Bleach Mobile 3D, la recensione 13

Finalmente disponibile anche in Italia, Bleach Mobile 3D ripercorre la storia del manga di Tite Kubo nell'ambito di una struttura action RPG: la nostra recensione

RECENSIONE di Tommaso Pugliese   —   28/11/2019

La recensione di Bleach Mobile 3D non può che partire dai molteplici riferimenti che il gioco fa alla serie creata da Tite Kubo, nata nel 2001 e sviluppatasi nell'arco di ben quindici anni, dando vita anche a una serie televisiva composta dalla bellezza di 366 episodi.

Parliamo insomma di un successo enorme, capace di vendere oltre 90 milioni di volumetti solo in Giappone, eppure non particolarmente rappresentato nell'ambito dei videogame: per assurdo, il protagonista Ichigo Kurosaki ha trovato miglior fortuna come guest star che non nelle produzioni a lui espressamente dedicate, vedi ad esempio la partecipazione al recente Jump Force.

Il gioco segue gli eventi della storia di Bleach, coinvolgendoci in una sequenza di capitoli spesso scanditi da immagini tratte proprio dall'anime (purtroppo in bassa definizione), e arricchiti ovviamente dalla presenza di tutti i personaggi che i fan della serie conoscono bene.

Tutto ha inizio quando il già citato Ichigo Kurosaki entra in possesso dei poteri degli Shinigami, ricevendoli da Rukia Kuchiki: il ragazzo comprende il peso di tale responsabilità e giura di difendere le persone dall'attacco degli spiriti maligni che si muovono fra questo mondo e l'aldilà. Naturalmente la trama viene scandita da un numero esorbitante di combattimenti con avversari sempre più forti, che spingeranno Ichigo ad attingere a tutte le proprie risorse per compiere la sua missione.

Gameplay e struttura

L'interfaccia di Bleach Mobile 3D è quella tipica degli MMORPG per iOS e Android, di chiara derivazione orientale: tantissime icone sullo schermo, testi, nomi e note che sulle prime possono confondere e richiedono un po' di pratica per essere assimilate. Lo stesso sistema di progressione si divide fra svariate schermate e oggetti spendibili per il potenziamento dei personaggi e del loro equipaggiamento, un elemento indispensabile per poter procedere nella storia da un certo punto in poi.

Parliamo infatti di un titolo freemium, che come tale può essere scaricato e utilizzato gratuitamente, ma dopo i primi capitoli introduce un paywall che obbliga a effettuare una discreta quantità di grinding per poter crescere e acquisire le abilità necessarie per sconfiggere i nuovi nemici.

Purtroppo la componente narrativa viene sacrificata sull'altare della velocità: al gioco mancano i tempi giusti e una direzione rigorosa, che sappia valorizzare le varie sequenze e i dialoghi; e così ci si ritrova a saltare i testi e a proiettarsi rapidamente da un incarico all'altro, addirittura ricorrendo al movimento automatico, senza badare troppo ai dettagli e lanciandosi a testa bassa nei combattimenti.

Colpa anche di un hub urbano non proprio splendido da vedere, viziato da grossi problemi di pop-up e da una grafica in cel shading che purtroppo non si avvicina minimamente a quanto di meglio è possibile trovare in ambito mobile. È un peccato, perché i dialoghi in giapponese conferiscono al gioco la giusta atmosfera, di concerto con una colonna sonora di discreta fattura.

Una volta in missione, il sistema di controllo touch consente di agire come in un qualsiasi action RPG, utilizzando uno stick analogico virtuale nella parte sinistra dello schermo e una serie di pulsanti di diverse dimensioni nella parte destra: il più grande attiva l'attacco standard, gli altri consentono di effettuare scatti veloci e mosse speciali, alcune delle quali piuttosto spettacolari.

Sbloccando alcuni compagni di viaggio potremo inoltre contare su manovre assist anch'esse belle da vedere e piuttosto efficaci, nell'ambito tuttavia di una prima fase della campagna molto banale sul fronte della sfida, in cui è possibile battere chiunque senza peraltro subire danni. La resa degli impatti è buona ma non ottima, tuttavia il problema più grande sta nella ripetitività delle situazioni, che non viene smussata neanche dalla presenza di alcune modalità di contorno, fra cui un multiplayer a base strategica.

Versione testata
iPad (1.2)
Digital Delivery
App Store, Google Play
Prezzo
Gratis
Multiplayer.it

6.5

Lettori

S.V.

Il tuo voto

Bleach Mobile 3D rappresenta un passatempo interessante qualora abbiate voglia di ripercorrere la storia dell'anime e dei suoi molteplici personaggi, cimentandovi con combattimenti piuttosto spettacolari ma generalmente ripetitivi e dotati di scarso spessore. A questo tie-in manca purtroppo la personalità: sequenze e dialoghi non vengono valorizzati, tutta la fase esplorativa appare caotica e brutta da vedere, l'interfaccia si perde fra i troppi elementi che la compongono e a un certo punto arriva, inevitabile, il paywall che obbliga a effettuare un bel po' di grinding per poter andare avanti.

PRO

  • La trama di Bleach è appassionante
  • Dialoghi in giapponese, belle musiche
  • Sistema di combattimento solido...

CONTRO

  • ...ma l'azione è molto ripetitiva
  • Tecnicamente solo discreto
  • Modello freemium aggressivo