Wind, rimodulazioni del 2 dicembre 2019: penalità per chi ricarica in ritardo 3

Ricaricare in ritardo ha un costo, e per Wind questo costo è raddoppiato: ecco le novità delle rimodulazioni del 2 dicembre 2019 da parte dell'operatore arancione.

NOTIZIA di Simone Pettine   —   02/12/2019

Oggi lunedì 2 dicembre 2019 entrano ufficialmente in vigore le penalità (o condizioni peggiorative) per i clienti Wind che ricaricano in ritardo il credito necessario per rinnovare la propria offerta telefonica mensile. Pronti a scoprire tutti i dettagli del caso, ed eventualmente correre a ricaricare la vostra offerta?

Le rimodulazioni di Wind che entrano in vigore oggi 2 dicembre 2019 modificano le condizioni contrattuali, per i clienti che hanno sottoscritto un'offerta ricaricabile con traffico incluso. Prima veniva assicurata la continuità del servizio al prezzo di 0,99 euro per due giorni: adesso la stessa resterà attiva per un solo giorno, all'identico prezzo. Se l'offerta non sarà ancora rinnovata per mancanza di credito, Wind scalerà di nuovo 0,99 euro per altre 48 ore di prolungamento del servizio, portando così il costo complessivo del ritardo del cliente a 1,98 euro. Insomma, il costo è raddoppiato.

Qui di seguito vi riportiamo anche, ed integralmente, il messaggio di Wind rivolto ai propri clienti in occasione della rimodulazione. "A partire dal 2 dicembre 2019, per esigenze legate all'andamento del mercato, ogni volta che il credito e' insufficiente per l'attivazione e il rinnovo delle opzioni attive sulla SIM, ad eccezione dei costi relativi alle offerte roaming, il traffico incluso non sara' bloccato, per assicurare continuità del servizio, e sarà reso disponibile per un 1 giorno solare (fino alle 23.59) al costo di 0,99 euro. Qualora il giorno successivo il credito fosse ancora insufficiente, il traffico incluso sarà nuovamente disponibile per ulteriori 2 giorni al costo di 0,99 euro. Tali importi non si applicano se è attivo il servizio Autoricarica. L'anticipo del traffico sarà reso disponibile più volte al mese".

"Tale modifica è valida per le opzioni che prevedono traffico incluso attive sulla tua SIM. Al termine dei giorni in cui il traffico incluso è reso disponibile anticipatamente, nel caso in cui il credito fosse ancora insufficiente, la SIM rimarrà attiva in ricezione o per effettuare chiamate di emergenza. Il costo verrà addebitato nella prima ricarica utile, in aggiunta a quello di rinnovo dell'offerta o costo di attivazione".