 6 core e 12 thread, overclockabili, a meno di 140 euro.

Anche nel caso delle schede video di fascia bassa abbiamo visto progressivi aumenti di prezzo coinvolgere sia le schede AMD che quelle NVIDIA. Le prime però sono aumentate in modo proporzionalmente maggiore, mentre nel caso delle seconde i rincari si sono fermati e alcuni modelli overclockati sono calati di prezzo, mettendoci di fronte comunque a opzioni molto allettanti come nel caso della EVGA ULTRA GAMING che pur non immediatamente disponibile dovrebbe essere in riassortimento.

BUDGET Componente Prezzo
PROCESSORE Ryzen 5 2600 3.4-3.9 GHz 135,00 €
SCHEDA MADRE GIGABYTE B450M DS3H 70,00 €
SCHEDA VIDEO EVGA GeForce GTX 1650 SUPER SC ULTRA GAMING 4GB 160,00 €
RAM G.Skill Aegis 2x8GB 3200MHz CL16 60,00 €
ALIMENTATORE EVGA 450 BR 80+ Bronze 45,00 €
HARD DISK Kingston A400 480GB SATA III 45,00 €
CASE Kolink Nimbus RGB Mid Tower 50,00 €
TOTALE 565,00 €

Configurazione Gaming

Nella fascia gaming di solito si trovano quelle componenti che consentono di affrontare il gioco su PC senza paura e di tenere duro per qualche tempo. La resa dei conti con il frame rate è dietro l'angolo ma, con una buona base, è sempre possibile vendere la GPU vecchia prima che si svaluti troppo in modo da acquistarne una nuova giusto in tempo per affrontare il prossimo kolossal videoludico spacca hardware.

Passando alla fascia media ci troviamo di fronte a un Ryzen 5 3600 diventato più caro di oltre 60 euro e di fronte a un Ryzen 5 5600X che risulta difficile da trovare anche a 400 euro, con un rincaro di circa 100 euro sul prezzo consigliato. Lato Intel, invece, il Core i5-10400F è rimasto decisamente conveniente, si eleva sul predecessore anche grazie all'Hyper-Threading e garantisce ottime prestazioni in gioco senza bisogno di overclock.

Nella fascia media non possiamo che consigliare pazienza dopo la comparsa dei primi rumor sulla Radeon RX 6700 e le prime foto confermate della GeForce RTX 3060 Ti, secondo i rumor più potente di una GeForce RTX 2080 Super e destinata ad essere venduta a un prezzo intorno ai 400 euro. Nel frattempo riempiamo lo slot della GPU con una RX 5600 XT, soggetta a qualche rincaro ma comunque valida per rapporto tra prestazioni in rendering standard e prezzo.

GAMING Componente Prezzo
PROCESSORE Intel Core i5-10400F 2.9-4.2GHz 170,00 €
SCHEDA MADRE ASUS PRIME B460M-PLUS 110,00 €
SCHEDA VIDEO Sapphire Pulse Radeon RX 5600 XT 6GB 315,00 €
RAM Corsair Vengeance LPX 2x8GB 3200MHz CL16 70,00 €
ALIMENTATORE FSP Hydro PRO 600W 80+ Bronze 80,00 €
HARD DISK Kingston A400 960GB SATA III 85,00 €
CASE Corsair R275 Airflow Mid Tower 80.00 €
TOTALE 910.00 €

Configurazione Extra

La configurazione spinta ha un senso compiuto solo per chi punta a risoluzioni elevate, consapevole che il lusso spesso non va a braccetto con la razionalità. D'altronde, diciamocelo, a chi non piace avere un bel motore sotto il cofano anche se c'è da rispettare il limite di velocità?

I Ryzen 5000 di fascia alta sono più facili da trovare del Ryzen 5 5600X e soffrono di rincari inferiori con il Ryzen 7 5800X che con un po' di ricerche è reperibile a circa 530 euro. Non che 50 euro di rincaro siano pochi, soprattutto considerando che parliamo di una CPU che già costa 50 euro di quella che l'ha preceduta e questa volta senza dissipatore, ma il salto è notevole e le prestazioni in gioco, importanti soprattutto per chi si cimenta anche con il 1080p ad altissimo framerate, nettamente superiori a quelle dei modelli precedenti.

Per trovare una GeForce RTX 3080 a prezzi umani gli sfortunati utenti italiani, al momento impossibilitati a comprare le Founders Edition, si stanno rivolgendo a retailer e negozi esteri, pagando comunque prezzi elevati, ma alcuni modelli come la GeForce RTX 3080 XC3 Black Gaming sono reperibili, all'estero e a patto di essere veloci nel bloccarli quando compaiono, a meno di 830 euro. Certo, vista la domanda è probabile che sia comunque necessario attendere molto per avere effettivamente la scheda, ma se non altro è possibile bloccarla.

EXTRA Componente Prezzo
PROCESSORE Ryzen R7-5800X 2.9-4.8GHz 530,00 €
DISSIPATORE Scyte Mugen 5 TUF 70,00 €
SCHEDA MADRE ASUS TUF X570-PLUS 165,00 €
SCHEDA VIDEO EVGA GeForce RTX 3080 XC3 BLACK GAMING 10GB 830,00 €
RAM G.Skill Trident Z Neo RGB 2x16GB DDR4 3600MHz CL16 190,00 €
ALIMENTATORE Corsair RM850 80+ Gold 135,00 €
HARD DISK Sabrent Rocket 1TB M.2 150,00 €
CASE Cooler Master MasterCase H500P Mesh Mid Tower 160,00 €
TOTALE 2230.00 €