Pokémon Spada e Scudo, le novità del Nintendo Direct 20

Il nuovo Nintendo Direct ci ha mostrato alcune interessanti feature del nuovo titolo appartenente alla serie Pokémon in uscita per Switch a novembre

ANTEPRIMA di Christian Colli   —   05/09/2019

Indice

Il Nintendo Direct del 5 settembre 2019 è stato ricchissimo di contenuti, ma talmente ricco che i pochi minuti dedicati a Pokémon Spada e Scudo sono quasi passati inosservati, nonostante il nuovo titolo Game Freak sia praticamente dietro l'angolo. Mancano infatti poco più di due mesi all'esordio della nuova generazione di Pokémon su Switch, un titolo che sembra non finisca mai di riservare sorprese e che abbiamo discusso più e più volte, analizzando trailer, annunci e indiscrezioni. Il nuovo Direct non ha svelato nulla di veramente clamoroso, incentrandosi piuttosto su alcune feature molto particolari che arricchiranno la nostra avventura nella nuovissima regione di Galar. Vediamole insieme.

Gira la moda

Feature che ha fatto il suo esordio con Pokémon X e Y su Nintendo 3DS, quando i nostri allenatori hanno smesso di essere semplici sprite bidimensionali per diventare modelli poligonali dettagliati, la possibilità di personalizzarli sembrerebbe essere destinata a fare un ulteriore balzo in avanti con Pokémon Spada e Scudo. In precedenza potevamo cambiare solo alcuni indumenti e i cappelli, spesso limitandoci a scegliere magliette o pantaloni che si distinguevano soprattutto per i disegni e i colori, ma in Spada e Scudo potremo anche indossare vari tipi di guanti, nonché abiti e costumi molto diversi nelle forme e nell'aspetto. Il breve trailer ha mostrato una grandissima varietà di indumenti, cui si aggiunge anche la possibilità di modificare l'aspetto dell'allenatore, o dell'allenatrice, scegliendo nuove acconciature e accessori, se non addirittura il trucco e il rossetto.

La possibilità di personalizzare il protagonista o la protagonista del gioco va a braccetto con un'altra feature: la Card della Lega Pokémon. Sembra, infatti, che nella regione di Galar ogni allenatore possieda una specie di biglietto da visita, una tessera fotografica che si usa scambiare con gli altri allenatori un po' per riconoscere il loro talento, un po' per collezionismo. Potremo dunque conservare le card dei personaggi che incontreremo in un apposito raccoglitore, nonché ovviamente personalizzare la nostra card con una foto che ci ritrae in una posa specifica o con una certa espressione, indossando gli indumenti che abbiamo accuratamente scelto per l'occasione. Regolando lo zoom e l'angolazione dell'immagine, quindi scegliendo le cornici e gli sfondi ideali, potremo creare una card che farebbe invidia a Patrick Bateman, quindi scambiarla non solo con gli abitanti di Galar, ma anche con gli altri giocatori umani che incontreremo o sfideremo online.

Il campeggio e il curry

Il Nintendo Direct ci ha mostrato inoltre un'altra feature che rappresenta probabilmente l'evoluzione del Poké Io&Te, il simpatico minigioco per lo schermo inferiore del Nintendo 3DS comparso a partire da Pokémon X e Y che, chiaramente, non sarebbe stato possibile implementare anche su Switch. In passato, la modalità Io&Te consentiva di coccolare un pokémon usando il touch screen e, al contempo, di migliorare alcuni parametri della creaturina. In Pokémon Spada e Scudo, invece, porteremo i nostri pokémon a campeggio: ci basterà selezionare l'apposita opzione dal menù del nostro Smart Rotom per entrare in uno spazio in cui i nostri pokémon potranno scatenarsi. Giocando con loro in vari modi o semplicemente osservandoli, miglioreremo le loro capacità in combattimento e il loro affetto nei nostri confronti, ma la cosa più interessante è che potremo visitare i campeggi degli altri giocatori insieme a uno dei nostri mostriciattoli e interagire con loro e con gli altri giocatori in visita, magari sbloccando nuove voci nel PokéDex come le forme di Alcremie.

Mentre siamo accampati, potremo dilettarci a cucinare. Questa nuova feature non è ancora chiarissima e il Direct ha puntato i riflettori più sull'assurdità di tutta la faccenda: sembra proprio che nella regione di Galar la pietanza più amata in assoluto sia il riso col curry, perciò sbloccheremo la capacità di cucinarlo da soli oppure in compagnia degli altri giocatori. Ci saranno più di cento ricette che registreremo nel cosiddetto CurryDex man mano che le impareremo. In realtà non sappiamo se basterà tentare a caso oppure se apprenderemo le ricette dagli abitanti della regione, fatto sta che dovremo scegliere gli ingredienti, come le bacche e altri condimenti, e quindi dilettarci in un simpatico minigioco che sfrutta il sensore di movimento del Joy-Con per simulare la rotazione del mestolo o l'agitazione di un ventaglio virtuale con cui regolare il fuoco sotto il pentolone. Probabilmente il risultato influenzerà in qualche modo non solo il nostro allenatore, ma anche il pokémon con cui abbiamo scelto di condividere i nostri manicaretti.

Due nuovi pokémon

Per concludere, il Nintendo Direct ha rivelato i nomi e le abilità peculiari di due nuovissimi pokémon che esordiranno in Spada e Scudo e che avranno la regione di Galar come habitat naturale. Il primo è davvero strambo: si chiama Polteageist e come si intuisce dal nome è un mostriciattolo di tipo Spettro che risiede dentro una teiera di porcellana e che possiede l'abilità Sottilguscio, la quale si attiva quando si subiscono danni da mosse fisiche, diminuendo la Difesa e aumentando di molto la Velocità. L'altro pokémon si chiama invece Cramorant ed è un pennuto bluastro dall'espressione vuota che appartiene sia al tipo Acqua, sia al tipo Volante. La sua abilità speciale sarà Inghiottimissile e gli permetterà di tornare con una preda tra le fauci dopo aver usato le mosse Sub o Surf. E non è finita qui, perché Inghiottimissile è un'abilità di contrattaccato, perciò Cramorant sputerà la preda come fosse un proiettile contro il pokémon che si azzarderà a colpirlo mentre la sta divorando. Dobbiamo ammettere che i due nuovi pokémon non ci hanno particolarmente esaltato: Cramorant è davvero anonimo, mentre Polteageist è assurdo persino per gli standard di un mondo in cui esistono Klefki e Mimikyu. Ovviamente dovremo prima vederli in azione per esprimere un'opinione definitiva, dato che molto faranno anche animazioni e atteggiamenti: manca poco ormai, coraggio!

Le nuove feature annunciate al Nintendo Direct non ci hanno fatto certo strappare i capelli, ma delineano alcuni elementi di contorno che ci aiuteranno a passare il tempo tra una lotta e l'altra quando Pokémon Spada e Scudo arriverà nei negozi a novembre. Galar si riconferma una regione vivace e bizzarra dove gli allenatori campeggiano coi pokémon, cucinano il curry e si scambiano card personalizzate: gli amanti della attività secondarie, insomma, possono stare tranquilli che ci sarà da divertirsi.

CERTEZZE

  • Potremo personalizzare ancora meglio l'aspetto del nostro alter ego
  • Ci saranno molte attività secondarie a intrattenerci

DUBBI

  • I due nuovi pokémon, Cramorant e Polteageist, non ci fanno impazzire
  • Il minigioco del curry sembra un po' troppo laborioso: sarà veramente utile?