Stellaris: Nemesis la recensione dell'ultimo DLC di questa space opera

Stellaris: Nemesis è l'ultimo DLC della grandiosa space opera di Paradox Interactive: nella recensione scopriamo tutte le novità

RECENSIONE di Luca Forte   —   02/05/2021
35

L'originale Stellaris è stato pubblicato da Paradox nel maggio del 2016. In questi 5 anni il gioco, similmente all'epopea spaziale che vuole provare a raccontare, si è espanso, evoluto e perfezionato. Paradox Development Studio ha progressivamente modificato tutti gli aspetti del gioco, dall'economia alla gestione di pianeti, passando per la gestione delle flotte spaziali e persino rivedendo il sistema di espansione nell'universo. Certo, c'è ancora spazio per migliorare, ma in questa recensione di Stellaris: Nemesis proveremo a raccontarvi di come lo studio svedese abbia cercato di espandere anche l'endgame, forse uno degli aspetti meno curati del gioco.

Come da tradizione, un update di questo genere arriva assieme ad un importante aggiornamento gratuito (Stellaris 3.0 'Dick') che aggiunge per tutti nuove opzioni e possibilità, che però sono in grado di sbocciare solo grazie a tutte le espansioni.

La struttura modulare tipica di Paradox potrà non piacere a tutti, ma consente con pochi euro l'anno di avere un gioco sempre nuovo e interessante e in costante evoluzione. Certo, ogni volta che esce un aggiornamento di questo tipo bisogna abbandonare i vecchi salvataggi e imparare nuovamente a giocare per assorbire tutte le novità, ma è un sacrificio che si è probabilmente disposti a fare per poter giocare a uno dei migliori 4X di sempre.

Essere la Crisi

Essere la Crisi o colui che la combatte?
Essere la Crisi o colui che la combatte?

La novità principale di Stellaris: Nemesis consente di ricevere al termine della partita nuovi, eccezionali poteri grazie ai quali poter dare tutto un altro sapore all'ultima porzione di ogni partita. Finora, infatti, il gioco ruotava intorno al concetto di Crisi. In maniera casuale, una volta che tutto l'universo è stato colonizzato, compariva da un qualche anfratto dello spazio conosciuto un esercito estremamente potente che ha come unico scopo quello di distruggere tutte le civiltà presenti nel gioco. Quando questo succedeva bisognava rimboccarsi le maniche, organizzare gli eserciti e sperare di non venire travolti da un qualche divoramondi o impero risvegliato.

Con Nemesis, come è facile intuire, Paradox ha pensato di dare la possibilità ai giocatori di diventare la Crisi finale. Per farlo da una parte ha reso più strutturato il diventare cattivi, attraverso l'accumulo di una nuova 'valuta', la Minaccia. Questa può essere ottenuta distruggendo pianeti, combattendo guerre o persino infrangendo la legge della comunità spaziale, schiavizzando popoli o cacciando specie protette.

Una volta ottenuta sufficiente Minaccia sarà possibile spendere i punti acquisiti per ottenere navi, tecnologie e strumenti grazie ai quali poter pensare non solo di consumare l'universo conosciuto, ma anche di resistere agli sforzi coordinati degli altri popoli per fermarvi.

Le nuove navi e le nuove tecnologie hanno tutte un aspetto molto minaccioso, che rende anche visivamente gratificante avanzare da una galassia all'altra lasciando alle spalle solo cenere. Una volta ottenuto sufficiente materiale dal nucleo dei pianeti distrutti sarà possibile costruire un Motore Etorofasico per cancellare qualunque forma di vita dall'universo.

Se solo ci fosse stato un riscontro visivo sulla mappa generare della nostra devastazione, sarebbe stato perfetto.

Guardiani della Galassia

Nel caso in cui non vogliate portare l'universo al collasso, potreste decidere di seguire il percorso opposto: ovvero diventare i guardiani della galassia. Quando una di queste crisi emergerà, infatti, sarà possibile usare la propria influenza nel Senato Galattico per provare ad ottenere dalle altre civiltà speciali poteri in grado di rendere più efficace la difesa contro avversari così potenti.

Come se diventasse un enorme federazione, il Custode potrà controllare un potente esercito finanziato da tutti i mondi da opporre alla Crisi. Con l'andare avanto con il conflitto potrete decidere, in pieno stile Palpatine, di ottenere sempre più poteri, fino al punto da creare un vero e proprio Impero Galattico unificato. Un'entità enorme e tentacolare, il cui unico scopo è quello di sopravvivere a sé stesso, sedando le rivolte e controllando i regni periferici.

Dick Dick

Il nuovo Primo Contatto di Stellaris: Nemesis
Il nuovo Primo Contatto di Stellaris: Nemesis

Come dicevamo questo nuovo aggiornamento è legato al nuovo aggiornamento 3.0, chiamato Dick. Grazie a questo update Paradox ha cambiato il sistema del primo contatto (ora simile a quello dei resti archeologici) dandogli un po' più di varietà e spessore.

L'altra novità principale va a modificare il sistema della diplomazia. Con la presenza degli emissari, infatti, potremo decidere se utilizzare queste figure specializzate per migliorare le relazioni diplomatiche, rovinarle o creare una rete di spionaggio. Quest'ultima opzione consente di scoprire le intenzioni degli avversari, di anticipare le loro mosse o di provare a mettere i bastoni tra le ruote della loro civiltà, distruggendo l'economia o scatenando delle ribellioni.

Tutte queste novità non sono ancora approfondite e "game changer" come avremmo sperato, ma aggiungono ulteriori possibilità alla complessissima space opera dei Paradox Development Studio

Commento

Digital Delivery
Steam
Prezzo
19,99 €
Multiplayer.it

9.0

Lettori (4)

9.3

Il tuo voto

Stellaris: Nemesis è sicuramente un acquisto consigliato, se non obbligato per tutti coloro che ancora giocano con questo apprezzato 4X. Si tratta di una serie di aggiunte intelligenti e interessanti, che danno un pizzico di varietà in più durante la fase finale delle partite. Provare ad essere la Crisi o a riunire lo spazio in un unico impero sono obiettivi affascinanti, che potrebbero valere sicuramente un altro paio di partite (e quindi decine di ore di gioco). Tutti gli altri potrebbero, invece, aspettare. Nemesis comincia a cambiare il gioco nelle fasi avanzate della partita: siate sicuri di arrivarci, prima di decidere di spendere i soldi per l'espansione.

PRO

  • Due nuovi finali
  • Il design delle nuove navi
  • La scusa per rigiocarci
CONTRO
  • Solo nel finale si notano le novità
  • La galassia non muta dopo la distruzione