Fortnite, gli sviluppatori di Among Us accusano Epic Games di plagio per la modalità Impostori

Gli sviluppatori di Among Us hanno accusato apertamente Epic Games di plagio per l'appena lanciata modalità impostori di Fortnite.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   18/08/2021
75

Gli sviluppatori di Among Us non hanno preso bene la modalità Impostori di Fortnite e hanno accusato pubblicamente Epic Games di plagio. Del resto che la nuova modalità sia simile, per usare un eufemismo, al gioco di Innersloth è stato evidente per tutti già dal titolo.

La modalità Impostori di Fortnite si svolge in una mappa con più stanze chiamata The Bridge, che ricorda da vicino quella di Among Us. È pensata per dieci giocatori, dei quali otto agenti e due impostori, con i primi che devono riuscire a scoprire chi sono i secondi. Gli agenti devono svolgere vari compiti, mentre gli impostori devono provare a ucciderli senza farsi scoprire. La decisione su chi siano gli impostori avviene tramite votazione, dopo che i giocatori hanno fatto il punto sui vari indizi trovati osservando le dinamiche di gioco.

Vi ricorda qualcosa? A sottolineare la spudorata operazione di Epic Games è stato per primo il programmatore Gary Porter su Twitter, che ha messo in evidenza la somiglianza delle mappe dei due giochi affiancandole.

A mostrare ancora più chiaramente quanto le due mappe siano strutturalmente simili, visto che alcuni giocatori negano l'evidenza, è stato l'utente Twitter Stephen Parker, che ha letteralmente fatto un "disegnino" chiarificatore, per rendere il confronto inequivocabile, mostrando come sono collegate le varie stanze nei due giochi.

Il problema in questo caso non è tanto aver copiato l'idea di Among Us, ma proprio aver copiato la mappa di gioco e tutte le sue meccaniche, oltre alla terminologia usata, senza aggiungere praticamente niente di nuovo o di diverso.

D'altro canto Fortnite è nato plagiando Minecraft, è assurto al successo plagiando PUBG e ora cerca di mantenersi in vita plagiando Among Us. Se non è coerenza autoriale questa...

Ad avere espresso disappunto è stata anche la community director di Among Us Victoria Tran, che avrebbe gradito quantomeno una richiesta di collaborazione da parte di Epic Games e non ha particolarmente apprezzato la mancanza di qualsiasi spunto originale nella nuova modalità di Fortnite. La Tran si è anche lamentata dell'impotenza degli studi indipendenti come Innersloth di fronte a dei colossi come Epic Games, che finiscono per schiacciarli con iniziative del genere.