Aztech Forgotten Gods, il provato di un gioco d'azione ispirato agli Aztechi

Il nostro provato di Aztech Forgotten Gods, un gioco d'azione ispirato agli antichi Aztechi: ecco cosa ne pensiamo.

PROVATO di Nicola Armondi —   08/10/2021
4

Lo Steam Next Fest ci ha regalato centinaia di demo di giochi interessanti in arrivo nei prossimi mesi e uno di quelli che ha attirato la nostra attenzione è Aztech Forgotten Gods, un gioco d'azione ad alto ritmo che mira a creare un sistema di combattimento a 360° basato sul volo.

Ecco il provato della demo di Aztech Forgotten Gods.

Aztech: antichità futuristica

La protagonista di Aztech Forgotten Gods di fronte a una reliquia
La protagonista di Aztech Forgotten Gods di fronte a una reliquia

Aztech Forgotten Gods viene descritto dagli sviluppatori come un gioco d'azione e avventura "cyber-stone". Nei panni di Achtli, una giovane donna, dobbiamo scoprire la verità nascosta all'interno di una metropoli futuristica mesoamericana. La ragazza, per un motivo attualmente non noto, è in possesso di un artefatto, una braccio tecnologico in grado di farla volare a grande velocità. Con questo braccio può anche eseguire potenti attacchi, che dovremo sfruttare per abbattere enormi boss.

Sappiamo molto poco della trama e la demo da noi provata non risponde a molte domande. La fase di test inizia in media res, con i personaggi che si preparano a fare un esperimento su una qualche tecnologia legata al braccio di Achtli. Purtroppo il gioco non spiega come si è arrivati a quel punto ed è impossibile capire esattamente le motivazioni delle azioni della protagonista. Sappiamo che avrà il supporto della madre, una scienziata, presentata come una donna amorevole, ma comunque pronta a mettere a rischio la figlia per la scienza.

Se sull'intreccio è impossibile esprimere un'opinione, ma possiamo fare un rapido commento sulle potenzialità dell'ambientazione. Una civiltà futuristica mesoamericana, con una mitologia ispirata alle divinità azteche, potrebbe di certo riservare qualche sorpresa e siamo curiosi di vedere qualcosa in più. Per ora a livello tecnico ci sono vari limiti, con modelli poligonali e animazioni (che si notano soprattutto durante le sequenze narrative) tutt'altro che di alto livello. Considerando però che mancano ancora vari mesi all'uscita (primo trimestre 2022) e che il grosso del gioco sarà vissuto con una telecamera ben distante dall'azione di gioco, è possibile che il prodotto finale non deluda sotto questo punto di vista.

Combattimenti

La protagonista di Aztech Forgotten Gods che si lancia a capofitto verso terra
La protagonista di Aztech Forgotten Gods che si lancia a capofitto verso terra

La demo di Aztech Forgotten Gods dura circa 15 minuti e, oltre alla poco chiara sequenza iniziale che vi abbiamo già illustrato, si concentra su un solo combattimento, un enorme boss al centro di una piazza cittadina. Si tratta di una creatura dai tratti alieni, composta da un corpo centrale e una serie di mani volanti indipendenti che dovremo abbattere una dopo l'altra, fino a quando non potremo esporre il "cervello" della creatura per dare il colpo di grazia.

La demo non include un vero e proprio tutorial e si limita a indicare i tasti, ma ci vuole poco per capire il funzionamento del sistema di combattimento. C'è una barra che indica il livello di carica del braccio: fintanto che si ha energia, è possibile lanciarsi verso l'alto in verticale o in diagonale nella direzione verso cui è rivolta la telecamera.

Lo scontro presente nella demo, che supponiamo sia uno dei primi dei gioco, è abbastanza semplice e ci chiede solo di volare verso i punti rossi luminosi del corpo della creatura e attaccare con il nostro pugno gigante. Non è richiesta una particolare precisione, in quanto un mirino appare in automatico appena siamo a portata e premendo il tasto di attacco veniamo lanciati contro il nostro obiettivo.

Un tempio dallo stile futuristico
Un tempio dallo stile futuristico

Il boss attacca creando onde di energia sferiche, con dei buchi nei quali infilarsi per non essere colpiti. Ogni tanto crea dei minion, creature che vengono eliminate in un paio di colpi senza particolari difficoltà. Questi lasciano cadere due tipi di valute: ciò fa intuire che vi sarà un sistema di acquisto o potenziamento di abilità e/o oggetti. Per ora nulla di tutto ciò è stato presentato.

Si tratta di una battaglia rapida e poco complessa: i danni che ci vengono inflitti sono minimi e abbiamo una cura a ricarica a disposizione che basta e avanza per controbilanciare i colpi subiti. Difficile dare un giudizio strutturato, ma la sensazione di gioco è positiva. Lo scontro è rapido, il sistema di volo è semplice da utilizzare, gli attacchi permissivi e - anche se non abbiamo avuto modo di provarle - ci dovrebbero essere altre abilità da sbloccare (ne possiamo vedere una in un trailer, nel quale la protagonista si blocca a mezz'aria per caricare un potente colpo in scatto).

Aztech Forgotten Gods è un gioco d'azione con un'ambientazione che potrebbe riservare qualche sorpresa. Un mondo mesoamericano futuristico è intrigante, anche se abbiamo dei dubbi sul lato tecnico, per il momento. Il gameplay, basato su combattimenti aerei contro grandi boss, è immediato e semplice, ma un solo scontro non basta per dare giudizi. Le premesse ci sono e siamo incuriositi: dovremo vedere se il gioco completo, in arrivo nel primo trimestre 2022, saprà convincere.

CERTEZZE

  • Il sistema di combattimento è immediato
  • L'ambientazione è intrigante
DUBBI
  • A livello tecnico per ora ha vari limiti
  • La narrazione è un grande punto di domanda