Milan Games Week, Domenico Romano ci parla di come ha organizzato questo atteso appuntamento

Mancano pochi giorni alla Milan Games Week e Cartoomics, per questo abbiamo chiesto a Domenico Romano di parlarci di come ha organizzato questo atteso appuntamento.

INTERVISTA di Luca Forte   —   04/11/2021
8

Dopo un anno di transizione, i primi eventi dal vivo e aperti al pubblico stanno tornando a riempire i nostri calendari. Oltre all'indubbio piacere che proviamo a tornare a visitare le fiere, questi eventi sono un chiaro simbolo di come le cose stiano lentamente tornando alla normalità.

Permangono, però, tantissimi problemi da superare, logistici e non, per consentire di riunire tante persone di stare assieme in tutta sicurezza, per questo motivo è molto interessante scoprire come, chi queste fiere le organizza, è riuscito nell'impresa.

Abbiamo scambiato qualche battuta con Domenico Romano, Chief Executive Officer di Fandango Club S.p.A., l'azienda che ha organizzato la Milan Games Week e Cartoomics, il classico appuntamento autunnale coi videogiochi e i fumetti che si tiene alla Fiera di Milano dal 12 al 14 novembre 2021, per capire come è andata quest'anno.

Ripartenza

Domenico Romano
Domenico Romano

Multplayer.it: Partiamo da una domanda forse banale ma necessaria: quali sono state le maggiori difficoltà incontrate nell'organizzare di un evento come questo dopo la pandemia?
Domenico Romano: La sfida più grande è stata quella di combattere "l'incertezza". Numero di accessi, modalità d'accoglienza, contenuti, ospiti internazionali.... I cambi di regole e sono stati costanti e frequenti. Fortunatamente con un partner come Fiera Milano anche una missione impossibile diventa possibile. I padiglioni saranno assolutamente sicuri ed i criteri d'accesso permetteranno a tutti i visitatori di vivere con leggerezza e coinvolgimento tutti i contenuti dell'evento. Per la prima volta abbiamo chiesto ai nostri visitatori di esprimere una preferenza (non vincolante) di ingresso, per cercare di gestire il flusso nel migliore dei modi. Le aree saranno studiate per permettere il giusto distanziamento, senza però escludere il coinvolgimento necessario per far vivere un'esperienza in puro stile Games Week e Cartoomics.

Vedere unite Milan Games Week e Cartoomics "As One" è un avvenimento importante per gli appassionati del nord Italia (e non solo). Quando è nata l'idea e com'è stato il percorso fino a oggi?
La parola chiave è "POP CULTURE", quella che da sempre avvolge la vita di due generazioni, Generazione Z Millennial. Videogame, fumetti, film, serie TV... sono strumenti grazie ai quali le nuovi generazioni si esprimono, comunicano. Mettere insieme Milan Games Week e Cartoomics è solo la prima mossa per trasformare Milano nella capitale della Pop Culture europea e creare il più grande evento dedito a raccontare e ascoltare le storie ed i sogni delle nuove generazioni.

La Milan Games Week sarà uno dei primi eventi del settore a ripartire dal vivo nel mondo. Come è stato il feedback dei colleghi e dei partner? C'è voglia di ripartire o c'è ancora tanto scetticismo? Come è stata invece la reazione da parte del pubblico?
Il primo riscontro che mi sento di sottolineare è quello del pubblico. I biglietti per sabato 13 sono già sold out e quelli della domenica crediamo lo saranno entro inizio prossima settimana. La voglia di rivedersi live c'è, da parte di creator, pubblico e addetti ai lavori. Il nostro focus quindi è la soddisfazione del visitatore. Le aziende partner hanno abbracciato questa sfida e sono pronti a vincerla insieme.

Dopo questi due anni di pausa, come è cambiato il modo di organizzare queste fiere? È "solo" una questione logistica o è cambiato il modo di comunicare con il pubblico e interfacciarsi coi videogiocatori?
È cambiato molto. La comunicazione deve essere costante e omnicanale, questo è il motivo per cui sul canale MGW_X di Twitch abbiamo lanciato Mix&Match, il primo interactive live show che coinvolge il pubblico della Milan Games Week e Cartoomics, durante tutto l'anno, per dialogare, ricevere feedback e "spoilerare" novità.
Più il mondo diventa mutevole, più una comunicazione costante diventa indispensabile.
C'è un solo modo per combattere l'incertezza, ed è l'argomentazione, la spiegazione.
Il pubblico ascolta, comprende e sostiene se hai voglia e modo per raccontare quello che stai facendo e perché lo stai facendo.

Milan Games Week

La Milan Games Week
La Milan Games Week

Specialmente dopo l'ultimo paio d'anni, publisher hanno cominciato sempre più frequentemente a comunicare in maniera diretta con il pubblico attraverso eventi streaming online, in diverse occasioni mettendo a disposizione delle demo per permettere al pubblico da casa di provare i giochi in arrivo. Come credi che eventi come Milan Games Week e Cartoomics debbano adattarsi per continuare a essere "irrinunciabili" tanto per il pubblico quanto per gli addetti ai lavori?
Credo che la voglia di incontrarsi, di condividere esperienze, di sentire il calore e guardarsi senza intermediazioni saranno da soli gli ingredienti che porteranno manifestazioni come Milan Games Week e Cartoomics ad avere "più futuro che passato".
Il digitale ha migliorato le nostre vite e le ha cambiate, ma siamo esseri umani e come tali abbiamo bisogno sentirci parte di qualcosa che va al di là di un messaggio intermediato dalla tecnologia.

Quali sono le attività di quest'edizione di cui va più fiero?
Le novità sono tantissime, tutte orientate a far vivere un'esperienza unica al visitatore! Vogliamo che tutti si divertano e che possano interagire tra loro e con i contenuti. Per esempio abbiamo la Gaming Zone powered by Gamestop, il cuore "pulsante" del padiglione 12. Un'immensa area di oltre 2500 mq realizzata da Milan Games Week con il supporto di Gamestop che offrirà ininterrottamente ore e ore di gameplay a tutti i visitatori grazie a oltre 300 postazioni gioco con tutte le piattaforme e tutte le novità del mercato.
Da non sottovalutare l'Indie Dungeon. È l'area - realizzata in collaborazione con IIDEA, l'Associazione di categoria dell'industria dei videogiochi in Italia - in cui il pubblico potrà incontrare decine di sviluppatori indipendenti. In Cosplay Ground i fan potranno trovare un'area dedicata con camerini, attività e il desk per iscriversi alle competizioni previste, mentre in Arcade Universe i giocatori troveranno oltre 30 postazioni gioco, il nuovissimo tavolo "Sega Mega Drive", un evento speciale per i 60 anni di Diabolik, Artist Alley e molto altro.
Infine abbiamo il Main Stage con il suo ricco programma condotto da due conduttori d'eccezione Bryan Ronzani, voce radiofonica, super esperto di videogame, amatissimo volto del web sarà l'host di tutti i momenti dedicati al gaming. Giorgia Vecchini, poliedrica conduttrice, voice talent, cosplayer e grande esperta di cultura pop sarà la conduttrice di tutti gli show di Cartoomics e dei contest dedicati ai cosplayer.
Inoltre vorrei ringraziare Radio 105 che anche quest'anno animerà il palco centrale dell'evento con il suo carico di energia e sarà la radio ufficiale dell'evento. Saranno con noi a condurre le trasmissioni in diretta da Milan Games Week & Cartoomics: Diletta Leotta con Daniele Battaglia, Fabiola e Dario Spada, Edoardo Mecca, Dario Micolani e Moko.

Che tipo di restrizioni e accortezze avrete per fare in modo che questa edizione si svolga in sicurezza? Quali le regole di comportamento che i visitatori dovranno seguire?
La capienza massima è stata stabilita seguendo le norme vigenti, chiederemo un po' di pazienza ai nostri visitatori per gestire i flussi nelle varie aree, ma cercheremo di dare più contenuti possibili in modo da rendere un'esperienza anche l'attesa.

L'unione tra Milan Games Week e Cartoomics va a unire mondi (videogiochi e fumetti) il cui connubio è stato sempre molto forte e da anni è alla base di altri eventi italiani e internazionali. Per i prossimi anni avete già in mente di replicare questa formula o dobbiamo vederlo come un evento unico dovuto alle necessità del momento?
Come già detto, Le Belle Storie sono universali e video game e fumetti strumenti per raccontarle.
Strumenti scelti da generazioni di appassionati, lettori, giocatori e creators.... e noi, noi della Milan Games Week e Cartoomics saremo sempre pronti a dargli il giusto spazio per far vivere e prender forma ad ogni idea pensiero ed emozione che vorranno condividere.
Stanno per arrivare grandissime novità nel 2022 e noi di Fandango Club Creators siamo entusiasti di esserne promotori.
Non fatemi dire di più appena il tutto sarà concretizzato, sarete i primi a cui con orgoglio lo racconteremo.