Eiyuden Chronicle, l'intervista a Yoshitaka Murayama, il creatore della serie e di Suikoden

Abbiamo intervistato Yoshitaka Murayama, creatore della mitica serie Suikoden e a capo di Eiyuden Chronicle, il nuovo GDR in due parti che ha sbancato Kickstarter.

INTERVISTA di Christian Colli   —   06/05/2022
40

Suikoden è praticamente una serie leggendaria se masticate JRPG e, nonostante goda di una stima sconfinata nell'ambiente, è anche una di quelle serie che Konami a un certo punto ha semplicemente smesso di supportare, finché non è finita nel dimenticatoio. Il suo creatore, Yoshitaka Murayama, ha lasciato Konami praticamente un mese prima della pubblicazione di Suikoden III nel 2002, per intraprendere la strada del freelance, fondando prima Blue Moon Studio, e passando poi a Rabbit & Bear Studio dove ha unito le forze coi suoi ex collaboratori di per un nuovo JRPG che vuole essere un sequel spirituale di Suikoden.

Eiyuden Chronicle: Hundred Heroes, su Kickstarter, ha raggiunto il suo primo obiettivo in meno di tre ore e, nel giro di poche settimane, ha superato ogni stretch goal, compreso il finanziamento di un prequel in uscita a giorni, Eiyuden Chronicle: Rising.

Abbiamo avuto l'opportunità di intervistare il capo di Eiyuden Chronicle Yoshitaka Murayama in persona, e di chiedergli un po' d'informazioni su questo nuovo franchise, che si risolverà con l'uscita principale solo nel 2023, e sul suo rapporto con la serie di JRPG che lo ha reso famoso.

Parla Yoshitaka Murayama

Eiyuden Chronicle: Hundred Heroes, una scena d'intermezzo
Eiyuden Chronicle: Hundred Heroes, una scena d'intermezzo

Da dove nasce l'idea di sviluppare un nuovo JRPG nello stile di Suikoden proprio adesso, e perché?
Il progetto Eiyuden Chronicle è cominciato su Kickstarter nel 2020, ma erano anni che ricevevamo tantissimi messaggi da parte dei fan di Suikoden che avevano continuato a seguire i nostri lavori anche dopo che avevo lasciato la serie. Così abbiamo riunito le colonne portanti di Rabbit & Bear Studio e, dopo averne discusso, abbiamo deciso che era venuto il momento di tornare al gioco da cui tutto è iniziato, e che ancora oggi amiamo moltissimo.

Suikoden è una serie amatissima che è lentamente scomparsa dai radar. Ci sembra di capire che Eiyuden Chronicle ne sia una specie di successore spirituale...
A questo titolo stanno lavorando diverse persone che avevano creato Suikoden; tuttavia, il nostro obiettivo è creare un JRPG del tutto nuovo. Eiyuden Chronicle non è un sequel vero e proprio, ma incorpora alcuni elementi di Suikoden che adoravo, e quindi, in un certo senso, possiamo dire che si somiglino molto.

Allora qual è la caratteristica che rende Eiyuden Chronicle: Hundred Heroes così speciale, rispetto a tanti altri JRPG come, appunto, Suikoden?
Stiamo sviluppando Eiyuden Chronicle come un JRPG ricco di caratteristiche divertenti per tutti i gusti. Per esempio ci siamo inventati un'innovativa dinamica di gioco che sarà una vera sfida, ma purtroppo non posso ancora parlarne...

I JRPG oggigiorno si stanno orientando sempre di più ai combattimenti in tempo reale. Come mai avete deciso di sviluppare un sistema di combattimento a turni?
Una delle caratteristiche più importanti di Eiyuden Chronicle: Hundred Heroes prevede che il giocatore possa scegliere i suoi combattenti preferiti da una rosa di personaggi enorme, così abbiamo deciso di adottare un sistema che permetta di formare una squadra composta da sei personaggi più un extra. In questo modo i giocatori potranno provare le combinazioni più strane, cosa che non sarebbe stata altrettanto possibile se avessimo aggiunto semplicemente l'azione in tempo reale.

Eiyuden Chronicle: Rising, un combattimento contro un boss
Eiyuden Chronicle: Rising, un combattimento contro un boss

Parliamo di Eiyuden Chronicle: Rising. Come vi è venuta questa idea?
Innanzitutto bisogna specificare che la storia di Rising si svolge prima di quella di Hundred Heroes. Per questo motivo ci siamo concentrati su un'unica città di frontiera, raccontandone lo sviluppo e la storia. La nostra idea era quella d'instaurare un legame tra i giocatori e questi personaggi, che poi è una delle principali caratteristiche di Hundred Heroes, e quindi abbiamo pensato a un GDR a scorrimento orizzontale in cui si usano tre personaggi contemporaneamente in combattimento.

Ma è così importante giocare a Rising per comprendere la narrativa generale di Eiyuden Chronicle?
Rising è ambientato nello stesso mondo di Hundred Heroes, e infatti i suoi protagonisti compaiono anche nel gioco vero e proprio. Nonostante questo, la storia di Rising è autonoma, ma abbiamo pensato d'inserire alcuni rimandi che vi faranno sorridere quando giocherete anche a Hundred Heroes.

C'è una ragione specifica dietro la scelta della grafica in HD-2D?
Stiamo lavorando attentamente all'espressività e alle animazioni degli sprite in 2D: secondo noi risaltano meglio con questo tipo di tecnologia grafica, che non abbiamo scelto solo per un fattore nostalgico.

Eiyuden Chronicle: Rising, i protagonisti in una scena
Eiyuden Chronicle: Rising, i protagonisti in una scena

E quindi quali sono le caratteristiche più importanti di Rising e Hundred Heroes che i fan del genere JRPG dovrebbero tenere assolutamente d'occhio?
Abbiamo sviluppato Eiyuden Chronicle: Rising perché ci si possano divertire anche quei giocatori che non sono propriamente delle cime nei titoli d'azione, e speriamo che vi piaccia questo sistema di combattimento dinamico e spettacolare ma facilissimo da controllare. Eiyuden Chronicle: Hundred Heroes, invece, è un GDR con tantissimi personaggi diversi. Siamo sicuri che ogni giocatore troverà i suoi preferiti, anche perché stiamo progettando un sistema che darà loro importanza non solo in combattimento, ma anche nelle scene d'intermezzo della storia.

C'è qualcosa di particolare che potremo importare da Rising in Hundred Heroes?
Sì, per esempio in Rising potrete battezzare le armi dei tre protagonisti, e quelle armi avranno gli stessi nomi anche in Hundred Heroes. Lo stesso vale per le specialità della città in cui si svolge la storia: a un certo punto potrete decidere come chiamarle, e le ritroverete anche in Hundred Heroes quando uscirà nel 2023.