Lenovo Legion Y25-25, la recensione

La recensione del Lenovo Legion Y25-25, un monitor 1080p da 240Hz che punta al compromesso tra prezzo e caratteristiche da gaming competitivo.

RECENSIONE di Mattia Armani —   08/04/2021
4

La nostra recensione del Lenovo Legion Y25-25, parla di un monitor IPS 1080p da 24.5 pollici che combina Free-Sync Premium, compatibilità con la tecnologia G-Sync e un'ergonomia elevata con un refresh da 240Hz, ottimo per gli eSport e per chi in genere preferisce immagini decisamente fluide. Vediamo più nel dettaglio le caratteristiche del prodotto.

Qualità costruttiva

Lenovo Legion Y25 25 1

Con l'arrivo di pannelli IPS sempre più reattivi la combinazione tra una buona fedeltà del colore e un refresh elevato ha preso piede anche nel segmento dei monitor 1080p, ancora preferiti da chi guarda più ai tempi di risposta che alla definizione. Il 1440 sta prendendo sempre più piede grazie al moltiplicarsi di prodotti ad alto refresh più abbordabili, ma una soluzione di questo tipo ha il vantaggio del peso, delle dimensioni e del prezzo, che si aggira intorno ai 360 euro. Abbastanza da risultare più conveniente, seppur non di un margine enorme, rispetto a soluzioni simili. Alcune di queste, va detto, sono caratterizzate da una fedeltà del colore leggermente migliore, ma il monitor Lenovo si fa perdonare mettendo in campo un'ergonomia decisamente elevata.

Fedele al design Lenovo, il Legion Y25-25 è un monitor da gaming piatto che non indugia in vezzi estetici, rinunciando del tutto all'illuminazione RGB, ma garantisce al giocatore il pieno controllo sulla posizione del pannello. Troviamo infatti un'inclinazione verticale abbondante, una rotazione laterale di 30 gradi, la possibilità di alzarlo o abbassarlo di 13 centimetri e una rotazione dello schermo di 90 gradi che permette di posizionarlo in verticale. Inoltre sulla base sono incise alcune tacche che permettono di orientare con precisione il pannello.

Lenovo Legion Y25 25 4

Ai lati di queste, tra l'altro, troviamo due larghi piedi in metallo che sostengono il monitor e risultano la zona più riconoscibile della parte frontale del monitor. Riprendono infatti il classico pattern a fori Lenovo, sul retro presente su tutto il rettangolo che contiene la circuiteria dello schermo, sdrammatizzando, assieme al bordo azzurro, una base fin troppo voluminosa per un monitor di queste dimensioni. Asciutto ed elegante invece il sostegno tubolare in metallo che non manca di passa cavi nella forma di una sorta di moschettone piazzato sul retro. Il tutto comunque racchiuso in 5.59 Kg che non sono pochissimi ma includono anche l'alimentatore, inserito direttamente in un monitor facile da montare e caratterizzato da un'ottima qualità costruttiva. Non manca infine un reggi cuffie estensibile, piazzato sul lato sinistro, sottile ma in metallo e robusto.

Funzionalità

Lenovo Legion Y25 25 3

Robusto e tutto sommato elegante, il Legion Y25-25 offre anche una buona connettività, pensata appositamente per chi può aver bisogno di collegare diversi dispositivi direttamente al monitor. Da qui le 4 porte USB Type-A, due delle quali sul fianco sinistro accanto al jack audio da 3.5mm, e una porta Type-B piazzata sul retro dove troviamo anche un ingresso HDMI 2.0 e un ingresso DP 1.2, sufficienti per sfruttare al massimo tutte le caratteristiche del pannello da 240Hz che garantisce immagini in movimento ben più definite di uno da 144Hz.

Purtroppo alla comodità della connettività, non corrisponde quella del menù che rinuncia all'ormai diffusissimo stick per un serie di tasti piazzati nella parte destra della cornice inferiore. Macchinosa e superata, questa impostazione rende complicato muoversi tra le impostazioni al buio, spingendo a preferire laddove possibile l'applicazione Display Control Center che comunque permette di mettere mano alle impostazioni dell'immagine, di passare alla gamma sRGB, di ripartire il desktop e di accedere alle impostazioni da gaming che includono otto profilo preimpostati.

Qualità dell'immagine

Lenovo Legion Y25 25 8

Le tre cornici superiori dello schermo sono ovviamente ultrasottili, ma c'è una piccola banda nera prima di arrivare al pannello dovuta alla combinazione tra tecnologia IPS da un millisecondo di latenza minima dichiarata e 240Hz di refresh. Ma per potersi avvicinare al tempo di risposta minimo, il Legion Y25-25 ha bisogno dell'impostazione Overdrive spinta al massimo, cosa che genera un fenomeni di overshoot marcati, al punto da distorcere visibilmente l'immagine. Per questo ci siamo accontentati del livello medio, ottenendo un'immagine decisamente migliore e piuttosto precisa. A ben guardare si intravede qualche scia, ma nel complesso la resa in gaming è buona, complice un input lag decisamente basso che favorisce chi ha i riflessi migliori.

I compromessi legati all'uso della tecnologia IPS includono un contrasto imparagonabile con quello dei pannelli VA, ma se non altro il monitor Lenovo rispetta il valore dichiarato di 1000:1, garantendo un'immagine sufficientemente vivida nonostante la luminosità effettiva scenda anche al di sotto dei 250 nit. Non ci saremmo aspettati certo i 400 nit dichiarati, raggiungibili solo con l'HDR che risulta prevedibilmente castrato dalle caratteristiche del monitor, ma avremmo sperato in valori per lo meno vicini ai 300 nit.

Lenovo Legion Y25 25 2

A contribuire a una buona resa dell'immagine sono senza dubbio i colori che rientrano tra i pregi dei pannelli IPS. La profondità del colore si ferma a 8-bit mentre la copertura dello spazio sRGB al 99%, risultando leggermente più bassa rispetto a quella di monitor dalle caratteristiche simili. Ma la taratura di fabbrica è buona, anche se tende leggermente verso i toni blu. Eccezionale invece l'uniformità del pannello, decisamente meno soggetto al backlight bleeding di altri monitor da gaming IPS di simile fattura.

Commento

Prezzo
360 €
Multiplayer.it

8.5

Il Lenovo Legion Y25-25 è un monitor da gaming essenziale che cerca il compromesso tra prezzo e qualità dell'immagine e lo fa posizionandosi leggermente al di sotto di modelli simili in termini di copertura del colore e luminosità per poter offrire un refresh di 240Hz a circa 360 euro. Il tutto combinato con una buona ergonomia, un'ottima qualità costruttiva e un'eccellente uniformità del pannello. Nel conto dobbiamo metterci anche l'overshoot, che spunta spingendo i tempi di risposta al minimo e il menù piuttosto scomodo, ma non compromettono la natura di un monitor non certo pensato per l'ambito professionale quanto per offrire un'immagine di qualità all'utente in cerca di una fluidità elevata.

PRO

  • Buon prezzo per un IPS da 240Hz con FreeSync e G-Sync
  • Ergonomia elevata e qualità costruttiva ottima
  • Input lag contenuto e pannello decisamente uniforme
CONTRO
  • Non certo al top per copertura del colore e luminosità effettiva
  • Overshoot marcato spingendo i tempi di risposta al minimo
  • Menù scomodo