Doom gira su tutto? Puoi scommetterci!

Scopriamo assieme quali sono i porting più incredibili di Doom: da test di gravidanza a macchine da scrivere.

VIDEO di Francesco Serino —   13/09/2020
14

Doom su un test di gravidanza, ma ve ne rendete conto? Il proverbio che gira in Rete ha ragione: "se ha uno schermo, ci gira anche Doom", e al momento non abbiamo prova del contrario, anzi. Se può girare su un affare che costa pochi Euro, pensato per pisciarci sopra, allora deve essere proprio vero. Cercando su Youtube, ma anche solo buttando un occhio su Reddit, se ne ha subito la conferma: il gioco id Software gira su biglietterie automatiche, antesignani degli smartphone, su console anni '80, su scanner per codici a barre. Andando avanti, sempre più oggetti di uso comune stanno includendo al loro interno schermi e processori, anche se poco potenti, dando modo di allargare a dismisura la compatibilità di Doom, ovvero un prodigio tecnico che continua a stupire ieri come oggi, anche se per altri motivi. Se poi non ci credete, guardate cosa abbiamo scovato per voi...

Il test di gravidanza

Con quello schermo è difficile anche superare il primo livello, ma questo non toglie che il gioco gira e anche a un frame rate più che discreto. I pixel sono grossi come dei cacodemoni e naturalmente senza una tastiera ausiliare è impossibile interagire, ma sapete cosa? Si può aggiungere. Ma perché giocare a Doom su un affare del genere, vi chiederete voi, ma perché #faffigo, direbbe il Mick Jagger di Fabio Celenza.

Test1

Che ora è? L'ora del BFG

Partiamo da uno strumento moderno, di conseguenza più potente degli hardware originali su cui era pensato Doom, ed è l'Apple Watch, l'orologio hi-tech che tra le altre cose propone uno schermo di grandissima qualità. Durante una sfida tra hacker, un giovane di Tel Aviv è riuscito a creare un porting di Doom per Apple Watch din pochissime ore, e il risultato è a dir poco straordinario. La grafica è di altissimo livello, la fluidità meno, ma il vero problema sono i comandi.

Apple Watch 2

Il cacodemone dica cheese

Alziamo il livello del fattore wow, e passiamo a uno strumento che a prima vista non avrebbe speranza con il gioco id Software: una vecchia camera digitale, una delle prime a dire il vero, marchiata Kodak. Sorpresa delle sorprese, qui Doom gira una meraviglia, e lo schermo si dimostra più che sufficiente per rendere tutto ben visibile e nel formato giusto. Essendo una fotocamera, ha anche il numero di tasti necessario per comandare il personaggio nel migliore dei modi. Sì, puoi persino pensare di finirlo...

Kodak 3

A tutta velocità verso l'aldilà

Anche qui ci troviamo davanti a un computer di tutto rispetto, ovvero quello montato a bordo di un'arrogantissima Porsche 911. In questo caso, a sorprendere non è tanto la qualità del porting, la potenza di calcolo dell'affare in questione è di alto livello anche se no ha una scheda video dedicata come un normale Pc, bensì il modo in cui si controlla il personaggio: per ruotare su se stessi si gira il volante, per cambiare arma e sparare la leva del cambio e per avanzare e retrocedere i pedali dell'acceleratore e del freno... il tutto a macchina accesa!

911 4

2+2= 666

Doom gira anche su una calcolatrice elettronica, e il modello in questione non è nemmeno di primo pelo ma commercializzato a cavallo del secolo, fino al 2004. La qualità non è certo alta, e in questa versione Doom sembra assomigliare più a Wolfenstein 3D che al suo illustre successore, proponendo una grafica che sembra quasi in wireframe. L'esercizio tecnico però è sicuramente di alto livello, o almeno abbastanza per lasciarci a bocca aperta.

Calcolatrice 5

Cara, fa un caldo infernale!

Per ultimo abbiamo lasciato uno dei porting più sorprendenti tra quelli che abbiamo scovato in giro: Doom giocabile attraverso un termostato! Proprio così, parliamo di uno di quei computerini che si utilizzano per tenere sotto controllo la temperatura degli ambienti, e che ci consente di attivare e disattivare il riscaldamento. Chiaramente parliamo di un modello piuttosto avanzato, ma nemmeno così tanto: sempre un maledetto termostato rimane. Eppure la qualità è di quelle alte e grazie all'ausilio di un pad, qui utilizzano quello SNES, il porting si dimostra anche perfettamente giocabile.

Termostato 6