Elex 2: l'anteprima del seguito dell'affascinante gioco Piranha Bytes!

Non sarà un gioco perfetto, ma Elex è stato uno dei GDR più affascinanti degli ultimi tempi. E l'anteprima di Elex II mostra che il sequel non vuole essere da meno

ANTEPRIMA di Francesco Serino —   01/07/2021
52

Piranha Bytes, chi li conosce? Sono tedeschi, non hanno chissà quanti soldi dietro, ma col cuore sono riusciti a creare dei giochi di ruolo indimenticabili. E questo nuovo Elex II potrebbe essere il loro gioco migliore.

La serie Gothic è stata un fulmine a ciel sereno, chi se l'aspettava quella roba? Profonda, malleabile, con un'ambientazione originale, ma fedele a certi canoni intoccabili. I primi due Gothic sono avventure indimenticabili, per chi le ha provate ai tempi della loro uscita. Risen non ha avuto lo stesso successo: è partito bene, ma si è afflosciato strada facendo, forse perché ha cercato con troppa foga di conquistare più pubblico possibile, rimanendo però sempre quel tipico prodotto pieno di problemi che piace soprattutto a chi sa dove cercare il bello, che nei giochi Piranha Bytes è soprattutto nell'impianto ruolistico, nel gameplay vero e proprio.

Scopriamo in questa anteprima di Elex II perché questo potrebbe essere il loro gioco migliore.

Successo crescente

Elex II: La grafica del gioco non sembra affatto male, rimane comunque povera di dettagli.
Elex II: La grafica del gioco non sembra affatto male, rimane comunque povera di dettagli.

Con Elex, uscito nel 2017, Piranha Bytes ha tentato di tornare alle origini, alle meraviglie di Gothic, utilizzando un'ambientazione altrettanto nuova, tra fantascienza e fantasy, tra Dune e Le Avventure di Rocketeer, tra Fallout e proprio Gothic.

Anche Elex aveva e ha tutt'ora i suoi punti deboli, anzi debolissimi, come un sistema di combattimento troppo vecchio, una progressione nelle abilità singhiozzante. Ciò nonostante, se ti metti comodo evitando di fare un dramma ad ogni sbavatura, un post sui social ad ogni bug, ti accorgi che di giochi così ce ne sono davvero pochi. Se oggi stiamo per parlarvi di Elex II, significa che il pubblico, nonostante tutto, continua a seguirli, e le cose potrebbero andare ancora meglio con questo seguito visto che nel 2019, Piranha Bytes è entrata a far parte nella famiglia THQ Nordic.

Amici e nemici

Elex II: amici, nemici, potenti e deboli, cattivi e buoni. Con chi vi alleerete?
Elex II: amici, nemici, potenti e deboli, cattivi e buoni. Con chi vi alleerete?

Elex II, di cui abbiamo assistito a una presentazione privata, appare subito come un concreto passo in avanti rispetto al predecessore, a partire dalla grafica molto più appariscente sebbene ancora limitata nei dettagli. Ancora una volta ci troviamo davanti a un vero e proprio open world rigorosamente in terza persona.

Rispetto al passato però possiamo aspettarci scenari molto più dinamici e vivi. Almeno queste sono le intenzioni degli sviluppatori, c'è però da dire che da questo punto di vista, almeno per quel che riguarda gli NPC, i Piranha Bytes raramente hanno deluso. Utilizzando freddi numeri, ci dicono che nel gioco saranno presenti più di trecento NPC disposti a parlare con il nostro personaggio, e numerosissime linee di dialogo che dovrebbero garantire una risposta ancora più sorprendente alle nostre azioni.

Voli pindarici

Elex II: Dateci un jetpack e ne usciremo migliori e più felici, non era così che diceva il saggio?
Elex II: Dateci un jetpack e ne usciremo migliori e più felici, non era così che diceva il saggio?

Quello di Elex II viene definito da Piranha Bytes un mondo simulato e creato per fornire la massima libertà al giocatore. L'intera mappa, al netto di eventuali zone legate alla progressione della trama, vuole essere fin da subito completamente esplorabile dai giocatori. Logicamente ci saranno zone più difficili di altre e che sconsigliamo di visitare senza un equipaggiamento adeguato, ma queste informazioni sono comunque molto utili per farci capire verso che direzione si sta muovendo la costruzione del mondo, il level design, di questo seguito.

Dettagli importanti anche perché Elex II, esattamente come il precedente, ci fornirà fin da subito un elegante jetpack che permette la massima mobilità, garantendo anche ai personaggi appena creati spostamenti molto veloci verso ogni direzione. Il jetpack ha due diverse modalità di volo: quella stazionaria indispensabile per guardarci in giro con calma e, dopo aver speso qualche punto abilità, anche di combattere, e quella verticale che aumenta a dismisura la velocità ma è molto meno precisa nei movimenti. Investendo punti nel modo giusto, è praticamente possibile volare esattamente come in Anthem, anzi meglio che in Anthem, e tutti sappiamo come quella fosse una delle cose più divertenti del gioco Bioware.

Scelte che pesano

Elex II: nonostante ci abbiano mostrato molto poco del gioco, la varietà degli ambienti ci è sembrata già più che soddisfacente e nettamente migliore rispetto al primo gioco.
Elex II: nonostante ci abbiano mostrato molto poco del gioco, la varietà degli ambienti ci è sembrata già più che soddisfacente e nettamente migliore rispetto al primo gioco.

Chi non conosce Elex deve sapere che il mondo nel quale è ambientato, chiamato Magalan, è stato colpito da una gigantesca meteora che ha portato alla luce una sostanza molto particolare, simile alla spezia di Dune, che può essere utilizzate per diversi scopi, dalla fabbricazione di efficientissimo carburante alla costruzione di pericolosissime armi di distruzione di massa.

La situazione politica del Magalan crolla perché tutte le fazioni iniziano a farsi guerra per il controllo di questa sostanza chiamata proprio come il gioco: Elex. Elex II vede l'arrivo di una nuova e inaspettata minaccia, ovvero un gruppo di soldati mutanti che hanno trascinato nella povertà tutti gli abitanti del pianeta. Gli eventi portano a una disgregazione ulteriore delle fazioni che di conseguenza ha reso la situazione su Magalan ancora più precaria e difficile. Non è un caso che questa volta potremo affiliarci a cinque diverse fazioni, tutte molto diverse tra loro e ognuna con una sua cultura, uno stile architettonico e di combattimento, ben preciso; ogni fazione propone una lunga storyline e molte di queste non saranno compatibili tra loro, quindi una volta che avremo portato la nostra amicizia oltre un certo livello, non potremo tornare sui nostri passi.

Tutto il contrario di quanto accade negli ultimi due The Elder Scrolls, dove si può diventare il più grande guerriero e contemporaneamente il più potente mago in circolazione, il ladro più abile di tutta Skyrim, licantropo e cacciatore di licantropi.

I soliti problemi?

Elex II: il sistema di combattimento, dicono, è stato completamente rivisto. Si notano tante nuove animazioni ma il feedback dei colpi, almeno allo stato attuale, resta a dir poco deficitario.
Elex II: il sistema di combattimento, dicono, è stato completamente rivisto. Si notano tante nuove animazioni ma il feedback dei colpi, almeno allo stato attuale, resta a dir poco deficitario.

Mentre il video che ci veniva mostrato si concentrava su alcuni scontri all'arma bianca, Michael Ruve, una delle figure più importanti di Piranha Bytes, ha parlato di un sistema di combattimento totalmente rivisto rispetto a quello che animava il primo Elex.

Noi non possiamo che fidarci sulla parola visto che le immagini lasciavano senza dubbio intravedere dei miglioramenti, ma niente di davvero sconvolgente, e in grado di innalzare Elex II verso qualità inaspettate. È necessario però dire che per via della sua affascinante ambientazione, Elex supporta praticamente di tutto: magie, spade, asce, pistole, mazze, fucili, motoseghe, che questa volta potremo utilizzare anche in volo. Insomma, non sarebbe una cosa facile da gestire nemmeno per i grandi studi. Come è prassi nei giochi Piranha Bytes, specializzarsi in un'arma piuttosto che in un'altra richiede molta dedizione, elemento che insieme alle numerose fazioni che comportano diverse fondamentali scelte di trama, rendono Elex II estremamente rigiocabile.

Spade, mazze e jetpack

Elex II: armi ed armature sono effettivamente molto belle, e ci permetteranno di creare eroi di una bellezza folgorante.
Elex II: armi ed armature sono effettivamente molto belle, e ci permetteranno di creare eroi di una bellezza folgorante.

Tornando a Magalan, gli sviluppatori sembrano aver dato davvero tutto il possibile per rendere l'esplorazione divertente e varia. Abbiamo un ciclo giorno e notte piuttosto realistico, la possibilità di dormire per velocizzare lo scorrere del tempo, villaggi, intere città, dungeon di ogni tipo e, raccontano, tantissime missioni secondarie molto diverse anche nella tipologia, spesso estremamente complesse nello svolgimento.

Da questo punto di vista, Elex II può davvero diventare il gioco più ricco e complesso tra quelli sviluppati da Piranha Bytes, e anche noi siamo effettivamente fiduciosi che le intenzioni si traducano, almeno in questo campo, in realtà. Veniamo anche a sapere che il gioco ci permetterà di portare con noi uno o più "party members", ognuno con le sue caratteristiche uniche, un peculiare modo di combattere e una storyline tutta da scoprire.

La presenza di questi personaggi influenzerà anche altre missioni non strettamente legate alla loro storia, garantendoci per esempio l'ingresso in una particolare area od obbligandoci a dolorose rinunce. Chissà come funzioneranno in un contesto dove ci è permesso di svolazzare allegramente ovunque, se per esempio anche loro avranno un jetpack che gli permetterà di seguirci senza problemi ovunque...

Fascino indiscusso

Elex II: Il gioco avrà un ciclo giorno e notte e potremo anche riposare per far scorrere più velocemente il tempo. Niente di nuovo, ma comunque interessante.
Elex II: Il gioco avrà un ciclo giorno e notte e potremo anche riposare per far scorrere più velocemente il tempo. Niente di nuovo, ma comunque interessante.

Piranha Bytes non si è trasformata improvvisamente in una software house di alta fascia, ma in Elex II, almeno da quel poco che siamo riusciti a vedere, si vede chiaramente la volontà di fare un salto di qualità percepibile da tutti. Elex ha una trama affascinante, una scrittura piuttosto buona, è pieno di scelte, ed Elex II prova a moltiplicare tutto questo innestando l'esperienza in un'ambientazione sempre più affascinante.

Le armi sono belle, le diverse armature - a metà strada tra quelle che indosserebbe un chierico fantasy, un pilota d'aerei anni '50 e uno psicopatico di Kenshiro - tolgono il fiato, e anche gli scenari sono pervasi da un carisma effettivamente unico. Rimane e rimarrà fino all'uscita quello strato di povertà che Piranha Bytes potrà scrollarsi di dosso soltanto moltiplicando il budget a disposizione, che però è anche l'elemento che solitamente tarpa le ali ai progetti migliori.

Elex II ha davvero tutti i numeri per sorprendere il proprio pubblico, e contemporaneamente attirare l'attenzione su tutti quegli utenti che non hanno mai conosciuto Elex o nemmeno la stessa Piranha Bytes. Il gioco uscirà in una data non meglio precisata del 2022 su console di vecchia e nuova generazione, incluso il PC ma ad esclusione di Switch.

CERTEZZE

  • Art design molto bello
  • Chi non vuole essere un eroe volante?
  • Tantissime scelte che aumentano la rigiocabilità
DUBBI
  • Il nuovo sistema di combattimento non sembra ancora all'altezza
  • Povero nei dettagli