Assembla che ti Passa #295

Parliamo di carenza di GPU, di nuovi modelli e di strategie anti minatori di criptovalute

RUBRICA di Mattia Armani —   24/04/2021
36

Assembla che ti Passa è una rubrica settimanale che raccoglie le principali novità legate all'hardware da gioco PC e propone tre configurazioni, divise per fasce di prezzo, pensate per chi desidera assemblare o aggiornare la propria macchina. Come al solito i suggerimenti sono graditi e le correzioni ben accette, a patto che i toni siano adeguati. Un ulteriore consiglio è quello di leggere i paragrafi che presentano le configurazioni prima di dare battaglia nei commenti.

L'argomento principale nel mondo del gaming su PC resta la carenza di GPU, quasi impossibili da trovare a prezzi accettabili. Un ruolo in tutto questo, lo sappiamo, lo ha anche la nuova corsa alle cripto valute, così come lo hanno scalper e fornitori che non si sono fatti troppi problemi a giocare sui prezzi per ampliare notevolmente i loro margini di guadagno, ma per quanto il nervosismo dei videogiocatori PC sia giustificato, è bene tenere a mente che la discrepanza tra una domanda elevatissima e un'offerta insufficiente è un problema dell'intero settore della tecnologia.

Tra linee di produzione intasate e un incremento notevole anche nelle vendite dei laptop, gli analisti prevedono altri problemi tra cui incrementi nei prezzi degli storage, a partire dai vecchi ma capienti dischi fissi per arrivare a SSD di ogni genere. Inoltre per il trimestre in corso è atteso un incremento notevole, rispetto al medesimo trimestre dello scorso anno, nel prezzo delle memorie, con un rialzo delle previsioni di rincaro che sono slittate dalla precedente forbice del 12-18% a un ben più sostanzioso 18-23%. E non parliamo delle sole memorie da notebook.

Domanda elevata e lentezza del sistema ad adeguarsi hanno reso molto difficile acquistare una GPU
Domanda elevata e lentezza del sistema ad adeguarsi hanno reso molto difficile acquistare una GPU

L'aumento nelle richieste di un tipo di memoria va a impattare su tutte le linee produttive e produce effetti anche su altri tipi di memoria. Non è un caso che da qualche settimana sia già evidente un rialzo nei prezzi delle memorie per PC desktop, almeno presso i grandi rivenditori online. Inoltre si prevedono rincari per le memorie delle schede grafiche, per quelle a basso consumo dei dispositivi mobile e di quelle per i server, con potenziali effetti nefasti sul prezzo dei prodotti finali. Qualche produttore di memorie potrebbe avere spazio per mantenere ritmi più sostenuti e limitare il rincaro, ma in rete c'è già chi invita all'acquisto istantaneo di memorie a meno di non voler pagare cifre astronomiche. Dobbiamo però tenere conto che per fine anno inizierà il passaggio ai moduli DDR5 e potrebbe non essere saggio investire adesso in memorie destinate a diventare obsolete tra qualche mese.

Tra l'altro per inizio 2022 dovremmo vedere i primi effetti dell'adeguamento dell'industria agli incrementi nelle richieste, con conseguenti miglioramenti nel caso di disponibilità e prezzi. Certo, considerando gli incrementi di prezzo per le memorie e il possibile aumento di prezzo dei wafer di TSMC, forse fino al 25%, è probabile che i prezzi consigliati delle GPU siano comunque destinati a risultare ben superiori a quelli di lancio, ma una volta tolti i rincari derivati dalla speculazione, le cifre da spendere dovrebbero comunque risultare sensibilmente meno sproporzionate di quelli attuali. Un qualche miglioramento, però, speriamo di vederlo già prima. Pare infatti che NVIDIA stia adottando accorgimenti per l'intera famiglia GeForce RTX 3000 con l'obiettivo di limitare le capacità di mining di tutti modelli della sua offerta destinati ai videogiocatori.

Un accorgimento in tal senso lo abbiamo già visto nel caso della GeForce RTX 3060, ma la riduzione del 50% dell'hash rate è stata prima aggirata da terzi e poi rimossa dalla stessa NVIDIA che si è trovata di fronte a inevitabili polemiche. Non sembra però essersi arresa. Sul web corrono infatti voci che parlano di una revisione di tutti i modelli da gaming della serie RTX 3000 e non si parla di accorgimenti software. Secondo quanto riportato da Igor's Lab, NVIDIA avrebbe chiesto ai partner di dotare i modelli della GeForce RTX 3080 Ti, a quanto pare prevista per il 25 maggio, con limitatori per le capacità di calcolo legate alle criptovalute. Si tratterebbe quindi di accorgimenti hardware, ben più difficili da aggirare.

NVIDIA sembra intenzionata a separare definitivamente le schede da gioco dalle schede da mining
NVIDIA sembra intenzionata a separare definitivamente le schede da gioco dalle schede da mining

Ciononostante non è il caso di aspettarsi miracoli in termini di disponibilità. Le richieste di schede legate alle criptovalute hanno senza dubbio effetti su disponibilità e prezzi delle GeForce e delle Radeon, ma i problemi del mercato nel rispondere a una domanda elevatissima sono di portata ben maggiore. Abbiamo visto code d'attesa per uno switch lunghe fino a 12 mesi, automobili ferme per la mancanza di chip e l'aumento dei prezzi di memorie che nei prossimi mesi potrebbero diventare ancora più costose. Non possiamo quindi negare di essere in una situazione complessa che non può dipendere dalle macchinazioni di una singola entità. La domanda è chiaramente molto elevata come risulta evidente dall'aumento di schede video vendute rispetto agli anni passati, dai record di vendita delle console e dai magazzini di Taiwan che pur sdoganando un gran numero di GPU, come mostrano alcuni video, non riescono a soddisfare la domanda complessiva.

Se non altro quando le nuove schede arrivano sul mercato, al lancio qualcuno riesce finalmente ad acquistare una scheda video di nuova generazione al prezzo consigliato. Certo, non tutti sono disposti a lanciarsi in gare di click che spesso terminano con un'amara delusione, ma nonostante gli scalper e la disponibilità ridotta, anche diversi abitanti dello stivale sono riusciti ad acquistare una RX 6800 XT durante il lancio, avvenuto poco più di due settimane fa, della versione Midnight Black della potente scheda AMD. Ci auguriamo quindi che altri riescano nella stessa impresa quando sarà resa disponibile la GeForce RTX 3080 Ti, a quanto pare in arrivo a maggio.

Le nuove schede spariscono in un attimo, consentendo a pochi fortunati di acquistare finalmente una GPU di nuova generazione al prezzo consigliato
Le nuove schede spariscono in un attimo, consentendo a pochi fortunati di acquistare finalmente una GPU di nuova generazione al prezzo consigliato

La GeForce RTX 3080 Ti non è ancora stata presentata ufficialmente, ma possiamo quasi darla per scontata considerando i numerosi rumor di fonti affidabili che, lo abbiamo già detto, hanno indicato una data di lancio. Possiamo quindi dare per buone anche le caratteristiche che ci parlano di una scheda da 999 dollari equipaggiata 10240 CUDA Core, 320 Tensor core e 80 RT core che potrebbe quindi risultare molto vicina alla RTX 3090, almeno in gaming, nonostante un quantitativo di memoria dimezzato, comunque sufficiente per il 4K visti i 12 GB di GDDR6X con bus da 384-bit, e frequenze inferiori, con 1365 MHz di base e 1665 MHz in boost. Potrebbe per questo rivelarsi un ottimo acquisto per chi è in cerca di prestazioni in gaming di fascia strema e non ha nessun bisogno dei 24 GB della RTX 3090. Questo, ovviamente, a patto di riuscire ad accaparrarsene una.

Configurazione Budget

La configurazione budget è quella orientata al risparmio ma non è detto che non ci sia spazio per l'upgrade laddove si presentino prospettive interessanti. Le proposte di questa fascia includono soluzioni pensate per i giochi a basso profilo tecnico e build orientate al 1080p.

Il Core i5-11400F resta una delle opzioni più interessanti per una configurazione di fascia bassa in grado di garantire una buona potenza. Non gode ovviamente dell'incremento in termini di IPC del Core i3-11400F ma costa decisamente meno e offre comunque ottime prestazioni in gioco.

Da un po' di tempo, purtroppo, la GeForce GT 1030 è l'unica GPU il cui prezzo medio rientra nei requisiti della fascia bassa, nonostante un rincaro del 25% circa. Il rialzo, va detto, è netto, ma è decisamente inferiore rispetto a quello dei modelli di fascia superiore, alcuni venduti anche a un prezzo doppio, e anche superiore, rispetto a quello consigliato.

BUDGET Componente Prezzo
PROCESSORE Intel Core i5-10400F 2.9-4.3GHz 140,00 €
SCHEDA MADRE ASRock H410M-HDV 80,00 €
SCHEDA VIDEO MSI GeForce GT 1030 OC 2 GB 115,00 €
RAM Crucial Ballistix 2x8GB 2666MHz CL16 80,00 €
ALIMENTATORE EVGA 450 BR 80+ Bronze 45,00 €
HARD DISK Kingston A400 480GB SATA III 50,00 €
CASE Kolink Nimbus RGB Mid Tower 50,00 €
TOTALE 560,00 €

Configurazione Gaming

Nella fascia gaming di solito si trovano quelle componenti che consentono di affrontare il gioco su PC senza paura e di tenere duro per qualche tempo. La resa dei conti con il frame rate è dietro l'angolo ma, con una buona base, è sempre possibile vendere la GPU vecchia prima che si svaluti troppo in modo da acquistarne una nuova giusto in tempo per affrontare il prossimo kolossal videoludico spacca hardware.

Benché il prezzo del Core i5-10600K sia decisamente appetibile, torniamo a puntare su un'alternativa di ultima generazione, forte di nuove tecnologie, di un picco di frequenza più alto e di un incremento sensibile delle istruzioni per clock. L'aumento netto di potenza bruta non si traduce in un incremento analogo nelle prestazioni in gioco, ma queste migliorano comunque di qualche punto, complice l'overclock della memoria ora disponibile anche su schede madri di fascia media e ripensato in modo da offrire maggiori vantaggi prestazionali.

L'unica vera scheda di fascia media al momento in circolazione è la GeForce RTX 3060, pensata per il 1080p senza compromessi. Ma ha un prezzo base elevato ed è molto difficile da trovare, cosa che ha portato ad aumenti di prezzo vertiginosi che costringono a esborsi notevoli anche cercando le offerte internazionali più vantaggiose. Di tanto in tanto qualche modello spunta a prezzi meno sproporzionati, ma si tratta di pochi pezzi che spariscono in un battito di ciglia.

GAMING Componente Prezzo
PROCESSORE Intel Core i5-11600KF 3.9-4.9GHz 285,00 €
SCHEDA MADRE Asrock Piastra B560 Steel Legend 150,00 €
SCHEDA VIDEO Inno3D GeForce RTX 3060 Twin X2 OC 12 GB 690,00 €
RAM Corsair Vengeance RGB PRO 2x8GB 3200MHz CL16 115,00 €
ALIMENTATORE FSP Hydro PRO 600W 80+ Bronze 75,00 €
HARD DISK Samsung 860 Evo 500GB SATA III 85,00 €
CASE EMPIRE GAMING Diamond ARGB Mid Tower 75.00 €
TOTALE 1475.00 €

Configurazione Extra

La configurazione spinta ha un senso compiuto solo per chi punta a risoluzioni elevate, consapevole che il lusso spesso non va a braccetto con la razionalità. D'altronde, diciamocelo, a chi non piace avere un bel motore sotto il cofano anche se c'è da rispettare il limite di velocità?

Questa settimana ci permettiamo di puntare ai 12 core del Ryzen 9 5900X che risulta reperibile nella grande distribuzione a 670 euro circa ed è acquistabile a 560,57 euro, azzeccando la finestra di disponibilità, sul sito ufficiale AMD. Sia chiaro, non è un prodotto pensato per il solo gaming, ma grazie al clock di punta più alto e al maggior numero di core garantisce qualcosa in più anche nei videogiochi che sfruttano queste caratteristiche.

Con un processore del genere viene spontaneo puntare alle GPU più potenti in circolazione, purtroppo ancora più difficili da trovare e soggette a rincari ancora più elevati rispetto ai modelli di fascia inferiore. Inoltre le offerte migliori sono soggette a lunghe attese e comportano il rischio di variazioni di prezzo. Per questo consigliamo molta cautela e molta pazienza, in attesa di tempi migliori o di occasioni più ragionevoli.

EXTRA Componente Prezzo
PROCESSORE Ryzen R9 5900X 3.7-4.8GHz 670,00 €
DISSIPATORE ARCTIC Liquid Freezer II 240 85,00 €
SCHEDA MADRE GIGABYTE X570 AORUS Elite 190,00 €
SCHEDA VIDEO PALIT GeForce RTX 3070 GamingPro OC 10 GB 1200,00 €
RAM G.Skill Trident Z RGB 2x16GB DDR4 3600MHz CL16 245,00 €
ALIMENTATORE FOCUS GX-850 80+ Gold 150,00 €
HARD DISK Sabrent Rocket 1TB M.2 PCIe 4.0 200,00 €
CASE Thermaltake View 37 ARGB Edition Mid Tower 165,00 €
TOTALE 2905.00 €