Omega Labyrinth Z: rifiutata la classificazione nel Regno Unito per "promozione della sessualizzazione infantile" 172

Omega Labyrinth Z non andrà nei negozi inglesi

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   13/03/2018

Omega Labyrinth Z non è mai stato venduto come un titolo particolarmente sobrio o dai contenuti profondi. Anzi, il publisher PQube ha sempre messo in bella vista le sequenze più sexy, in modo da non creare alcun fraintendimento con il pubblico potenziale.

Purtroppo l'ente di classificazione del Regno Unito, VSC, non ha ritenuto il caso di classificare il gioco. I motivi vengono spiegati nella scheda del gioco, in cui si parla di contenuti dannosi per i più piccoli. In particolare un passaggio, esplicita la natura del problema in termini inequivocabili: "il gioco è ambientato in una scuola e la maggior parte dei personaggi sono delle adolescenti. Una di esse frequenta il primo anno e gira con un orsacchiotto. Il gioco promuove apertamente la sessualizzazione dei bambini tramite interazioni sessuali tra il giocatore e i personaggi femminili. Lo stile del gioco però è tale da poter attrarre anche dei minori di 18 anni."

Cosa comporta la mancata classificazione? In sostanza Omega Labyrinth Z non potrà essere venduto nei negozi. Immaginiamo però che Sony, vista la spinosità della faccenda, possa essere frenata dal vendere il gioco sul PlayStation Network, come del resto già fatto con altri titoli controversi.

VAI ALLA SCHEDA DEL GIOCO

In digital delivery su PlayStation Store