One Piece: World Seeker, la recensione 79

A zonzo per il mondo dei pirati di Eiichiro Oda nei panni di Rufy: il gioco della vita per i fan di One Piece o una delusione? Scopritelo nella nostra recensione di One Piece: World Seeker.

RECENSIONE di Christian Colli   —   14/03/2019

Con oltre novanta volumi all'attivo, One Piece è oggi l'ultimo manga ad essere pubblicato tra i cosiddetti Big Three che hanno ridefinito il fumetto shonen giapponese negli ultimi anni. Mentre Dragon Ball e Naruto proseguono tra spin-off e sequel, One Piece continua la sua corsa grazie all'instancabile fantasia del suo autore Eiichiro Oda, rappresentando uno dei principali pilastri dell'editoria nipponica. Come tale, non poteva scampare alla commercializzazione a nastro di tie-in su tie-in videoludici di qualità altalenante, spesso affidati allo sviluppatore Ganbarion per soddisfare i palati dei fan. Forse è per questo che attendevamo One Piece: World Seeker, di cui state leggendo la recensione, con una certa curiosità. È un gioco che cerca di reinventare la formula abusata del picchiaduro e del musou e del gioco di ruolo con un approccio open world che si sposa bene con lo stravagante e fantasioso universo di Oda. Peccato che una serie di scivoloni abbia compromesso il risultato finale, come potrete leggere nelle prossime righe.

Una storia fuori canon

One Piece: World Seeker si colloca fuori continuity nella lunga storia della serie. Consideratelo una specie di filler, alla stregua di un lungometraggio che non ha ripercussioni sul futuro di Rufy e della sua banda di pirati. Questo significa che potreste giocarlo anche senza conoscere minimamente la serie, ma a quel punto avrebbe poco senso perché vi perdereste tutto il fanservice su cui si regge la trama. I nostri beniamini, infatti, naufragano su un'isola completamente inedita all'inizio del gioco, dove la marina si è insediata da qualche tempo, spaccando in due la popolazione. C'è chi è a favore della marina e chi è contro: in particolare, la giovane Jeanne guida una sorta di resistenza nel nome della defunta madre. Jeanne è un po' il motore di tutta la vicenda e intorno a lei e alla sua complicata situazione familiare gira la storia di World Seeker.

Dapprima diffidente, Jeanne chiederà aiuto a Rufy e alla sua ciurma per riportare la pace sull'isola: il nostro compito, nei panni di Cappello di paglia, sarà quindi quello di riunire la banda dispersa e poi aiutare gli abitanti a risolvere i loro problemi. La storia, infatti, si suddivide in vari capitoli o missioni principali, ma il gioco sciorina una generosissima quantità di missioni secondarie - non sempre opzionali - che si dividono in varie categorie. Dopo aver accettato un incarico, dovremo raggiungere un certo luogo e raccogliere oggetti, sconfiggere qualche nemico e così via. La varietà non è moltissima, ma ci sono alcune missioni più particolari in cui dovremo trovare personaggi o luoghi entro un certo limite di tempo oppure seguendo degli indizi visivi; qualche volta dovremo persino giocare in stealth, anche se queste missioni sono spesso frustranti e fuori luogo.

Le missioni più importanti sono maggiormente articolate e si incentrano sulle piccole vicende degli abitanti, appoggiandosi a dialoghi un po' prolissi e raramente doppiati in lingua giapponese, anche se perlopiù i personaggi si limitano a dire una parola o due che esprimono i loro stati d'animo. Se è vero che le missioni della storia sono le più succose, spesso legate anche da cinematiche di un certo impatto, resta comunque fondamentale cimentarsi in quelle secondarie per vari motivi. Innanzitutto, sono praticamente l'unica cosa che c'è da fare nel gioco. In secondo luogo, aumentano il Karma coi vari comprimari: è una specie di legame che cresce completando gli incarichi o raggiungendo determinati obiettivi e che aumenta la popolarità di Rufy, sbloccando scenette, costumi e altro ancora. Infine, le missioni ci ricompensano coi materiali e i punti abilità che servono a far crescere la potenza del nostro eroe.

I combatti-meh-nti

Gabarion ha trovato un modo intrigante, per quanto scontato, di riunire sull'isola praticamente tutti i comprimari e i nemici più importanti che Rufy abbia conosciuto in ventidue anni di pubblicazione. Personaggi come Smoker, Kuzan, Crocodile e così via compaiono sotto forma di boss o miniboss, spesso occupando una posizione nella paginetta del Karma di Rufy. Purtroppo i combattimenti contro questi nemici sono tutt'altro che esaltanti, non tanto perché disegnati in modo banale e anticlimatico, ma perché è proprio il sistema di combattimento a deludere su tutti i fronti. Bisogna capire, in effetti, che One Piece: World Seeker è un gioco incentrato principalmente sull'esplorazione, ma Ganbarion avrebbe potuto spremersi un po' di più per rendere gli scontri - che ci sono e sono anche parecchio frequenti - più interessanti.

Senza scomodare il fatto che si controlli soltanto Rufy - ci torneremo più avanti - si resta per praticamente tutto il gioco con un sistema di combattimento incentrato essenzialmente su due stili di lotta che dispongono ciascuno di una singola combo. Spendendo i punti abilità guadagnati, il giocatore può effettivamente ampliare le risorse di Rufy, ma si tratta davvero di poca roba. L'idea dei due stili non è neanche malvagia: il Busoshoku è più lento ma consente di parare, di incassare meglio i colpi e di sfondare le difese avversarie; il Kenbunshoku garantisce una maggiore velocità, la possibilità di schivare e di prendere i nemici alle spalle. Il problema è che i controlli restano legnosi e poco reattivi, perciò è anche scomodo cambiare stile nel mezzo di uno scontro - Rufy deve prima concludere la combo - o semplicemente interpretare le animazioni dei nemici per schivare o parare al momento giusto, innescando alcune capacità aggiuntive che scimmiottano gli action game più sofisticati.

Insomma, non stiamo giocando Bayonetta o Dark Souls, chiaro, ma un po' più di sostanza sarebbe stata gradita. C'è da dire che i punti si guadagnano abbastanza in fretta e quindi si sbloccano abilità a manetta fin dall'inizio, ampliando il repertorio dei colpi speciali - consumano un indicatore che si riempie durante gli scontri - ma anche migliorando i parametri vitali e le capacità di movimento di Rufy. Resta il fatto, però, che la varietà di nemici è estremamente bassa e che la loro disposizione lascia interdetti nella maggior parte dei casi. One Piece: World Seeker, sotto questo aspetto, semplicemente non è disegnato bene. Ci sono nemici che vi prendono da chilometri di distanza o che percepiscono la vostra presenza in modo del tutto casuale, mentre i più forti si aggirano insieme ai più deboli facendovi fuori con due colpi per suggerirvi molto delicatamente che non siete ancora pronti per affrontarli. La potenza di Rufy, infatti, cresce col Karma e con gli accessori che equipaggia: questi ultimi si trovano nelle casse sparse per l'isola, oppure si possono fabbricare sulla Thousand Sunny.

Trofei PlayStation 4

I 44 trofei si dividono in 28 di bronzo, 12 d'argento e 3 d'oro, ai quali ovviamente va sommato il trofeo di platino. Si guadagnano completando le missioni, sbloccando le varie abilità, sconfiggendo i nemici in determinate condizioni e esplorando tutta l'isola.

Un mondo vuoto

Una volta riunita la ciurma, Rufy può accedere alla Thousand Sunny, ma non fraintendete: non si può navigare, poiché la nave è ormeggiata, e potremo soltanto parlare coi nostri compagni. Potremo inviarli in missione a recuperare materiali per conto nostro, consumando quelli che abbiamo raccolto in modo che Sanji possa preparare dei manicaretti da viaggio; inoltre, Franky e Usop ci permetteranno di fabbricare accessori e tenute che possono migliorare i parametri di Rufy e, in alcuni casi, cambiare anche il suo aspetto. La raccolta dei collezionabili è molto importante: essi appaiono come puntini luminosi sulla mappa e sono necessari anche in molte missioni. Sfortunatamente, l'elemento esplorativo di One Piece: World Seeker è limitato essenzialmente alla ricerca di casse e materiali in giro per il mondo, ed è un peccato perché l'isola disegnata da Ganbarion è davvero bella.

Più che altro è fedele allo stile di Eiichiro Oda, pur non garantendo una enorme varietà di ambientazioni e locali. Si tratta perlopiù di un'isola verdeggiante in cui si alternano paesini, montagne e città più sofisticate, ma l'Unreal Engine 4 mette in mostra colori accesi, tanti dettagli e un colpo d'occhio molto piacevole. Il problema è che questo "open world", che si spalanca praticamente fin da subito, è quasi completamente vuoto. Eccezion fatta per gli abitanti che gironzolano per le città - comunque in numero decisamente risicato rispetto alle dimensioni degli ambienti - e per i nemici disseminati un po' dappertutto, l'isola di One Piece: World Seeker è deserta. Non ci sono animali, mostri o creature che le diano una parvenza di vitalità, non c'è neppure un ciclo giorno/notte o un'alternanza di effetti atmosferici. L'impatto positivo iniziale, insomma, si esaurisce presto per cedere il passo alla noia e alla ripetitività per colpa anche di una colonna sonora che deve essere personalizzata manualmente per essere più presente: una feature originale ma di dubbia utilità.

Esplorare l'isola, fortunatamente, è abbastanza divertente, una volta sbloccate le abilità giuste. Rufy può correre più veloce, fluttuare temporaneamente ma, soprattutto, proiettarsi da una sporgenza all'altra usando il caratteristico Gom Gom Rocket neanche fosse lo Spider-Man di Insomniac. Purtroppo complicano le cose qualche collisione abbozzata e una telecamera troppo ravvicinata, ma in generale ci si diverte non poco a lanciarsi di qua e di là, sempre stando ben attenti a non finire in acqua altrimenti si riparte dal checkpoint più vicino dopo un fastidioso caricamento. È chiaro che Ganbarion ha incentrato tutto il gioco su Rufy proprio per le sue capacità gommose di spostarsi in un'ambientazione molto vasta: non sarebbe stato altrettanto divertente farlo nei panni dei suoi compagni, anche se il combattimento avrebbe sicuramente guadagnato in varietà e in profondità. Peccato, quindi, che si passi tutto il tempo a giocare nei panni di Cappello di paglia, anche perché visivamente One Piece: World Seeker rispetta le fonti con una modellazione poligonale e un cel shading che rendono giustizia allo stile di Oda e ai suoi famosissimi personaggi.

Versione testata
PlayStation 4
Multiplayer.it

6.0

Lettori (19)

6.4

Il tuo voto

One Piece: World Seeker è il classico tie-in un po' deludente, ma questa volta è cambiato qualcosa perché Ganbarion quantomeno ha azzardato un esperimento pieno di potenziale. Il gioco ha un sacco di difetti sui quali i fan soprassiederanno facilmente, divertendosi per qualche ora in compagnia dei loro beniamini, tuttavia c'è una base solida su cui si può costruire e, finalmente, allontanarsi un po' dai soliti musou e picchiaduro che impestano il mercato ogni anno. Lavorandoci su, un eventuale sequel potrebbe essere addirittura memorabile.

PRO

  • È pur sempre One Piece
  • Le meccaniche di spostamento sono divertenti
  • La storia è molto carina

CONTRO

  • Sistema di combattimento deludente
  • Struttura ripetitiva
  • Il mondo è praticamente deserto
  • Peccato poter controllare solo Rufy