ASUS Zenfone 9, la recensione del migliore smartphone Android compatto

ASUS rilancia il suo smartphone compatto con il nuovo Zenfone 9, che riparte da quanto di buono fatto con il precedente modello. Ecco la nostra recensione.

RECENSIONE di Andrea Palmisano   —   08/08/2022
23

Pur essendo da molti anni all'interno del mercato mobile, il colosso di Taiwan, ASUS, non ha voluto seguire la strada scelta da molti produttori, che saturano il proprio catalogo con smartphone diversi poco o nulla l'uno dall'altro. Allo stato attuale la sua offerta all'interno di questo settore del business si compone infatti soltanto di due linee prodotto: il ROG Phone, device da gaming senza compromessi, e lo Zenfone, telefono più convenzionale ma che ha saputo farsi apprezzare da molti soprattutto con le ultime versioni, che hanno offerto ottime prestazioni combinate con dimensioni compatte.

Con il nuovo Zenfone 9 la società ha scelto di proseguire sulla stessa strada, senza stravolgere tale filosofia: ciò nonostante i passi in avanti di questo ultimo modello sono numerosi e tratteggiano il quadro di un prodotto davvero maturo, convincente e sotto certi aspetti addirittura entusiasmante. Ma andiamo con ordine, e cerchiamo di spiegarvi tutto nella nostra recensione dell'ASUS Zenfone 9.

Specifiche tecniche

ASUS Zenfone 9 è un top di gamma compatto
ASUS Zenfone 9 è un top di gamma compatto

La caratteristica più rilevante a livello tecnico di ASUS Zenfone 9 è senza dubbio la presenza del SoC Qualcomm Snapdragon 8+ Gen1, che allo stato attuale rappresenta il chip maggiormente avanzato del produttore statunitense e più in generale una delle soluzioni più potenti applicate all'ambito Android. Qualcuno potrebbe ritenerla una scelta per certi versi anche eccessiva su un telefono non necessariamente indirizzato ad un ambito di utilizzo molto spinto a livello prestazionale, ma va tenuto conto del fatto che questa revisione dell'8 Gen 1 migliora sostanzialmente i problemi di surriscaldamento e di richieste energetiche, rivelandosi quindi un'opzione molto intelligente allo stato attuale dei fatti. Inoltre, ovviamente, questo consente di garantire prestazioni del telefono ampiamente soddisfacenti per molti mesi a venire.

Detto ciò, la GPU è ovviamente l'Adreno 730, mentre la RAM LPDDR5 può essere scelta tra due varianti, 8 e 16 GB, con la seconda veramente fuori scala e non necessaria se non in condizioni di uso veramente molto, molto specifiche. La memoria di archiviazione invece è offerta nei tagli da 128 e 256 GB, ovviamente UFS 3.1. Interessante la presenza del jack audio da 3.5 mm, non certo scontata.

Ovviamente completissima la connettività, 5G e NFC compresi. Ottima la resistenza IP68 a polvere e acqua. Quattro infine i colori disponibili: Midnight Black, Moonlight White, Sunset Red e Starry Blue.

Scheda tecnica ASUS Zenfone 9

  • Dimensioni: 146.5 x 68.1 x 9.1 mm
  • Peso: 169 grammi
  • Display:
    • OLED da 5,9 pollici 20:9
    • Risoluzione 1080 x 2400 pixel
    • Refresh rate a 120 Hz
    • Luminosità: 800 nit e 1100 nit di picco
  • SoC: Snapdragon 8+ Gen 1
  • RAM: 8/16 GB
  • Fotocamere posteriori:
    • Wide 50 MP, f/1.9
    • Ultrawide 12 MP, f/2.2
  • Fotocamera frontale:
    • 12 MP, f/2.5
  • Connettività Wi-Fi: 802.11 a/b/g/n/ac/6
  • Bluetooth: 5.2 con A2DP
  • Sensori: Accelerometro, Giroscopio, Bussola elettronica, Prossimità, Impronta Digitale
  • Colori:
    • Midnight Black
    • Moonlight White
    • Sunset Red
    • Starry Blue
  • Batteria: 4300 mAh
  • Memoria e prezzo:
    • 8 GB RAM + 128 GB | 799€
    • 8 GB RAM + 256 GB | 849€
    • 16 GB RAM + 256 GB | 899€

Design

ASUS Zenfone 9 ha un design davvero piacevole
ASUS Zenfone 9 ha un design davvero piacevole

Dal punto di vista del design, ASUS ha portato grandi cambiamenti rispetto alla serie precedente cercando forme più a "mattoncino", in evidente richiamo allo stile di iPhone tanto per capirci. La scelta, seppur magari non originalissima e molto simile a quella fatta da Nothing Phone (1), ha però dal nostro punto di vista prodotto risultati convincenti: Zenfone 9 è molto elegante e piacevole da osservare da qualsiasi angolo, sobrio, trasmette sensazioni piacevoli durante l'esperienza d'uso che non è facile ritrovare sempre sugli smartphone moderni. Se la parte frontale full screen in vetro Gorilla Glass Victus con punch hole nell'angolo sinistro è piuttosto convenzionale, pur con cornici asimmetriche non ridottissime (84.6% di rapporto screen to body), la scelta di propendere per un retro in plastica non è così banale. Benché in un telefono che parte da poco meno di 800€ possa essere considerata infatti un'opzione di minor prestigio rispetto al vetro, dall'altro la lavorazione opaca, porosa e ruvida, poco propensa a trattenere impronte o ditate, dà un feeling differente dal solito, che si fa apprezzare nel corso del tempo.

Ovviamente l'uso di un polimero per la cover nega qualsiasi possibilità di ricarica wireless, ma d'altro canto è in grado di contenere il peso complessivo che infatti si ferma a 169 grammi. Zenfone 9 è leggero e compatto, grazie allo schermo da 5,9 pollici che rinnega le tendenze della stragrande maggioranza dei telefoni Android moderni. Se dobbiamo aggiungere una piccola critica, al nostro occhio il retro avrebbe potuto essere ancor più gradevole se privo delle scritte, numeri e simboli impressi e che non hanno nessuna utilità reale, appesantendo un po' il tutto alla vista. Less is more, ricordi ASUS? Il gruppo ottico è composto da 2 obiettivi, grandi e circolari, leggermente protrudenti (uno più dell'altro) rispetto alla superficie della scocca.

Non abbiamo invece apprezzato granché la cover in plastica rigida inclusa nella confezione, né bella né comoda e dal sapore cheap che stona parecchio con la qualità del telefono: meglio provvedere quindi ad acquistarne un'altra.

Display

il display OLED di ASUS Zenfone 9 è ottimo
il display OLED di ASUS Zenfone 9 è ottimo

Il display dello Zenfone 9 rappresenta un piccolo miglioramento rispetto al già ottimo pannello del predecessore. Si tratta di un OLED realizzato da Samsung da 5,9", che a tutti gli effetti è una delle misure più piccole che si possano trovare al giorno d'oggi su uno smartphone Android, ancora più esclusive tenendo conto della sola fascia medio/alta a cui appartiene il device ASUS. Il refresh può raggiungere i 120 Hz mentre la risoluzione è di 1080 x 2400 pixel per 445 ppi e un rapporto di forma 20:9. Purtroppo non si tratta di un display LTPO, quindi non possiede la tecnologia di refresh dinamico che consente di variare in automatico il valore da 1 a 120 Hz in base al contenuto visualizzato. Ciò significa che il pannello può girare soltanto a 120, 90 o 60 Hz: questi valori possono essere impostati dall'utente dall'apposito menu o lasciati in automatico, affinché il software decida quale usare a seconda della situazione.

La luminosità è leggermente superiore allo Zenfone 8, con 800 nit di luminosità e 1100 nit di picco in HDR: valori molto alti che garantiscono un'eccellente leggibilità anche sotto al sole diretto. La temperatura dei colori è personalizzabile attraverso le relative opzioni, mentre l'Always On Display è ben supportato e adattabile secondo i propri gusti. Il supporto all'HDR10+ permette poi di ottenere il massimo dai servizi di streaming come Netflix, Youtube e compagnia.

Fotocamere

ASUS Zenfone 9 possiede 2 obiettivi
ASUS Zenfone 9 possiede 2 obiettivi

Zenfone 9 è dotato di una componente fotografica composta da due sensori: un wide principale Sony IMX766 da 50 MP f/1.9 e una ultrawide Sony IMX363 da 12 MP f/2.2. Partendo dalla principale, si tratta di una camera di notevole livello già adottata su parecchi telefoni di fascia medio/alta e alta, compresi veri e propri cameraphone come l'Oppo Find X5 Pro. In questo caso c'è l'ulteriore vantaggio del fatto che il sensore è montato su una gimbal a 6 assi in grado di compensare ben 3 gradi di vibrazione, contro un solo grado dei sistemi di stabilizzazione ottica tradizionali. Ciò si traduce in un'eccellente capacità sotto questo punto di vista, che va a dare vita a immagini di qualità davvero notevole in condizioni di buona luminosità, con tanti dettaglio e colori vivaci.

L'assenza di un obiettivo tele dedicato potrebbe essere visto come un punto debole, e a tutti gli effetti sarebbe ovviamente stato interessante averlo a disposizione, ma evidentemente uno zoom digitale di un ottimo sensore è meglio che uno zoom ottico di un sensore modesto. Ecco quindi che il 2x restituisce immagini ancora molto buone con una perdita di dettaglio accettabile, mentre salire ulteriormente fino all'8x diventa sempre meno sensato in termini di qualità finale.

Sorprendentemente buone invece le performance dell'ultrawide da 113°, ed entrambe le ottiche sanno farsi apprezzare anche con scarsa luce grazie alla modalità notte, molto efficace e con un livello di rumore sempre molto basso. La selfie camera da 12 MP è anch'essa parecchio valida, del tutto adeguata allo scopo e capace di garantire ottimi risultati sia in modalità normale che ritratto.

Per quanto riguarda invece i video, il telefono può registrare fino a 8k a 24 FPS, ma - come sempre - è meglio fermarsi ai 4k a 60 che sono disponibili su entrambe le fotocamere. E tutte e due sono in grado di registrare ottimi video, con il vantaggio della stabilizzazione della wide che è di straordinaria efficacia per evitare il mosso.

ASUS Zenfone 9, una foto con la fotocamera wide
ASUS Zenfone 9, una foto con la fotocamera wide
ASUS Zenfone 9, una foto con la fotocamera ultrawide
ASUS Zenfone 9, una foto con la fotocamera ultrawide
ASUS Zenfone 9, un selfie con la fotocamera frontale
ASUS Zenfone 9, un selfie con la fotocamera frontale

Batteria

La batteria di ASUS Zenfone 9 è eccellente
La batteria di ASUS Zenfone 9 è eccellente

Uno dei traguardi più interessanti del lavoro di ingegnerizzazione di ASUS è nella capacità della batteria considerate le dimensioni ridotte del telefono: sono ben 4300 i mAh di cui è dotata, un valore notevole in così poco spazio che in combinazione con le modeste richieste energetiche del SoC e la limitata area del display si traduce in una longevità eccezionale dello Zenfone 9. Non è affatto complicato raggiungere le due giornate intere di utilizzo, non necessariamente troppo leggero, e in ogni caso utilizzando il device di ASUS ci si può dimenticare il patema da "batteria scarica" senza doversi di fatto limitare in nessuna maniera particolare.

Tanto per intenderci siamo attorno a 17 ore di riproduzione video ininterrotte, quasi un record. Non altrettanto impressionante la velocità di ricarica, che si ferma a 30 W, abbastanza lontana dalle vette del mercato, ma comunque non certo lenta e che all'atto pratico significa 75 minuti per andare da 0 a 100%. Non è presente la ricarica wireless, ma il peso di tale assenza è piuttosto soggettivo e legato alle abitudini di ciascun utente.

Prestazioni

Le prestazioni di Zenfone 9 sono al vertice visto che monta lo Snapdragon 8+ Gen 1, attualmente il chip più evoluto di Qualcomm, assieme all'ottima GPU Adreno 730. Il modello a nostra disposizione era quello con 16 GB di RAM, ma 8 restano molto più che sufficienti in qualsiasi situazione. Ad ogni modo, i benchmark che utilizziamo come riferimento testimoniano come lo smartphone di ASUS non abbia davvero nessun timore reverenziale, raggiungendo valori tra i più alti da noi registrati: non a caso è uno dei pochissimi ad aver portato 3D Mark Wild Life al valore di "maxed out".

Dobbiamo però segnalare come lo Zenfone 9 sia un telefono che scalda veramente parecchio se messo sotto stress: al termine del test Antutu sono stati raggiunti 46 gradi sulla batteria e 52 sulla CPU, valori che si sentono tutti tenendo il telefono in mano. Ovvio che questa situazione si faccia sentire solo in condizioni particolari, e che non abbiamo ravvisato problemi di thermal throttling, ma è necessario segnalarlo. Non è da escludere che futuri aggiornamenti possano migliorare le cose anche in maniera sostanziale.

Videogiochi

ASUS Zenfone 9 ha un Game Mode molto versatile
ASUS Zenfone 9 ha un Game Mode molto versatile

Il discorso relativo ai videogiochi con Zenfone 9 non è semplicissimo da affrontare, perché se da un lato le capacità puramente tecniche permettono di far girare senza nessun problema qualsiasi titolo attualmente disponibile, e anche quelli che usciranno per diversi anni, dall'altro le dimensioni ridotte dello schermo rappresentano in parte un limite che in questo specifico campo di applicazione può farsi sentire. Se nei titoli con interfacce semplici e controlli minimali non ci sono problemi, vedi per esempio Asphalt 9, con esperienze più complesse può essere un po' più complicato interagire correttamente coi tasti o riuscire a leggere il testo più piccolo. Diablo Immortal, Call of Duty Mobile e Genshin Impact rientrano in questa categoria: non stiamo parlando ovviamente di esperienze ingiocabili su Zenfone 9, tutt'altro, ma di situazioni in cui uno schermo più grande è certamente più gratificante. D'altra parte ogni caratteristica porta con sé i suoi pro e i suoi contro, motivo per cui se si desidera dare una priorità alla compattezza del proprio smartphone si deve necessariamente accettare anche qualche compromesso.

Detto questo, Zenfone 9 offre anche un'apposita modalità per il gaming, chiamata Game Genie: in questo caso ASUS ha voluto mettere a frutto l'esperienza maturata con il ROG Phone, e infatti si tratta di una delle migliori declinazioni in assoluto disponibili su telefoni non espressamente dedicati al gioco, con la possibilità di gestire su diversi preset la preferenza su prestazioni rispetto ad autonomia, di visualizzare statistiche di utilizzo e usare strumenti vari ad hoc.

Esperienza d'uso

ASUS Zenfone 9 è il miglior smartphone Android compatto attualmente disponibile
ASUS Zenfone 9 è il miglior smartphone Android compatto attualmente disponibile

Ottima la personalizzazione di Android realizzata da ASUS, che sostanzialmente offre una versione quasi stock del sistema operativo di Google, ovviamente in versione 12, ritoccando e aggiungendo solo qualche dettaglio ed elemento extra. Tra questi, parecchio interessante è la gestione del tasto di accensione, sul quale è anche collocato il sensore di impronte molto comodo, preciso e veloce. Ma tale bottone, chiamato Tasto Smart, non risponde soltanto a queste funzioni base: può infatti essere usato per richiamare comandi e applicazioni a seconda che lo si tenga premuto, si faccia una doppia pressione o lo si strisci con il pollice. Inoltre si può associare una app anche al doppio tocco del retro del telefono.

Molto buono l'audio stereo, rotondo e profondo anche nei bassi, ben al di sopra delle aspettative. Tra l'altro, pur essendo già abbastanza alto nel volume massimo, tramite un'opzione si può fare in modo di raggiungere un volume ancora maggiore, perdendo un po' in pulizia del suono.

Dal punto di vista degli aggiornamenti garantiti invece, ASUS promette 3 anni di patch di sicurezza e 2 major update di Android: siamo nell'ordinario per quanto riguarda i telefoni di fascia media, ma vista la scheda tecnica da top di gamma sarebbe stato molto apprezzabile se il produttore avesse voluto assicurare perlomeno un ulteriore aggiornamento del sistema operativo.

Infine il prezzo, che per le tre combinazioni 8+128, 8+256 e 16+256 è di 799, 849 e 899€. Le prime due sono sicuramente quelle da preferire, sulla base di quanto spazio di archiviazione si pensa di aver bisogno. La versione di ingresso, per un periodo iniziale promozionale, può essere acquistata al prezzo lancio di 729€. Si tratta di cifre più alte rispetto al lancio di Zenfone 8, ma che sono giustificabili a fronte delle qualità del prodotto e della diversa situazione macro economica mondiale con alta inflazione. In ogni caso, non ci vorrà molto prima di vedere le cifre ritoccate verso il basso, come sempre accade in ambito Android.

Commento

Prezzo 799 €

Multiplayer.it

8.7

ASUS ha alzato la barra con Zenfone 9, migliorando sostanzialmente quanto già di buono fatto col predecessore. Il risultato è che ci troviamo di fronte al miglior smartphone Android compatto attualmente sul mercato: non certamente un settore con grande competizione, questo va detto, ma anche in presenza di concorrenti andrebbe premiata l'eccezionale scheda tecnica accompagnata da un design molto piacevole, un'autonomia eccellente e un impianto fotografico di pregevole livello. Sia chiaro, Zenfone 9 non è perfetto, ma è un telefono realizzato con cura e attenzione, e questo si traduce in un'esperienza d'uso incredibilmente piacevole che mette l'utente al centro, costruendogli attorno uno strumento versatile, concreto e intelligente nel senso più letterale del termine.

PRO

  • Il migliore smartphone Android compatto
  • Scheda tecnica da top di gamma
  • Ottima autonomia
CONTRO
  • Ricarica non velocissima e niente wireless
  • Sotto stress scalda parecchio
  • Solo 2 aggiornamenti di sistema garantiti