Deathloop: su Steam razzisti accusano il gioco di essere "woke" per il protagonista

Il forum Steam di Deathloop è pieno di messaggi che accusano il gioco di essere "woke" perché il protagonista è un uomo di colore.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   13/09/2021
126

Il forum Steam di Deathloop è pieno di messaggi a sfondo razzista in cui si accusa sostanzialmente il gioco di essere "woke" per via del protagonista, un uomo di colore. Per cultura woke si intende quella più attenta a contrastare le ingiustizie sociali e razziali, tipica di una certa sinistra americana.

Di fatto gli accusatori fanno riferimento solo al colore della pelle del protagonista per le loro accuse, visto che non c'è altro nel gioco di Arkane che supporti la loro tesi. Tanto è bastato però per far scattare il braccio destro verso il cielo e iniziare la solita trafila di lamentele che mescolano senza soluzione di continuità politically correct, cancel culture e tutti gli altri termini che vanno di gran moda oggidì.

C'è ad esempio chi ha chiesto di poter modificare il personaggio, magari con una mod, perché proprio non lo sopporta, chi ha deciso di nascondere il suo razzismo accusando il gioco di costare troppo (il prezzo è in linea con quello di qualsiasi altro tripla A ndr) e chi lo ha già additato come simbolo della cultura di estrema sinistra che sta piagando l'intero mondo dei videogiochi.

Qualcuno con un minimo di raziocinio ha provato a chiedere dove sarebbe la cultura woke, visto che stiamo parlando di uno sparatutto in prima persona decisamente brutale, ma non ha ricevuto risposta, segno che il punto in questi casi non è mai la verità.

Proprio ieri avevamo riportato di questioni simili riguardanti God of War: Ragnarok, sempre in riferimento al colore della pelle di uno dei personaggi.